lunedì 18 aprile 2011

Dei doveri e dei doveri...


La differenziata è un dovere, recita l'inutile volantino dell'AMA che è stato affisso ai portoni e sui muri dei nostri palazzi negli scorsi giorni. Non c'è scritto nulla di fondamentale. Nient'altro che un generico e inconcludente promemoria di quattro righe di quello che sappiamo già, su dove vanno messe carta, plastica, umido e tutto il resto.

Si sono sforzati poco questa volta. Avrebbero potuto almeno fare una postilla su come è compito di tutti noi cittadini preservare l'ambiente in cui viviamo impegnandoci a ridurre e minimizzare il nostro impatto facendo la nostra parte.

Ma a quel punto avremmo potuto rispondere che è per questo che che abbiamo creato strutture e servizi, per aiutarci in questo compito. E' per questo che abbiamo messo su la nostra municipalizzata, l'AMA, la quale invece ogni giorno di più dimostra il suo pensarsi superiore a quelli che ne garantiscono l'esistenza pagando una delle tariffe rifiuti più alte d'Italia e pretende di darci lezioni di civiltà e di decoro...

Quello stesso decoro che lei per prima non rispetta, sia imponendo un sistema di raccolta inefficace che ha trasformato le strade in discariche, sia producendo inutile carta per proclami generici da affiggere sui muri  sprecando soldi (che andrebbero invece destinati alla raccolta dei rifiuti) per autocelebrarsi.

Noi cittadini del Tuscolano conosciamo bene il concetto relativo di decoro dell'AMA, che minaccia multe ai cittadini che dovessero lasciare un sacchetto fuori degli orari imposti, ma poi riempie di cartacce i muri del quartiere, quando non addirittura inchioda agli alberi i suoi avvisi.

Inutile, fastidioso e irritante quel volantino dell'AMA pretende di insegnarci come si vive e contiene in sé tutta l'arroganza di chi l'ha pensato e ha voluto distribuirlo. Ma i cittadini, questa volta, hanno saputo dare la giusta risposta a questa ennesima provocazione.

Ci sono voluti un paio di giorni, ma quei volantini sono già praticamente spariti da tutti i portoni (diligentemente infilati nei cassonetti bianchi per la raccolta della carta, perché noi abitanti del Tuscolano, cara AMA, siamo gente civile). E non per l'azione di uno o di alcuni, ma per il semplice buon senso dei tanti che si sono sentiti offesi dal sentirsi rinfacciati i propri doveri da chi per primo, come dimostra ogni giorno di più, non ottempera ai suoi.

4 commenti:

  1. Caro drogo buonasera,
    speriamo che domani 19 aprile, l'attesissimo Consiglio Municipale aperto del X° Municipio che si svolgerà alle ore 17.00, prenda atto delle sue responsablità.

    E si confronti !

    Tra una delle tante cose, vogliamo sapere, come mai all'inizio il piano dell'AMA prevedeva che la differenziata sarebbe partita da Cinecittà Est,statuario,Capannelle, e quarto miglio eppoi misteriosamente è stato deciso di partire dal Don Bosco/Tuscolano, ovvero, per chi non lo sapesse ancora, dal Quartiere con la più alta densità abitativa in Europa.

    Anche un bambino avrebbe capito che un piano concepito per una poplazione di 15-20 mila abitanti non poteva funzionare per una popolazione con più di 50.000 abitanti.

    Comunque, non saremo in Municipio a dare la colpa a nessuno in particolare, per noi saranno tutti uguali.

    Avendo tutti loro qualche responsabilità

    Per noi cittadini il Municipio dovrebbe rappresentare le Istituzioni e quindi sarà da loro che vorremo delle risposte.

    E non ci serve sentire è colpa di questo o è colpa di quell'altro.

    Noi vogliamo soluzioni e basta.

    Viaflavio Stilicone

    RispondiElimina
  2. Ciao ViaFlavio, ho visto i volantini che hai lasciato ieri nel mio palazzo. Purtoppo non ce la faccio a venire, e mi sento molto in colpa perchè sono una che ha baccagliato parecchio su questo blog. Problemi di lavoro!

    RispondiElimina
  3. Neppure io riesco a venire causa progetto in scadenza sul lavoro, ma attendo con ansia la pubblicazione dei risultati sul blog. (Ma perchè alle 17:00 :-()
    Fateci sapere se c'è da firmare qualche petizione, lettera, raccolta firme,qualsiasi cosa!
    Io suggerirei, visto che la menano tanto coi costi, fateci vedere NERO SU BIANCO i costi dell'aggiunta dei cassonetti neri/verdi per umido e non riciclabile che, mi sembra, sono la soluzione più ragionevole per organizzare in modo sensato la differenziata. Vorrei proprio vedere se costa meno organizzare una soluzione del genere, come in centro, con svuotamento, o questo delirio di orari/multe/camioncini/operatori AMA con l'ipod.

    RispondiElimina
  4. Grazie LadyM e grazie Roberta del vostro sostegno seppur con il cuore.

    Saremo un bel pò..................e vi garantisco che ci sentiranno ;-)

    Grazie anche a drogo, per tutta la sua efficacia informazione sul suo Blog riguardo i problemi che hanno portato lo scempio nelle Vie e Piazze Storiche di Cinecittà.

    Per tutti gli altri, partecipate, perchè dipende anche da noi oggi farci sentire.

    Infatti, come ben sapete, finora, abbiamo solo potuto ascoltare quello che avevano deciso questi signori(AMA e Istituzioni), senza farci dire, in questo lungo periodo di fallimento annunciato, quello che pensavamo.

    Viaflavio Stilicone

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.