mercoledì 7 luglio 2010

Attacco a sorpresa!!!

Hanno fatto tutto in fretta, distribuendo migliaia di depliant ed esponendo manifesti nell'androne di ogni palazzo. Poi, come i re magi, si sono presentati alla porta di ognuno con i "doni": un contenitore in plastica per la raccolta della parte umida "areato" (che vuol dire tanti buchi e puzza che si espande per tutta casa) e tanti sacchetti di carta dalla dubbia solidità.

La nuova raccolta differenziata al Tuscolano, a nemmeno una settimana dal primo annuncio, è già partita (anche se i cassonetti, per ora, rimangono al loro posto) e non si può dire che l'abbia fatto in sordina.

E' stato messo in scena anche un incontro pubblico per spiegare ai cittadini come farla. Anche in quel caso "doni" alle gentili signore: un sacchettino di fertilizzante per le loro petunie prodotto dall'impianto di Maccarese (quello al collasso per i troppi rifiuti) .
L'incontro però a tutto è somigliato fuorché a un momento di "confronto" fra cittadini e istituzioni. In sostanza, il succo del discorso portato avanti dai promotori della raccolta è stato: "si fa come decidiamo noi, e basta!".

Tutti d'accordo! Destra (l'assessore al comune De Lillo, che però si è guardato bene dal farsi vedere), sinistra (nella persona del presidente della circoscrizione, Sandro Medici, in rappresentanza anche di tutta la sua maggioranza) e tecnici AMA uniti sotto un comune obiettivo: non dare il tempo al cittadino di rendersi conto di quanto gli sta per cadere sulla testa...
 

Nonostante questo qualcuno ha reagito, ha protestato. Qualcun altro, più disponibile alla novità, ha provato a chiedere delle  modifiche (un turno di raccolta anche al pomeriggio), a proporre dei miglioramenti (cestoni condominiali là dove lo spazio lo consente). Ma non c'è stato verso... L'incontro non era fatto per "ascoltare" i cittadini, ma semplicemente per "comunicare" la nuova legge minacciando multe fatte da decine di addetti assunti per l'occasione.

E allora i dubbi dei cittadini, le proteste, finanche i buoni propositi, hanno dovuto trovare altre forme di espressione per non essere annullate da questo "democratico" modo di fare.
Dalla chiacchiera sotto al portone si è passati alle lettere ai giornali e alla rete, con thread sull'argomento e video di chi si è improvvisato reporter.

Inutile soffermarsi sulle chiacchiere da bar, che vanno da un depressissimo "ci considerano meno di niente..." a un minaccioso "che ci provino...!", riferito alle multe e agli addetti della nuova annunciata polizia della monnezza.
Vale la pena, invece, di dare conto delle civilissime parole con cui due lettori del Messaggero hanno espresso i loro dubbi sulla raccolta differenziata al Tuscolano. Nella prima lettera un ragazzo, Emilio Lupis, porta ad esempio l'esperienza milanese, molto diversa da quella che si propone a Roma:

...a Milano ogni condominio (ove abita la maggior parte della popolazione) è dotato di una serie di bidoni con uno sportello posto in alto degli stessi che li sigilla, in cui i condomini devono gettare i rifiuti in base i dettami di raccolta differenziata adottati e i sacchi con la spazzatura vengono esposti alla sera in giorni e orari concordati per il ritiro da parte di Amsa. Così facendo si ottengono una serie di vantaggi: il primo è consentire di gettare praticamente quando si vuole la spazzatura, la società di smaltimento non avrebbe sostenuto i costi per la fornitura dei sacchetti e dei cestini, la città non avrebbe più cassonetti di alcun tipo...

In un'altra lettera allo stesso giornale, il signor Francesco Zacco si concentra sulla mancanza di incentivi e premi verso i cittadini che fanno la differenziata a favore invece di un sistema di fatto repressivo verso chi potrebbe, per motivi vari, non farla:

...Come mai tutto questo nobile e solerte interesse, oggi, per le zone (e i relativi cittadini) di Roma fino a ieri trascurate da tutto questo? Forse perche' non ci sono piu' nemmeno l'ombra di questi premi e incentivi e, anzi, diventiamo un possibile immediato rimpinguo per le casse sempre anemiche del Comune di Roma, visto che chi non si atterra' scrupolosamente alle disposizioni del compostaggio sara' passibile di multa fino a ben 619 euro?...

Affianco a questi due messaggi altri cittadini scelgono toni più duri. Come Gothic, un utente di youreport, che scrive, tra l'altro:

...Eliminano i cassonetti verdi, vorrei che qualcuno mi dica se devo tenermi per 24 ore dentro casa i pannolini con la cacca del bambino, gli assorbenti di mia moglie. Insomma, non saremo più liberi di scendere giù e buttare i rifiuti nel cassonetto. Però ci riempiremo la bocca di ecologia, raccolta differenziata. Tutte cazzate, le cose non si fanno così! Questo è un disservizio bello e buono, è un abuso, è una prepotenza verso il cittadino... 

E accompagna al suo post anche un breve video in cui sono mostrate le risicate misure del famoso cestino "areato".


