mercoledì 8 giugno 2011

Da far cadere le braccia...


Non è chiaro se quella mostrata ieri nel corso dell'assemblea in piazza Don Bosco sulla fallimentare differenziata dell'AMA da parte di Action e USB sia semplice ignoranza, stolidità di pensiero o paraculaggine pura.

Già lo striscione esposto "Chi AMA Roma sceglie il porta a porta" la dice lunga su come la cosidetta assemblea non era stata convocata per discutere e confrontarsi su alcunché, ma per imporre ai cittadini la propria idea ad ogni costo. Che, detta in soldoni, è che l'Ama lo ha fatto apposta a fare una differenziata fallimentare per poi avere la scusa per poter fare gli inceneritori e bruciare tutto o per sotterrare i rifiuti in discarica.

Una tesi complottista in piena regola, che vedrebbe coinvolti decine e decine non solo di politici (compresi i loro), ma anche di tecnici dell'AMA (non per forza in quota centrodestra), in un progetto del male di altissima caratura.

A noi invece sembra più probabile l'idea, espressa più volte su questo blog, che i tanti problemi, sottovalutazioni, approssimazioni e scelte sciagurate che hanno trasformato il nostro quartiere in una discarica non siano frutto di un calcolo preciso ma di semplice peracottagine. E anche "l'assemblea" di Action di ieri ne è un chiaro esempio...

Davanti a una cinquantina di persone circa, quasi tutte anziane perché non è una bella idea convocare un incontro pubblico alle diciassette di un giorno feriale quando la gente è ancora in buona parte al lavoro, hanno parlato, nell'ordine, un esponente di Action che ha presentato l'iniziativa, un lavoratore dell'AMA, un esponente del comitato di Albano contro l'inceneritore, un sindacalista di USB, un altro lavoratore dell'AMA, il patetico (IMHO) esponente di un comitato di quartiere con un unico aderente (lui stesso), e ha chiuso la consigliera di Action al X municipio Cristiana Cortesi.

In mezzo a loro c'è stato "un unico" intervento di un cittadino del quartiere, che però (divertente intermezzo) ingannato dal logo dell'AMA al centro dello striscione aveva equivocato pensando che quelli di Action erano invece dirigenti della municipalizzata con cui potersi lamentare della tanta immondizia sparsa in strada.


Ma tornando ai promotori dell'assemblea, l'unica proposta fatta è stata quella del porta a porta, cioè l'eliminazione di "tutti" i cassonetti, che secondo loro risolverebbe i problemi del nostro quartiere soltanto sulla base del fatto che da altre parti funziona.

Il sindacalista dell'USB, ovviamente non del quartiere, ha portato a paragone l'esperienza di porta a porta della sua Cerveteri, mentre un lavoratore dell'AMA quella della sua Ariccia. Peccato che i loro stessi concittadini non siano affatto d'accordo con il loro entusiasmo e che tutti è due (con paraculaggine?) abbiano dimenticano di dire che Ariccia ha 18.000 abitanti su un territorio di 18 km quadri, Cerveteri 36.000 su 134 km quadri, mentre da noi ci sono ben 66.621 abitanti su 5,879 km quadri, e una densità di 11.000 abitanti per chilometro quadro, che però sale a dismisura se prendiamo in considerazione la zona interessata alla differenziata con 53.000 abitanti in poco più di un chilometro quadro.

Numeri che mostrano inequivocabilmente che ogni confronto è impossibile. E ostinarsi a farli mette in luce solo la disonestà o la totale incompetenza e ignoranza (a scelta) di chi lo fa. Eppure Action insiste col porta a porta, panacea di tutti i mali. E pretende anche di applicarlo a palazzi alti fino a dieci piani dove non ci sono spazi sufficienti per le normali attività, figuriamoci per cassonetti nei cortili.

Ma tutti questi a scuola, quando si studiava matematica, che facevano? Hanno provato a fare un semplice calcolo, applicato a un qualsiasi palazzone del nostro quartiere, su quanti sono gli abitanti, quanta immondizia (anche differenziata) si produce in un giorno in peso, ma soprattutto in volume, e a calcolare quanto spazio e quanti cassonetti occorrono in ogni condominio? Sicuramente no, altrimenti saprebbero benissimo che la loro proposta non è null'altro che una gran cazzata.

Di fronte a tanta chiusura mentale è fiato sprecato parlare di soluzioni alternative, prima fra tutte i cassonetti per l'umido (scelta adottata in molte città europee proprio per i quartieri più densamente popolati), ma anche dei TMB e della raccolta a valle.

Ciliegina sula torta, l'intervento della consigliera Cortesi, che evidentemente ha poco gradito il nostro riferimento al suo iniziale "entusiasmo" per la differenziata proposta dall'AMA ha tenuto a puntualizzare, (senza però mai nominare questo blog) che in consiglio municipale a luglio 2010 l'AMA è andata soltanto due giorni prima di rivolgersi ai cittadini, come dire che anche loro ne sapevano poco e sono stati messi davanti al fatto compiuto.

Ma allora come la spiega la Cortesi la firma di Sandro Medici sulla lettera che ci annunciava la differenziata? O forse, attenzione attenzione..., sta accusando il suo presidente, della maggioranza di cui fa parte, di averli tenuti all'oscuro? Almeno lui sarà stato ben informato prima di firmare quella lettera dell'AMA insieme a De Lillo e Clarke, oppure no? Ma soprattutto, come spiegano la Cortesi e Action un silenzio durato un anno mentre l'intero quartiere si riempiva di spazzatura, mentre l'AMA mandava in giro squadracce a far multe ai cittadini e assumeva in maniera clientelare centinaia e centinaia di persone scavalcando coloro che ne avevano diritto?

