venerdì 27 maggio 2011

L'apparenza inganna...


L'altro giorno, a ventiquattr'ore esatte dallo scippo che vi avevo segnalato, in piazza Don Bosco c'erano vigili in strada, col fischietto pronto a evitare la doppia fila mentre altre due auto giravano in tondo radio alla mano. Ieri mattina, invece, altri vigili stavano provvedendo a far rimuovere un motorino abbandonato (a questo si riferisce la foto) sempre nella stessa piazza.

Per un attimo ho pensato che forse stava cambiando qualcosa, che finalmente i vigili in quella piazza non li si sarebbe visti posteggiati in doppia fila soltanto a prendere il caffè al bar. Poi però ho guardato un po' meglio e sono tornato alla realtà di sempre...

Perché la presenza dei vigili in piazza mercoledì era solo di facciata, al seguito di un qualche assessore del comune venuto in visita nella periferia (almeno così mi è stato riferito). Tempo mezz'ora e finita la passerella anche i vigili sono spariti.

Mentre i motorini su quel camion tutto sembrano fuorché abbandonati. Saranno forse rubati o pignorati (ma in quel caso toccherebbe ai vigili occuparsene?), oppure anche banalmente rimossi per divieto di sosta. Ammetto di non saperlo e di non essermi fermato a chiedere spiegazioni.

Se però il mio primo pensiero è stato di pensare a un motorino abbandonato è perché di questi è pieno il quartiere. Un ulteriore elemento che unito alle strade piene di buche e all'immondizia sparsa in giro ci dà la misura del degrado in cui viviamo.


Mi è bastato fare una camminata di mezz'ora per trovare ben quattro motorini senza targa (in due casi palesemente abbandonati da tempo). Far piazza pulita di questi rottami renderebbe il nostro quartiere sicuramente più vivibile. Gli strumenti di legge ci sono, il decreto Decreto Ministeriale 22 ottobre 1999, n.460 che consente agli...

organi di polizia stradale... ...allorche’ rinvengono su aree ad uso pubblico un veicolo a motore o un rimorchio in condizioni da far presumere lo stato di abbandono e, cioe’, privo della targa di immatricolazione o del contrassegno di identificazione, ovvero di parti essenziali per l’uso o la conservazione... ...danno atto, in separato verbale di constatazione, dello stato d’uso e di conservazione del veicolo e delle parti mancanti, e, dopo aver accertato che nei riguardi del veicolo non sia pendente denuncia di furto, contestualmente alla procedura di notificazione al proprietario del veicolo, se identificabile, ne dispongono, anche eliminando gli ostacoli che ne impediscono la rimozione, il conferimento provvisorio ad uno dei centri di raccolta individuati annualmente dai prefetti...


Insomma, la legge lo permette, anche se i tempi per gli accertamenti non sono brevi e i loro costi sicuramente onerosi. Ma è anche vero che dopo sessanta giorni il motorino, se non viene reclamato, può essere rottamato e procurare un guadagno. E' quindi qualcosa che con l'impegno della pubblica amministrazione "si può fare", e i vantaggi che ne verrebbero per tutti sono sicuramente superiori ai costi.

Quello che serve è solo un po' di volontà...

3 commenti:

  1. Ciao Giovanni,
    sono Stefano.. per dare peso al tuo post ti racconto la mia esperienza: di fronte all'ingresso dell'abitazione dei miei suoceri è posteggiata una macchina (abbandonata naturalmente) dove pernottano due extracomunitari.. poverini, non sanno dove dormire, e su questo hanno tutta la mia solidarietà, ma se si comportassero in maniera consona, educata e "pulita" potrei anche starci, ma purtroppo non è così; si ubriacano, litigano, la macchina è un vero letamaio.. il tutto, ripeto, davanti al portone di casa.
    Detto ciò, pratica avviata il 23/02/2011 presso il comando dei vigili della palmiro togliatti; ad oggi 27/05/2011 la macchina è ancora lì e lo schifo continua...

    RispondiElimina
  2. Io penso che le varie autorità non debbano sempre aspettare una segnalazione per intervenire. Tocca a loro attivarsi se vogliono dimostrare di avere un controllo reale del territorio segnalando le situazioni critiche e attivando chi deve provvedere a risolverle.

    Ma sappiamo che, purtroppo, le cose non vanno così. E visto che è nostro interesse che le cose vengano fatte vale la pena di darsi da fare.

    Stefano, visto che ci sei passato, se potessi dirci la trafila che hai fatto (a chi ti sei rivolto, se c'è un numero di telefono o un link utile, cosa ti è stato richiesto...) forse potrebbe essere utile ad altri che stanno in condizioni simili.

    A parte questo, se altri hanno da segnalare auto o motorini abbandonati, li invito a farlo nei commenti, o sulla mia mail se si hanno anche foto. Potremmo anche fare un dossier da presentare in municipio, perché finalmente qualcuno se ne occupi.

    RispondiElimina
  3. Aggiornamento: è proprio vero che l'apparenza inganna.

    Il motorino celeste della prima foto, nonostante sia senza targa e senza più il rivestimento del sedile, pare (da segnalazione) che non sia affatto abbandonato. Me ne scuso col proprietario, se pure leggerà mai questo post.

    Non conoscevo l'abitudine di alcuni di staccarsi il targhino per portarselo a casa, ma cercando in rete ho trovato che chi lo fa rischia di brutto...

    Il mezzo senza targa può essere comunque rimosso e per riaverlo tocca pagare delle multe salatissime, fino a 700 euro.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.