domenica 24 ottobre 2010

Domenica è sempre domenica... di monnezza al Tuscolano


Un mucchio notevole, vero? Magari non può competere con quelli di Napoli o Palermo, ma anche questo è degno di tutto rispetto. Mancano topi e cani a rovistarci in mezzo, ma non si dispera che presto arriveranno anche loro...

Le foto sono state scattate ieri pomeriggio nelle solite strade che già conosciamo. Questa è via Licinio Stolone, la novità, in questo caso, è l'ennesimo coperchio rotto dall'autocompattatore (e non dai cittadini vandali, cara AMA...).


E sempre in via Stolone, un cassonetto arrivato già bruciato a inizio mese da chissà quale deposito e anche questo con le aste del coperchio spaccate dall'autocompattatore.


Un po' più in là ecco un altro mucchietto di immondizia. Poca roba, ormai se non arrivano all'altezza del cassonetto nemmeno li fotografiamo.


Un'altra novità in via Statilio Ottato, nel cartello si parla di divieto di sosta per il posizionamento di altri cassonetti. E con tutto lo spazio libero dove li vanno a mettere? Proprio davanti al portone del numero 33.


Purtroppo si continua a parlare di differenziata, per cui poche, per non dire nessuna, le speranze che stiano per rimettere i cassonetti verdi. Un sospetto sul perché vogliono mettere i cassonetti proprio davanti al portone ci sarebbe... Ne riparleremo nei prossimi giorni. Intanto, a soli venti metri da quel portone, la situazione è questa...

4 commenti:

  1. Ciao: è appena accaduta una cosa meravigliosa!
    presa dalla disperazione, oggi sono andata al punto AMA di Palmiro Togliatti a segnalare la grave situazione sotto casa mia. Ho trovato delle persone sorprendentemente disponibili e serie che hanno - in circa mezz'ora - fatto arrivare una caminetta per pulire. Sinceramente un tale degrado non se lo aspettavamo proprio (e io mi vergogno tanto): hanno deviato il traffico e hanno pulito tutta l'area dei cassonetti. Il camioncino - arrivato VUOTO - è partito dopo 40 minuti - si, avete letto bene: quaranta minuti - ed era PIENO, tanta era l'immondizia. Non solo i cittadini e alcuni eserczi commerciali avevano riempito i cassonetti bianchi e blu con l'indifferenziata (ieri per buttare la carta sono dovuta andare a via Nobiliore), ma l'immondizia era arrivata a superare i cassonetti stessi.

    Insomma a me ha fatto piacere; certo, potevano passare da soli già venerdì scorso er rendersi conto della disacrica a cielo aperto, ma sono contenta perché ho capito che con questa persone ci si può parlare.

    Inoltre mi hanno rassicurato sul fatto che le multe sono cominciate e che sono già tanti i cittadini colti in flagranza.

    Insomma: non molliamo!

    RispondiElimina
  2. Hanno un presidio ogni cento metri ogni mattina e hanno avuto bisogno di una tua segnalazione per intervenire? Senza parole...

    Comunque credo oggi pomeriggio di aver fotografato quel mucchione e domani lo posto insieme a tante altre di mucchioni simili e a una sorpresa (vedrete domani, promesso) che ci avvicina ancora un po' di più a Napoli e Terzigno.

    Sulle multe non mi sento di dar ragione all'AMA, perché è loro la responsabilità di questa situazione. Ma anche su questo sto preparando un post che potrebbe dimostrare che queste multe dell'AMA sono "illegittime".

    Un po' di pazienza, prima o poi troverò il tempo di scrivere tutto...

    RispondiElimina
  3. Condivido in pieno ciò che dice g.drogo..con tutti quei presidi non si accorgono di nulla??
    Stamattina sono uscita con 3 sacchi enormi..plastica,carta e cibarie varie..ho dato il sacchetto all'omino e mentre andavo a depositare "per terra" le altre due buste,l'omino mi ha detto "dia a me"..praticamente ha messo il sacco con carta e cartoni nel camioncino.. Il mio sguardo parlava da solo..e mi ha detto "signorì meglio sul camioncino che x terra".. E che c***o differenzio a fare io????

    RispondiElimina
  4. Ci hanno rinunciato per primi loro alla differenziata. Tanto quello che conta sono le finte statistiche fatte alla fonte. Semplificando, non conta quanta carta realmente raccoglie l'AMA per calcolare quanto si differenzia a Roma, ma quanti cassonetti bianchi ci sono sul territorio, anche se poi di carta non ne contengono nemmeno un foglio (come adesso al Tuscolano)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.