Fatta la tara delle chiacchiere, i fatti sono che Action e la sua rappresentante non hanno fatto nulla per un anno intero mettendo la testa sotto la sabbia (in buona compagnia con tutto il consiglio municipale, maggioranza e opposizione), e adesso, invece di scusarsi per una situazione disastrosa che hanno contribuito col loro avallo a creare, vengono a farci lezione di buona creanza e a proporre una soluzione che se attuata sarebbe peggiore della attuale e per la quale, dicono, si batteranno.

Liberi di abbassare ulteriormente la loro credibilità con iniziative del tutto velleitarie. Ma che sia chiaro a tutti che quello che faranno e diranno non sarà in nostro nome, non in nome dei cittadini del Tuscolano Don Bosco che ancora aspettano una soluzione seria, e soprattutto condivisa e non calata dall'alto, ai loro problemi.

29 commenti:

  1. A Milano TUTTA la città ha i cassonetti condominiali: Quarto Oggiaro (per dire un quartiere su tutti) forse non ha palazzi come i vostri? direi di sì!
    A Torino gran parte dei quartieri ha i cassonetti condominiali poichè coinvolti nel porta a porta: zone come Viale Telesio o come il quartiere popolare di Mirafiori forse non hanno palazzoni come i vostri? direi di si!
    eppure lì il porta a porta lo fanno.. perchè a Roma no? i romani sono forse più scemi? non credo proprio, quindi non vedo perchè opportsi. Volere è potere, ricordatelo!

    RispondiElimina
  2. Si vede che sei di parte anonimo.......la città di Milano che tu inneggi con tanta enfasi, ogni anno si becca ben 30.000 contravvenzioni.
    Fatti un bel giretto nel Blog che ci sono tantissime proposte e dibattiti al riguardo.. ora perchè i Polentoni tuoi amici la fanno la dovrebbero fare anche i romani.

    Ripeto fatti un bel giretto sul Blog (ci sono esmpi che hai detto anche tu ma non ii positivo) e non sparare kazzate ;-)

    drogo ti deluciderà con quclhe esempio della tua Nord-Italia che tanto ti piace :-)

    Ciao

    Gregorio di
    Via Flavio Stilicone

    RispondiElimina
  3. Ciao Drogo, Ciao Gregorio, ciao tutti,

    noi di Don Bosco veri, era da tanto che non commentavamo i tuoi post Drogo, perchè quello che posti è condivisibile al 100% sebbene lo si discuta non poche volte sul profilo facebook di viaflavio.

    Noi quì ci siamo nati, cresciuti e ci viviamo e quello che è successo in questo ultimo anno non era mai successo, fino a trascinarci nel degrado sotto le nostre abitazioni con la complicità di tutti i politici locali.

    Ora anche Action dopo un anno, tira fuori la testa da sotto la sabbia e invece di fare come il PD (non sono del PD) di ammettere le proprie colpe, addirittura rilancia, con questa gran kazzata, hai detto bene, robba da far cadere le braccia.

    Ma fatti un bel giretto nel Blog caro anonimo, ha ragione Gregorio sei troppo di parte e spuntato come un fungo.

    Caro Anonimo....... noi condividiamo sia su facebook questi post che nella vita reale con dibattiti.

    Drogo dice: Ma che sia chiaro a tutti che quello che faranno e diranno non sarà in nostro nome.

    E te credo.... ma di dove erano quelli che parlavano e chi c'era di noi della Zona ?

    Drogo lo puoi dire forte !


    PS: è stato posizionato un cassonetto della non riciclabile ieri l'altro all'Edificio di Sant'Alessio dei non vedenti, in Via flavio Stilicone angolo Calpurnio Fiamma.
    Grazie

    VP

    RispondiElimina
  4. Innanzitutto una precisazione, che forse leggendo il post non emerge. Personalmente non sono contro il porta a porta. Anzi, nei primissimi post di questo blog l'ho anche invocato al posto del disastroso sistema dei camioncini.

    Se qualche condominio, di sua libera scelta (perché ha lo spazio, un numero limitato di appartamenti, la giusta sensibilità), volesse farlo nessun problema. Ma sicuramente non lo auspicherei per imposizione e come unico metodo, perché sono convinto che nel novanta per cento dei nostri palazzi quel sistema porterebbe a un disastro maggiore di quello di adesso.

    Quel metodo semplicemente non è applicabile ai quartieri più densamente popolati, come il nostro. E infatti anche in altre città europee per quel tipo di quartiere il porta a porta cede il passo ai cassonetti per l'umido.

    Che poi da altre parti si faccia con successo è una buona cosa, come pure succede a Roma in zone con caratteristiche del tutto diverse dalla nostra (vedi Aventino).

    Su Milano invece ci andrei cauto perché in ogni quartiere si fa un tipo diverso di porta a porta, mai integrale e solo in tre zone (Bovisa, Accursio e San Siro) riguarda anche la raccolta dell'umido. A Quarto Oggiaro, che mi risulti, si fa la separazione della carta dal cartone.

    E comunque anche a Milano hanno un bel po' di problemi. Lo dimostrano le 35.000 multe all'anno per differenziata non corretta. Metodo forse utile per far cassa, ma pessimo deterrente a fini educativi, visto che la multa arriva al condominio e viene pagata come spesa straordinaria dai soli proprietari e non dagli inquilini, che possono prendersi in questo modo un bel po' di rivincite.

