domenica 12 dicembre 2010

Il campione dell'AMA colpisce ancora!


Solo ieri vi avevamo mostrato le prodezze di questo campione nella disciplina olimpica del "ribalta il cassonetto". Si pensava che a questo autista dell'AMA, evidentemente ben fornito di "patenti napoletane", la performance fosse bastata. E invece ecco altri due cassonetti a pancia all'aria, il primo in via Tuscolana all'angolo con viale Giulio Agricola (eppure lì di spazio per far manovre ce n'è), il secondo in via Bonfante, davanti al mercato rionale.

Il perché di tanti cassonetti rovesciati in giro per Roma lo ha spiegato molto bene Luca (che bazzica anche in questo blog) in un commento a un post su RomaToday.

"Non riescono ad accostarsi ai cassonetti, o si mettono al centro della strada o fanno la fiancata, strano xche quel braccio meccanico si allunga fino ad un metro, e gli specchietti di un camion permettono di avere una buona visione, eppoi hanno a disposizione 5 telecamere....
Il loro problema e che non riescono a mettersi in parallelo con il cassonetto oppure si ci attaccano tanto che il braccio e costretto a spostare il cassonetto prima di sollevarlo e questo si ribalta non appena viene riposizionato su un punto che non era il suo..."

Capito il meccanismo? Ma Luca ci dice anche altro...

Per esempio indica con chiarezza quella che per lui è la causa principale di questi problemi.

"Sono un autista di Pullman gran Turismo e spesso transito per la cecchicnola onde evitare il traffico su via ardeatina al ritorno nel mio deposito, da ex camionista vi posso dire cio che vedo stando dietro di loro :
Da circa 6 mesi questi neo-assunti 19enni che non hanno mai portato un camion in vita loro ne hanno combinate di tutti i colori..."


Molto divertente è la descrizione di un piccolo contrattempo capitato a una delle autiste nuove assunte.

"inversione su un prato alla cecchignola con un compattatore...
La prima cosa che mi sono detta appena ho visto questa che dalla carreggiata si buttava sul fango è stata "Ma che se sente male ??", co tutto lo spazio che c'era sul piazzale ciavrebbe girato pure un tir da 18 metri.
che ridere quando e arrivato il carroattrezzi pesante...quella cretina alla guida avra avuto si e no 20 anni,  pensava che il camion fosse come la macchina e quando gli si è affossata la gemellare è scattato il differenziale e lei che faceva ??? accelleravaaaaaa...peggio che mai, sarebbe bastato svuotare il compattatore ed un mezzo del genere a trazione integrale sarebbe uscito fuori da subito.. solo che dopo 2 minuti di sgasate ormai era andata giu di mezzo metro e gli toccavano sul fango pure i semiassi..."

E ci rivela anche chi ha fatto certe strisciate verdi che si vedono sul viadotto della Magliana

"Eur. Il viadotto della magliana ormai ne ha visto di tutti i colori. Le scrisciate verdi sono le loro, oltre a quel cretino che girando ad un semaforo se l'e' incollato con tutto il guarda rail
Eppure li avra avuto si e no 20 anni, moro e pure coatto, e sceso ma tanto non ie ne fregava gnente (in ditta da me na cosa del genere e lavori 6 mesi gratis)
PS. ma lo sanno o no che i mezzi superiori alle 7 tonnellate non ci possono andare sul viadotto ??? Quel cartello con su disegnato il camioncino con tanto di tonnellaggio di massa a pieno carico hanno capito o no che si tratta di un divieto di transito...??"

Non è certo un quadro rassicurante quello che fa Luca della professionalità dei nuovi autisti AMA. Ma giocoforza tocca credergli: i tanti cassonetti rovesciati stanno lì a dimostrarlo.

E intanto il cassonetto bianco in via Licinio Stolone mostrato ieri sta ancora là, rovesciato, in attesa che arrivi una squadra a rimetterlo al suo posto sperando però che a guidarla non sia il nostro campione, altrimenti...

2 commenti:

  1. Ho appena mandato una mail con una foto allegata a fortezza se la pubblica se famo quattro risate...

    RispondiElimina
  2. Ricevuta la tua mail e ti ho già risposto. Controlla un po', ciao!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.