giovedì 30 giugno 2011

Esterrefatti...


Questa ci mancava... Una tipa, tale Rossella Lorenzotti che, a nome di una fantomatico gruppo "I Soliti Ignoti per SEL (Sinistra Ecologia e Libertà) – X Municipio", nel denunciare il disastro della differenziata nel nostro quartiere dichiara:

...lascia esterrefatti la correzione di rotta improvvisata dall’AMA che, per rimediare ai gravi disagi dei cittadini, ha reintrodotto alcuni cassonetti verdi per i rifiuti non differenziati...

Sì, avete capito bene. Il corto circuito mentale non è il vostro, ma di questa Lorenzotti che si dice addirittura esterrefatta da quei cassonetti verdi che sono tornati al loro posto proprio per risolvere quel disagio che lei stessa denuncia esistere.

Perché lo fa? Ma è ovvio, perché anche lei è una fervente seguace della chiesa dell'Avvento. No, non quello di Cristo, ma quello più alla moda del santissimo porta a porta.

E se poi aggiungiamo che questa radical chic, che a nome suo e del suo partito pretende di insegnarci come si vive, non è nemmeno del nostro quartiere, quindi non sopporta i nostri disagi quotidiani, ma è di Statuario, cioè di dove sarebbe dovuta cominciare questa differenziata, il quadro è desolatamente completo...

Via Papiria ieri alle 11 di mattina

Intanto una precisazione: sappiamo che la Lorenzotti è di Statuario non per conoscenza diretta, ma per le parole di un suo sostenitore che su una pagina di facebook, in maniera un po' criptica, cerca di minimizzare un impiccio che la tipa avrebbe combinato su un sito.

Ma dovremmo essere ormai abituati a questi personaggi che pretendono di sapere ciò che è giusto per noi. A cominciare dal minisindaco Sandro Medici, anche lui vicino a SEL (o almeno così si vocifera fra gli esperti di campagna acquisti), capace di dare degli zozzoni a noi cittadini del quartiere, compresi i suoi stessi elettori, e che qui al Tuscolano non ha mai abitato vivendo a Prati.

E per di più l'ignota Lorenzotti, smentendo tutti quelli che in municipio e anche sul blog si affannano a dire che hanno chiesto la sospensione della differenziata, conferma quella che è stata la nostra impressione sulle decisioni prese in consiglio:

La soluzione da adottare, secondo una risoluzione del Consiglio del X Municipio, deve essere il cosiddetto “porta a porta”: raccolta di tutti i rifiuti, distinti per genere, a livello condominiale e prelievo periodico da parte dell’AMA.

Stessa posizione di Sandro Medici, espressa sugli stessi siti di news che hanno pubblicato l'intervento della Lorenzotti, che addirittura si permette di criticare l'AMA per aver rimesso alcuni cassonetti verdi perché anche lui evidentemente li vuole togliere tutti.

Ma la presa in giro di questa esponente di SEL diventa farsa nel finale:

Comune ed AMA – conclude “I soliti ignoti” – dovrebbero imparare a confrontarsi con i cittadini, prima di attuare programmi di raccolta dei rifiuti il cui successo dipende essenzialmente dalla responsabilità civica individuale.

Un confronto da cui però loro si sottraggono allegramente, altrimenti saprebbero bene come la pensiamo noi cittadini sull'impraticabilità (calcoli alla mano) di quel porta a porta che loro sostengono per atto di fede nel nostro quartiere.

Di questa Lorenzotti di Statuario e del suo gruppo avremmo potuto evitare di parlare. Non rappresentano che loro stessi e delle posizioni puramente ideologiche, portate avanti in maniera strumentale addirittura con la pretesa di applicarle a un quartiere che non è neanche il loro.

Ma è giusto anche tenere traccia di chi adesso sta speculando sul nostro disagio per il suo tornaconto politico, come fanno sia Medici che questa Lorenzotti. Vedremo di accontentarli nel loro desiderio e finalmente farli tornare, da soliti ignoti, ad essere degli emeriti sconosciuti, quello che meritano.

27 commenti:

  1. Finchè non ci libereremo da questa piovra politica che da 20 anni stritola con i suoi tentacoli il nostro X° Municipio non ne verremo mai a capo. Serve gente nuova e dinamica, basta con le ideologie strampalate di questi Hippies!

    RispondiElimina
  2. Gothic666 buongiorno,

    ma che centra quello che dici con la monnezza.

    ciao ;)

    Michele

    RispondiElimina
  3. Ho letto l'articolo "Esterrefatti", e confermo, sono esterrefatta! E non certo per questioni attinenti la raccolta dei rifiuti che nell'articolo sono marginali.

    Io non sono affatto ignota, ho un nome e un cognome; e non sono una "tipa" ma una persona. Come Lei, che scrive (peraltro senza un nome e un cognome), è una persona, e non un "tipo". Visto il contenuto fortemente critico dell'articolo, per dare un po' di "spessore", avrebbe fatto bene a curare almeno la forma (la sostanza, lo leggono tutti, non va oltre l'invettiva gratuita).