    Insomma, stiamo qui per discutere e ogni contributo è ben accetto, ma è evidente che non conosci la nostra zona e che non sei di Roma, altrimenti non parleresti di "romani".

    Con 53.000 abitanti in poco più di un chilometro quadro, tutti accatastati gli uni sugli altri in appartamenti di 50-60 metri quadri, noi siamo la zona più densamente popolata dell'intera Europa. Non è possibile fare paragoni.

    RispondiElimina
  5. Buonasera Drogo
    ciao a tutti, ieri sera voglio proprio sapere chi c'era di noi, ve lo dico io ......... nessuno.

    Bè penso che questa sia la risposta forte e chiara a questa assurda proposta.

    Documentateveeeeeeeee

    Anzi, drogo e qualcun'altro di noi ha visto la famosa assemblea di tutti i cittadini del Territorio per documentare.

    "E' ora del porta a porta" ma dove?

    Complimenti come sempre Drogo, schietto, puro,sincero con audacia a prescindere.

    Ciaooooooooo

    Martina

    RispondiElimina
  6. Era saltato il link nel mio commento ai tre quartieri di Milano in cui si fa la raccolta dell'umido. Lo rimetto, la fonte è l'Amsa, l'equivalente dell'AMA a Milano:
    http://www.amsa.it/gruppo/cms/amsa/progetti/raccolta_organico.html

    RispondiElimina
  7. Ciao drogo e sera a tutti,

    non è che Action abbia fatto una bella figura a venire sulla nostra Piazza a chiedere il Porta a Porta senza nemmeno consultare i veri protagonisti passivi di questo scempio "della Monnezza" adottato dalle nostre parti......... NOI TUTTI.

    Forse pensavano che sui foglietti attaccati da loro per la nostra Zona c'erano le richieste di tutti noi o almeno condivisibili.......... non è così!

    Drogo ha ragione a precisare che noi non siamo contro il Porta a Porta, ma che si faccia in altre realtà della Capitale, non in questi casermoni di 8/9 piani con una media di 130 famiglie a stabile.

    Gli esempi, i Dibattiti, i Post, le Assemblee fatti nel Blog ne sono un promemoria tangibile per chiunque volesse fare veramente le cose perbene.

    Viaflavio Stilicone

    RispondiElimina
  8. Mi fa piacere vedere che quando c'è da discutere nessuno si tira indietro. Grazie a tutti per il sostegno, dà forza per andare avanti.

    Su Action, mi dispiace davvero per loro, che pure in altri momenti (tanto, tanto tempo fa) ho visto con simpatia. Speravo in una maggiore apertura mentale, ma sono talmente legati agli slogan che propagandano che hanno finito per crederci anche loro.

    Sempre disposto a rivedere il mio giudizio in caso di loro ripensamenti, ma vedere un'assemblea in cui, oltre ai loro, ha parlato "un solo" cittadino del quartiere, che si era pure sbagliato, non depone certo a favore.

    Vedremo in seguito, se come dice viaflavio si decideranno, con umiltà, a chiedere cosa ne pensiamo noi che questo disagio viviamo da quasi un anno, prima di uscirsene fuori con cure miracolose.

    Grazie della segnalazione, VP. Un buon segnale quel cassonetto verde tornato al suo posto e proprio in quel punto. Ancora troppo poco, ma insisteremo ancora. Come ci ricorda l'anonimo non romano, volere è potere

    RispondiElimina
  9. bhè io ho visto che sono state messe in tutto il quartiere tante locandine di invito a questa iniziativa, quindi TUTTI i cittadini erano liberi di andare a dire la propria!! se non è andato nessuno e c' erano solo 4 anziani forse è perchè in fondo in fondo a tanti non gli frega un bel cavolo di dove vivono,dicosa succede nel loro quartiere e dei cassonetti strapieni e credo anche che a volte invece di criticare bisogna anche proporre qualcosa cosa che in un anno non è stata fatta e loro di action almeno lo hanno fatto! poi non credo che si sono svegliati e non sentendo nessuno hanno fatto questa iniziativa,considerando che molte occupazioni (quindi palazza,tanta gente..) di action si trovano nelle zone dove la raccolta differenziata non funziona proprio!!
    ciao
    don bosco

    RispondiElimina
  10. Ciao Drogo,
    Ciao Tutti,

    Caro don bosco,
    ti sei preso il nome della nostra Piazza..... complimenti.

    Veramente è un anno che la stragrande maggioranza dicono la loro e ancor dippiù con l'avvicinanza dell'estate.

    A tutti glie ne frega eccome !

    Eravamo centinaia inkazzati al Consiglio Municipale Aperto, tu c'eri ?

    Anche a quella del PD che si è svegliato una quarantina di giorni prima di Action, ma detto questo caro don bosco , t'invito a leggerti un pochino le nostre rimostranze su questo Blog e i passi che si sono fatti per la nostra Zona nonostante i nostri politici locali sono stati complici di questa scellerata differenziata ;-)

    Guardati il censimento di alcuni cassonetti (ancora pochi) della non riciclabile che sono stati posizionati laddove c'erano le discariche a cielo aperto.

    Ti assicuro che per tutti i pseudo ecologisti si doveva continuare a farla e ci prendevano per degli incivili a Noi di Don Bosco.

    Qualcosa grazie a tutti siamo riusciti ad ottenerla con le nostre frecciatine e discussioni nel Blog e profili di facebook.

