venerdì 8 aprile 2011

Meno male che non c'è più Nerone


Eccone un altro...!

C'era quasi sfuggito, ma i segni che presenta sono inequivocabilmente provocati da un rogo. E così la lista dei cassonetti dati alle fiamme nel nostro quartiere si allunga.

Per essere più precisi, a bruciare non sono ovviamente i cassonetti, o quello che contengono, ma le montagne di rifiuti che si formano tutto attorno, a causa (ormai lo stiamo ripetendo all'infinito) della differenziata imposta dall'AMA, e che evidentemente superano il limite di sopportazione di qualcuno dotato di accendino (infatti i segni delle bruciature sono quasi sempre all'esterno dei cassonetti).

Ne abbiamo mostrati già tanti e questo, in via Scribonio Curione, a uno sputo dalla caserma dei vigili del fuoco (un altro po' e i pompieri potevano affacciarsi alla finestra con la pompa per spegnerlo), è solo l'ennesimo della lista.

Insomma, Nerone non c'è più da tempo a Roma, ma si vede che qualche suo parente alla lontana deve ancora bazzicare da queste parti. E se continua così, con ogni giorno nuovi cumuli di immondizia accanto ad ogni cassonetto, sarà una calda estate...

2 commenti:

  1. Lo rivedrei in azione volentieri a montecitorio...

    RispondiElimina
  2. drogo ha ragione!

    E se continua così, con ogni giorno nuovi cumuli di immondizia accanto ad ogni cassonetto, sarà una calda estate...

    I parenti alla lontana di Nerone, certamente potrebbero fare diversi falò nella nostra Zona.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.