Oltre a questo, toni ancora più duri si trovano in un thread su Indymedia Roma, dal titolo esplicativo Roma, getterò la mia immondizia per strada, dove fra i vari commenti si può leggere:

...siamo stati, veniamo e saremo inculati più volte, e senza vasellina. Volete sapere come succede?
1 quando paghiamo la tassa dell'immondizia;
2 quando ci costringono a fare la differenziata togliendo i cassonetti, pena multe;
3 quando la differenziata viene data da smaltire a privati che vengono "profumatamente" pagati;
4 quando siamo costretti a comprare energia (o fertilizzanti) da privati che l'hanno prodotta con la differenziata che gli abbiamo dato noi pagandoli pure;
5 quando pesteremo la merda dei cani che nessuno più raccoglierà...

Oppure...

...L'amministratore del mio palazzo ha già messo il cartello: è vietato lasciare sacchetti e contenitori sui pianerottoli anche temporaneamente. E dove me la metterò la monnezza adesso che comincia a fare caldo e che non ci saranno più i cassonetti? In culo?...

E ancora...

...A regà, la raccolta differenziata va fatta, volenti o nolenti. E ben venga la rimozione dei cassonetti dell'indifferenziata, sennò vince la pigrizia e non la fa nessuno.
Certo il fatto di dover portare a mano la spazzatura ad un punto di raccolta e soprattutto con quegli orari è assolutamente ridicolo...

Più tutta un'altra serie di considerazioni che chi desidera approfondire può andare a leggersi da solo.

Più interessante di tutti, non fosse altro per la particolare fonte, è un thread apparso su un sito di "trekkisti", cioè di fan della serie Star Trek, in cui una ragazza dal nickname di Leonardo e il rango di comandante chiede un confronto con altri utenti di città in cui la differenziata è già attiva.

...Apro questo topic perchè vorrei sapere come si svolge la raccolta differenziata nel luogo in cui vivete... ...La biopattumiera che ci è stata consegnata gratuitamente sembra piuttosto piccola, i sacchetti sono di carta e sarà davvero difficile evitarne la rottura con l'umido ma la cosa più strana è che questi rifiuti (che sono poi quelli più maleodoranti) potranno essere portati solo in determinate ore del giorno e in unico punto della via.
Chi ha un cane dovrebbe raccoglierne i bisognini con una bustina di plastica, mi auguro che con questo nuovo sistema ci si possa disfare dello scomodo fardello durante tutte le 24 ore che compongono la giornata...

Intanto spiace informare la ragazza che i bisognini del cane andranno tassativamente raccolti con una busta di carta (a meno di voler svuotare e riutilizzare più volte quella di plastica), poi conservati sino a casa, dove dovranno essere uniti al resto dell'umido ed inoltre il sacchetto non potrà essere gettato sino a che non giunga il turno mattutino assegnato alla propria strada.

La ragazza ha evidentemente una "coscienza ecologica", perché si preoccupa di informarsi e riporta fedelmente tutto l'elenco di regole della differenziata "alla romana". Ma vale per tutte la risposta del capitano saavikam che a una sua domanda risponde così:

leonardo
Il motivo per cui ho aperto questo topic è sapere in quali parti d'Italia la raccolta differenziata si svolge in questo modo, perchè quando me ne sono lamentata con una mia amica lei mi ha risposto che Roma è in ritardo sotto questo punto di vista e nelle altre parti la fanno già tutti così...."

saavikam
Con tutto il rispetto per la tua amica, ma dovrebbe informarsi un pochino meglio. Qui a Genova, per fortuna, non si arrivati ad un delirio simile (e spero non ci si arrivi mai).

E il Capo Operazioni MiaPiccolina aggiunge:

...Il riciclo è una di quelle balle che ci vengono propinate attraverso i mezzi di informazione.

Riciclare costa e costerà sempre di più perchè hanno fiutato il bussines. Per assurdo il classico saccetto della spazzatura costa di meno e ci si guadagna di meno. Quindi è cattivo, brutto puzzolente ed inquinante...

Un sospiro di sollievo lo tira Cubo Borg, membro dell'equipaggio, scoprendo che questa nuova raccolta non tocca il suo quartiere:

...sono salvooooooooo!!!
MONTEVERDE LIBERO!!!!...


Mentre il capitano manuè ha proposte piuttosto spicce in caso di controlli:

leonardo
Pare che ci siano degli addetti dell'AMA in borghese che aprono il sacchetto e te lo controllano e se c'è qualcosa che non va ti possono fare una multa fino a 619,00 euro.

manuè
vedrai che dopo le prime botte (ampiamente meritate) prese smetteranno.

già mi figuro la scena:
addetto ama: lei è in multa
tizio: prendimi la targa
addetto ama: deve darmi i documenti
tizio: vietteli a prendere... se ci riesci
addetto ama: ...


Anche in questo caso, per chi volesse approfondire, qui c'è il link a tutta la discussione trekkista che già conta cinque pagine di commenti.

Insomma, non c'è che dire: questa differenziata romana è appena cominciata ed è già un successone. A quando i comitati di quartiere per riavere i cassonetti?


(nota: chiunque sia al corrente di altre discussioni, interventi e articoli di giornale sulla questione è pregato di segnalarli nei commenti, così da approntare al più presto una lista di link da mettere a disposizione di tutti)

1 commento:

  1. Qui ci mangiano e marciano un po troppo.... a me non hanno neanche consegnato i sacchetti e il secchio....
    VERGOGNAAA

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.