    In tanto loro stavano nelle villette in altre zone del Decimo Municipio, Quarto miglio, Statuario, Capannelle etc. etc. proprio da dove sarebbe dovuta partire la differenziata e guarda caso l'hanno fatta fare a noi :-(

    E bravi !

    Non commentare su questo post se è il primo che leggi del Blog perchè di risposte e proposte ce ne sono a bizzeffe se ti fai un giro.

    Un pò di miglioramento lo hai visto o no ?

    Ecco noi puntiamo perlomeno la stragrande maggioranza dei residenti di questo territorio, al pozizionamento di più cassonetti di quelli che hanno messo, grazie alle inkazzature di tutti, per la non riciclabile Neri ex Verdi ed il loro svuotamento due volte al giorno da parte dei compattatori dell'AMA senza saltare le corse.

    Eppure nella zona se ne parla !

    Il porta a porta....... sarebbe peggio di ora.

    Tra l'altro molti di noi vengono proprio dai movimenti ma la monnezza non ha colori e i cittadini ne hanno piene le palle.

    Pensa a togliere tutti i cassonetti da noi quello che succederebbe per fare il porta a porta :-D

    Ma come ci siamo fatti un kulo per fa posizionare qualche cassonetto per la non riciclabile da affiancare a quella della non riciclabile per togliere il degrado da sotto le nostre abitazioni........ ed ora li dovremmo togliere tutti ?

    Allora siamo davvero scemi !

    La nostra zona è il Fulcro Storico di Cinecittà e merita più rispetto.

    ciao

    Alessio

    RispondiElimina
  11. Buonasera a tutti,

    forse l'amico anonimo don bosco nemmeno ci avrà fatto caso a quei pochi miglioramenti che abbiamo ottenuto (ancora pochissimi) facendo posizionare alcuni cassonetti per la non riciclabile vicino a quelli della riciclabile bianchi e blu.

    Certamente avrà dimenticato come stavamo poco fa senza i cassonetti della non riciclabile per le Vie e Piazze Storiche di Cinecittà...... ma non credo, se abita dalle nostre parti lo sà molto bene.

    Noi stiamo continuando con le richieste di sempre a spada tratta, che la maggior parte dei nostri concittadini vogliono, accompagnate da migliaia di firme.

    Tra l'altro nessuno mi sembra abbia criticato il valore dell'Assemblea fatta sulla nostra Piazza sebbene i contenuti siano fuori dalla logica di questo Territorio per proporre un porta a porta.

    Giacchè i cittadini è un anno che stanno in lotta.

    Eppure ne abbiamo parlato in migliaia su profili di facebook zonali e questo Blog, a proposito, le migliaia di firme raccolte è grazie proprio a questo Blog, che ci ha fatto unire a noi di questo fantastico territorio nell'unico obiettivo............. quello di togliere il degrado da sotto le nostre abitazioni.


    SR

    RispondiElimina
  12. Ciao Drogo,

    caro anonimo che ti sei preso il nome della Nostra Piazza (don bosco) e nemmeno , scusami se te lo dico, nemmeno la meriti un pochino, il perchè?

    Dici: forse è perchè in fondo in fondo a tanti non gli frega un bel cavolo di dove vivono,di cosa succede nel loro quartiere e dei cassonetti strapieni.

    Ma ke kazzo dici se è un anno che stiamo facendo un casino della madonna con Blog, proposte, reportage, documentazione, dibattiti, incontri!

    Ancora dici: a volte invece di criticare bisogna anche proporre qualcosa cosa che in un anno non è stata fatta e loro di action almeno lo hanno fatto!

    Ma cosa hanno fatto ..... io veramente li ho sentiti solo ora riguardo la "Monnezza", per altre cose nulla da dire, anzi encomiabili sempre vicini ai più deboli.

    Guarda invece i primi post e le prime critiche del Blog e sul profilo facebook di viaflavio sul Territorio che hanno umiliato con tutte le complicità di destra e di sinistra facendoci vivere nelle discariche a cielo aperto Politici e AMA.

    Ma dove abiti scusa ?


    Poi parli di questa scellerata differenziata come se è solo da qualche giorno che la viviamo.... azzz sono mesi che ne stiamo parlando !
    Due Consigli Municipali Aperti di cui uno boicottato, raccolta firme etc. etc.

    Il bello di questa lotta è che non ha colori politici ma solo la forza e l'entusiamso che sta accompagnando tutti i nostri concittadini di qualsiasi età (da tanto non succedeva)al possibile benessere sulle nostre strade e piazze.

    Non ci arrenderemo mai e lo sanno bene, continuate a mettere nella nostra Zona i cassonetti della non differenziata vicino a quelli della differenziata bianchi e blu,come state facendo...... l'estate è vicina !

    Qualcosa si è mosso.

    Grazie Drogo e grazie a tutti.

    Marco

    RispondiElimina
  13. Drogo Buonasera,

    io condivido spesso molte situazioni e pensieri con i promotori dell'Assemblea avvenuta ieri a Piazza San Giovanni Bosco.

    Ma questo della richiesta/imposta per un Porta a Porta, mi dispiace assolutamente no !

    Addiruttura togliere tutti i cassonetti esistenti sul nostro territorio, per adottare qualcosa di sicuro fallimento "il porta a porta".

    Incredibile, stiamo sostenendo tutti il posizionamento dei nuovi cassonetti verdi/neri per la non riciclabile (qualcuno lo hanno messo ho visto il censimento di Drogo, sei unico)ancora pochi però.

    Con quella proposta invece si tolgono tutti, a voi il giudizio.

    Significa non essere reali e non essere di queste parti.
    Sarà per il fatto che ci sono nata, ci ho vissuto e ci vivo a Don Bosco ma non solo.

    Complimenti sempre di più Drogo per il Blog senza dimenticare il contributo di voi tutti, fino ad ora siete stati tutti fantastici e qualcosa si è notato.

    Andiamo oltre.

    Ciao

    Fiorella

    RispondiElimina
  14. Beh, vedo che avete già detto tutto all'amico che si è scelto come nick don bosco.

    Ma per andare oltre il semplice scontro e trasformalo in confronto, possiamo fare due ipotesi. La prima è che la persona sia in buona fede, soltanto un po' superficiale, e non avendo fonti di informazione dirette ha visto in quel volantino di Action la prima iniziativa concreta.

    Io ricordo invece altri volantini, per il consiglio municipale e anche per l'assemblea del PD, e persino del fantomatico comitato composto ormai da una sola persona (l'altra, con più serietà, ha dato le dimissioni).

    Ma prendiamo per valida l'ipotesi fatta. A don bosco, se ha un po' di tempo, basterà un rapido giro su questo blog, a partire dai primi post di giugno 2010, per capire chi sono quelli che hanno provato a fare qualcosa e chi sono quelli che, da bravi struzzi, hanno tenuto la testa ben serrata nella sabbia.

    Se invece il nostro amico, seconda ipotesi, è proprio uno di Action (all'apparenza molto informato su dove stanno le occupazioni, ma ne potremmo discutere) che prova a giustificare i suoi compagni per spirito di corpo, gli possiamo dire che da queste parti non c'è preclusione alcuna verso chiunque voglia discutere e confrontarsi seriamente, ma che la tifoseria di parte la lasciamo per lo stadio.

    Non penso di dover aggiunge altro a quanto è già stato detto da Fiorella, Marco, SR e Alessio e che condivido pienamente.

    RispondiElimina
  15. e fortuna che non c'è preclusione alcuna verso chi vuole discutere...sennò che proponevate? la gogna?!
    ciao a tutti, sono fabrizio di action, abito in via masurio sabino 31 e ho aperto l'assemblea di piazza don bosco del 7.
    Detto ciò posso parlare ed esprimere la mia oppure devo portare a qualcuno il certificato di residenza? magari mentre con l'altra mano mi cospargo il capo di cenere perchè per tutto st'anno non ho fatto e detto niente sulla "monnezza"....
    Le 104 famiglie di Via Masurio Sabino e le 99 famiglie di Via Calpurnio Bibulo sono anni - e molti - che combattono per la loro e le altrui case, ma a parte noi di Action non sono molti quelli che si sono fatti vedere. Ciò non toglie che se qualcuno si avvicina al problema - singolo o realtà organizzata - noi lo accogliamo a braccia aperte. Comunque. Poi discutiamo delle proposte e magari "litighiamo" pure, ma intanto allarghiamo il fronte visto che la controparte è sicuramente molto più forte di tutti noi divisi.
    E infatti l'assemblea voleva fare questo: discutere. E se c'eravate lo facevamo confrontando le idee che - vi assicuro - non sono molto distanti.
    Certo, se l'idea è che c'è un "comando generale" che dirige la lotta di don bosco e che ha già deciso tutto mentre il resto del mondo deve solo eseguire e non disturbare il manovratore...bastava dirlo. Io sarei per un sano e normale coinvolgimento delle persone e delle realtà...prima, dopo, durante...fondamentale è trovare i modi giusti per affrontare il problema e magari vincere la battaglia. Il resto mi sembra veramente poco importante. Soprattutto se sò - come sò - che quelli che si avvicinano sono da sempre attenti alle contraddizioni, ai conflitti e alle esigenze delle persone. E che per fare ciò rischiano direttamente e sempre in prima persona. Insomma se sono sicuro, come credo voi siete, che quelli di Action e delle USb non sono i soliti politi chiacchieroni che pensano solo a preservare posti e voti. Ecco in questo caso sarei anche contento che finalmente si siano "svegliati". Pensa te...
    E adesso scatenate pure la vostra gogna mediatica, tanto ormai in Italia siamo abituati ai sermoni e ai savonarola che agitano il popolo contro gli eretici...
    Comunque sia abituatevi all'idea che ci siamo e che vogliamo contribuire ad affrontare la questione dei rifiuti come facciamo per decine di altre cose tutti i giorni. E quindi non sarebbe male incontrarci per discutere del futuro e vedere se si possono realizzare cose insieme. Voi con la vostra esperienza e noi con la nostra inesperienza nel campo, ma con tutta la determinazione che sappiamo portare. Un Saluto a tutti e spero a presto
    MASURIO 31

    RispondiElimina
  16. Benvenuto su questo blog, fabrizio
    Nel frattempo che prepariamo una gogna degna di te ti consiglio di dare un occhio a questi post 1 - 2 - 3

    Vedi, forse eri distratto, ma quel porta a porta che sostenete come unica soluzione e che prevede la rimozione di tutti i cassonetti è stato già applicato a novembre su via Flavio Stilicone, nel tratto fra Nobiliore e Calpurnio Fiamma, con la scusa di certi lavori. E quello che è successo non hai bisogno di immaginartelo, ti basta guardarti le foto su questo blog o chiedere a uno qualunque dei cittadini di quella strada.

    Ma con più calma e tempo ti darò una risposta più articolata. Abbi pazienza, in fondo noi abbiamo dovuto aspettare un anno per sentirvi toccare un argomento evidentemente tabù, visto che nelle vostre iniziative, da noi seguite, non ne avete mai parlato.

    RispondiElimina
  17. Ciao Masurio 31,
    sono contento del tuo esordio nel Blog, condivido molto dei vostri sodalizi con le fasce più deboli e questo in un certo senso ti onora come altri di questo Blog che lo fanno da anni nel Territorio ma sotto traccia, anzi salutaci Andrea, il quale gli avevamo detto che non eravamo daccordo con quei volantini che parlavano come una sorta di pozione magica ; è arrivato il momento del " Porta a Porta" i cittadini hanno deciso, ma quali cittadini e di dove ?

    Ha fatto bene Drogo ad inserire nel suo ultimo commento quei tre post dandoti modo di leggerli.

    Questo Blog è pieno di post interessanti.

    Quello che dici : Certo, se l'idea è che c'è un "comando generale" che dirige la lotta di don bosco e che ha già deciso tutto mentre il resto del mondo deve solo eseguire e non disturbare il manovratore...bastava dirlo.

    Bè questo che dici non è simpatico, poichè è la gente tutta di questa Zona Storica di Cinecittà che ha tra l'altro le palle frantumate a lottare tutti i giorni da circa un anno sia nel Blog che nei profili di facebook.

    Quello che apprezziamo che anche voi dopo tutto questo tempo avete capito che navighiamo tra la monezza, ora forse un pochino di meno per il posizionamento di alcuni (sempre pochi) secchioni per la non differenziata vicino a quelli della differenziata.

    Qualcosa si è mosso credimi !

    Ti sembra logico che dopo tutto il kulo che ci stiamo facendo e battendoci per lo scopo di posizionare cassonetti Verdi o Neri (nuovi) per la non riciclabile (vedi censimento nel blog) vicino a quelli della riciclabile bianchi e blu....... si proponga il Porta a Porta, togliendo di fatto tutti i cassonetti ivi esistenti dalle nostre strade ?

    Immagina un attimo le nostre strade senza Cassonetti un altra volta ora che viene l'estate.

    Quest'altra cosa che dici : E adesso scatenate pure la vostra gogna mediatica, tanto ormai in Italia siamo abituati ai sermoni e ai savonarola che agitano il popolo contro gli eretici...

    Te la potevi risparmiare, perchè non esiste proprio, e questo Blog è anche tuo se ne vuoi far parte come tutti i Cittadini delle Vie e Piazze Storiche di Cinecittà che ci si confrontano.

    Ciao Masurio 31 salutandoti con stima e simpatia.

    Sera a tutti.


    Viaflavio Stilicone

    RispondiElimina
  18. Ciao Masurio,
    sei molto sarcastico, voglio che tu sappia una cosa: in questo Blog si parla da circa un anno del problema "Monnezza" penso che anche tu ti sarai accorto che conviviamo con il degrado sotto casa.

    Sono state più volte spedite da Drogo a tutti i Consiglieri del Municipio X° compreso al Presidente Sandro Medici la maggior parte dei documenti che tu troverai, se li spulci nel Blog (Spero tanto che Drogo te ne posti qualcuno) tutti condivisi e letti dai molti cittadini naviganti e non (informati dalla petizione con le migliaia di firme raccolte) di questo Territorio.

    Quello che mi duole caro Masurio è che siamo stati sempre soli e ignorati da qualsiasi forza politica locale e capitolina.

    Le quali tutte............... di Destra e di Sinistra tenevano la testa sotto la sabbia come gli struzzi facendoci stare nel degrado.

    Qualche piccolo passo tutti insieme lo abbiamo fatto e raggiunto (ancora è poco non c'è dubbio), ottenendo un posizionamento di secchioni per la non differenziata vicino a quelli della differenziata Blu e Bianchi.

    Drogo ha pubblicato un censimento dei posizionamenti in tempo reale che ogni qualvolta o ci s'imbatte o gli viene segnalato dai naviganti del nostro quartiere.

    Noi vogliamo e lo diciamo forte e chiaro la collocazione dei nuovi cassonetti Neri per la non riciclabile e scarti alimentari come hanno tutti Municipi e lo svuotamento degli stessi, due volte al giorno, una volta la mattina e l'altra la sera.

    Ora si viene sulla nostra piazza (di tutti) a sostenere il Porta a Porta senza nemmeno dire una parola su quello che vogliono veramente i Cittadini di Don Bosco da circa un anno.

    Comunque, sia ben chiaro, niente da dire, ognuno di noi può dire la sua come dove e quando vuole.

    Tornando a noi,

    ti rendi conto cosa significherebbe togliere tutti i cassonetti dalle strade attuando il porta a porta nei nostri Casermoni ?

    Chiudi gli occhi e pensaci un attimino.

    ciao

    Marco di Via Flavio Stilicone

    RispondiElimina
  19. Buonasera a tutti,
    benvenuto nel blog Masurio 31.

    Gregorio

    RispondiElimina
  20. Ciao Drogo,

    sempre avanti senza tregua regà.

    Drogo sei na potenza :D

    Martina

    RispondiElimina
  21. Caro drogo, non ti affannare, non hai bisogno di perdere tempo per rispondere a me, io non ho nessuna intenzione di intaccare il tuo piccolo impero. RIbadisco che mia e nostra intenzione è unicamente quella di essere parte di questa battaglia per migliorare la nostra qualità della vita. Mi pare normale no? e quindi proviamo a dare un contributo. A te non parrà sufficente? vorra dire che ce ne faremo una ragione...di certo non ci perderemo il sonno.
    Di certo però posso assicurarti sin d'ora che del porta a porta come unica soluzione ne ho sentito parlare solo da te, nessuno lo ha mai pensato ne proposto. Ne in piazza ne in altro luogo. E non puoi certo dire di avermelo sentito dire a me.
    Il problema è che se si vuole trovare per forza i motivi per distinguersi, il gioco è fin troppo facile. Difficile è misurarsi con le possibili differenze di posizioni - vere o presunte. Difficile è confrontarsi veramente. Se a me capitava di passare ad una vostra iniziativa semplicemente mi sarei fermato a magari avrei anche provato ad intelocuire. In fondo il vostro blog - che conoscevo - mi ha insegnato molto della questione, quindi che problema potrei avere. Tu eri lì in piazza e invece di intervenire e magari dire che sbaglavamo, hai preferito fare foto e poi sfogarti sul blog. Bella idea di comunità.
    Io credo che la democrazia sia un'altra cosa e si conquisti - per forza - tutti insieme. E tu?
    Rinnovando l'invito ad incontrarci ti prego di smettere l'atteggiamento saccente di chi deve insegnare al mondo come si campa...siamo tutti professori se la metti su sto piano.
    Con affetto Masurio 31

    RispondiElimina
  22. Fallito il metodo dell'AMA - E'ORA DEL PORTA A PORTA!
    Chi AMA Roma sceglie il porta a porta


    Questo c'era sul volantino e sullo striscione sul camion. Per non parlare della orgogliosa consigliera Cortesi che sul vostro blog scriveva annunciando l'iniziativa:

    Da oramai parecchi mesi su una consistente fetta del nostro Municipio (tutta la zona Don Bosco) è attivo un modello di sperimentazione di raccolta differenziata che con la vera raccolta differenziata ha poco a che fare. Invece del vero “Porta a Porta” che è studiato essere l’unico sistema di raccolta differenziata che funziona...
    ...Noi non vogliamo tornare indietro, vogliamo il VERO PORTA A PORTA.


    E questo hai sostenuto anche tu, microfono alla mano, e sentito con le mie orecchie. Una chiusura totale a qualsiasi altro sistema che non sia il santo santissimo porta a porta. Di fronte a una tale convinzione di che cosa si doveva discutere?

    Ah, ma forse speravi che qualcuno notasse che hai anche aggiunto, in puro stile veltroniano, che per quei pochi condomini dove non era possibile fare il porta a porta il comune e il municipio avrebbero dovuto mettere a disposizione delle strutture pubbliche dove portare i rifiuti.

    Ma di che posti parli? Scuole, asili, la Torraccia dei Consoli? E' li che dobbiamo portale la nostra monnezza? E dove stanno questi posti rispetto ai palazzi, a quante centinaia di metri? Se è così, allora, un milione di volte meglio il sistema dei camioncini!

    Guarda, Fabrizio, tu sei arrivato qui per buttarla in rissa parlando di piccolo impero e pensando a chissà quale comando generale a voi ostile. Dai commenti hai potuto vedere che molti, me compreso, hanno visto con favore altre vostre battaglie e in alcuni casi vi hanno anche partecipato. Ma su questa questione della differenziata avete sbagliato a giugno 2010 (con la vostra consigliera) ad appoggiarla, avete sbagliato ancor di più a fare gli struzzi per un anno intero insieme a Medici e a tutto il consiglio (maggioranza e opposizione) sperando che noi cittadini imparassimo a non essere così zozzoni (parole di Medici) e soprattutto, uscendovene adesso con questa proposta del porta a porta come soluzione calata dall'alto e imposta a forza senza nessuna condivisione da parte dei cittadini, avete letteralmente (scusate il francesismo) cacato fuori dal vaso.

    RispondiElimina
  23. Ciao Masurio 31,

    nun ce prova, drogo è uno di noi come lo sei tu...... però ancora insisti con battutine antipatiche.

    chi scrive è uno che ideologicamente di sicuro la pensa come te ma non per quanto riguarda il problema Monnezza, nella nostra Zona.

    ciao

    Fulvio di Viaflavio

    RispondiElimina
  24. Buonasera Masurio,

    questo è quanto c'era e c'è scritto dal 07 giugno sul vostro sito di Action : l’Ama ha imposto al Municipio questo sistema che prevede che siano i cittadini a portare i loro rifiuti alle isole mobili in punti stabiliti e con orari scomodi e molto rigidi. Nel frattempo sono stati tolti tutti i cassonetti verdi e rimangono solo quelli bianchi e blu, accanto e dentro i quali si accumulano sacchi e sacchi di indifferenziato.

    hahahahaahha, a prescindere che è un anno che tutto ciò accade......... vi siete svegliati !

    Pensavo con qualcosa di base vicino a noi ;)

    Invece no .... anzi proprio contro noi tutti :(


    Eppure dici che hai seguito e segui il blog ..... per me è una gran cazzata non te la prendere, questo è quanto mi sembra personalmente da come hai esordito nel Blog e sulla Nostra Piazza di San Giovanni Bosco.

    Perchè dare la colpa solo all'AMA.

    Scusa, ma non siete stati pure voi con il Presidente Medici a volere questa specie di differenziata con tanto di firma del citato Sandro Medici e appoggiata fortemente da tutti i Consiglieri della maggioranza in pompa magna compresa la vostra rappresentante (da qualcuno di noi votata) in Municipio X° ? :(

    Mentre noi mandavamo a tutti i consiglieri ambasciate orali e scritte di come cazzo stavamo nelle nostre strade e piazze.

    Dicendogli che era stata fatta una mega stronzata e dovevamo cambiare subito la loro scelta scellerata.

    Dopo un anno, invece di ammettere anche voi il ritardo del vostro mutismo,invece di tirar fuori l'umiltà e ammettere questa cagata, confrontandovi con noi tutti, fai anche la vittima saputella con tanto umorismo ..... beato te Masurio 31.

    Quello che volete è un paradosso, cioè state dicendo che ci mancano i cassonetti della non riciclabile che ci hanno rapinato da sotto le nostre abitazioni ,facendoci stare nella merda, tra ratti giganti e possibili epidemie e voi volete toglierli nuovamente, addirittura tutti dalle strade per adottare il porta a porta :(

    Non volevo crederci, invece è proprio così e prendi anche d'aceto Masurio 31............ non ho parole almeno io........ residente, nata e cresciuta a Don Bosco :(

    Roberta

    RispondiElimina
  25. Caro Masurio cerca di parlare e scrivere sul blog a titolo personale, come fanno tutti i residenti da una vita, nel nostro quartiere.
    Noi da quando ci confrontiamo "da mesi e mesi" per il problema immondizia, che umilia le nostre strade e le nostre piazze storiche, datosi che lo abbiamo preso al culo da schieramenti politici a noi più vicini ......... preferiamo arrivare ad un solo obiettivo che perseguiamo da un anno circa.
    Quello di togliere il degrado da sotto le nostre abitazioni non avendo l'immondizia, giudizio mio personale, nessun colore politico.
    Perchè te la prendi così tanto, non si sà, se tu vuoi cavalcare un altra strada e pensi che sia giusta prosegui senza remora con chi della Nostra Zona la pensa come te.
    Penso che noi tutti non vogliamo più discariche a cielo aperto e il porta a porta con la eliminazione di tutti i cassonetti ne sia il preludio.
    Io sono tantissimo contrario.
    Quello che c'è nel blog e le propste dei miei concittadini a prescindere la petizione che ho firmato, lo condivido al 100%.

    Saluti cari

    Michele

    RispondiElimina
  26. Ciao Fabrizio, il problema della casa come tante altre rivendicazioni a favore delle fasce più deboli che voi difendete ed avete consolidato come pochi a Roma è qualcosa di straordinario e condivisibilissimo.

    Però, il fatto di venire in Piazza e parlare di una proposta così fuori dal mondo " E' ora del porta a porta " senza prima consultarsi e documentarsi con i veri vessati di questo scempio ....... Noi, è stata una gran cagata.

    Noi in Piazza, come tantissimi altri cittadini, a prescindere dall'orario lavorativo e feriale, non c'eravamo perchè fortemente contrari.

    E'ORA DEL PORTA A PORTA!
    Chi AMA Roma sceglie il porta a porta ....

    Bhè, con questa presentazione stavamo distanti anni luce cari amici e compagni.

    Eppure lo avevamo detto, chi vuol capir capisca.

    Invece, dopo un anno di silenzio e aver favorito proprio voi questo disagio, appoggiando questa scellerata differenziata in Municipio, con la vostra Consigliera, insieme a tutte le forze di maggioranza e opposizione con a capo la firma del nostro Presidente, rilanciate la cazzata che avete fatto, per far sprofondare ancor di più le nostre strade del Tuscolano Don Bosco a discariche a cielo aperto.

    Ti chiedo una cosa personale, cerca di documentarti e vedrai che la proposta del porta a porta in questa Zona di Palazzoni e super affollata come ben poche in Europa è una gran cagata.

    Ciao

    Roberta

    RispondiElimina
  27. salve, per quel che vale vorrei portare la mia esperienza.

    Vivo in via Stolone, una delle vie più martoriate dal metodo del porta a porta voluto unilateralmente dal'AMA. Ho mandato parecchie foto che sono state scattete sotto casa, mi recavo di persona agli uffici AMA di Palmiro Togliatti a protestare, ho scritto e denuncato. Poi all'improvviso sono tornati 3 cassonetti verdi sotto casa.
    da quel momento NON ho più avuto alcun motivo di lamentarmi perché la situaizone è tornata assolutamente nella normalità. personalmente continuo a consegnare l'umido proprio come facevo prima. e come me molti altri del mi palazzo. Quindi i cassonetti non hano avuto l'effetto di disinvogliare la differenziata.
    Ma adesso le persone anziane o anche chi ha orari di lavoro non compatibili con il sistema AMA non deve più gettare a terra. e io non ho più la puzza in casa (sto al primo piano con affaccio cassonetti).
    Quello che accade ora in via Stolone è la prova provata che cassonetti servono, si tratta di una mediazione necesaria con un quartiere così popoloso. A mio avviso non c'è molto da discutere, stiamo veramente parlando dell'acqua calda.

    RispondiElimina
  28. Ciao Marta, nessuno più di te ha il diritto di parlare, visto quello che ti è toccato nei mesi scorsi. E spero che la tua testimonianza possa far capire anche ai più oltranzisti del porta a porta che ogni metodo o sistema, anche fosse il migliore del mondo, non può essere applicato pedissequamente senza tenere conto della realtà a cui deve adattarsi, e non il contrario...

    RispondiElimina
  29. Buongiorno Fabrizio.

    Dici: Caro drogo, non ti affannare, non hai bisogno di perdere tempo per rispondere a me .....

    Mi sembra che di risposte ne hai avute a iosa, non solo da Drogo, anche da noi tutti, ciao.

    Fabione

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.