    Il gruppo "I soliti Ignoti per SEL" non è per niente fantomatico; siamo persone del Decimo Municipio, molte delle quali, come Lei, abitano nella zona sottoposta a sperimentazione della raccolta differenziata. Persone che si incontrano, discutono, partecipano alla vita civile. Siamo iscritti a SEL ma non siamo un circolo di SEL e non parliamo, come Lei erroneamente scrive, a nome del partito, nè io sono un "esponente" di SEL.

    In ogni caso è falso affermare che pretendiamo di sapere quello che è giusto per voi (al Tuscolano, come detto, abitiamo anche noi). Come è falso sostenere che il problema della raccolta dei rifiuti, e dei relativi disagi, è un problema solo del quartiere Tuscolano, visto che si tratta di una sperimentazione che dovrà poi essere estesa a tutta la città, nel quadro di un problema che è quantomeno nazionale. E' semplicemente ridicolo dire, come lei dice: "Sono affari nostri!"

    Lei ha il diritto di fare, sulla organizzazione della raccolta dei rifiuti, tutti i calcoli che vuole. Uguale diritto ho io di fare i miei calcoli senza essere oggetto dei suoi pregiudizi ideologici e del suo atteggiamento maleducato. I miei calcoli sono molto diversi dai suoi e somigliano a quelli di tanti altri quartieri popolosi, di altre città, italiane e non, dove la raccolta differenziata "porta a porta" si fa, e funziona ormai da anni.

    Ma è chiaro che Lei, del "porta a porta" ha una idea molto approssimativa e grossolanamente schematica. E soprattutto crede che nel Suo "specialissimo" quartiere non si possa fare quello che è ormai obbligatorio fare per legge. L'interlocuzione con i cittadini (questo è il senso del "porta a porta") serve, fermo restando l'obbligo di raggiungere quote elevate di "differenziato", ad adottare soluzioni efficaci, condivise e meno gravose possibile.

    Se crede che la soluzione al problema serissimo della raccolta dei rifiuti sia lasciare tutto com'è, perchè il Tuscolano è tanto popoloso (bella giustificazione davvero!)... pazienza! Non tutti, come Lei ampiamente argomenta nei miei confronti, sono seguaci della "chiesa" giusta.

    Comunque La ringrazio per l'importanza che mi attribuisce, preoccupandosi di farmi tornare "emerita sconosciuta" (lo sono già... poca fatica!) per sventare "speculazioni" e "tornaconto politico" che soltanto la Sua fervida fantasia è capace di immaginare.

    Quanto alla reintroduzione di alcuni cassonetti verdi, confermo: è una sciocchezza!
    O i cassonetti verdi si reintroducono tutti e si rimanda la sperimentazione a data da destinarsi, oppure, se si vuol almeno andare avanti in qualcosa, si collocano cassonetti distinti per l'organico e per il non riciclabile, distinguendo inoltre i contenitori per il vetro da quelli per la plastica.

    La prossima volta, gradirei, invece di uno sterile attacco personale, che ci fosse un confronto nel merito poichè evidentemente lo smaltimento dei rifiuti "non ha colore" politico.

    Rossella Lorenzotti

    RispondiElimina
  4. Cara Rossella e non Tipa,
    che tra lei ci sono cittadini che abitano nelle Vie e Piazze Storiche di Cinecittà ci credo poco, si sarebbero davvero inkazzati, comunque è davvero brava a girare le frittate ;)

    Clamoroso, solo oggi si capisce che anche Lei è per il posizionamento dei cassonetti, mi creda non lo abbiamo letto da nessuna parte :(

    Lei al Blog dice : Se crede che la soluzione al problema serissimo della raccolta dei rifiuti sia lasciare tutto com'è, perchè il Tuscolano è tanto popoloso (bella giustificazione davvero!)... pazienza!

    Scusi, non si offenda, Lei da proprio i numeri, queste sue dichiarazioni la fanno veramente stare fuori dal Territorio e fuori dagli incontri veri dei cittadini residenti.
    Come ha potuto farsi una domanda e risposta da sola con tale convinzione cosi fuori luogo e non veritiera.

    Parla a nome suo personale o di Sel ?

    Perchè se parla a nome di Sel non è che ci fa una bella figura, infatti alcuni di questa battaglia a spada trata sono anche di Sel come di tutte le forze politiche a 360 gradi.

    Si vede e senza offesa che è poco preparata, mi creda, su ciò che avviene riguardo la Monnezza sul Territorio della zona Storica di Cinecittà.

    Poi ci dica di questi incontri che avete fatto con questi cittadini che Lei cita (di queste parti) sullo scempio di questa scellerata differenziata appoggiata dal Municpio e subito da noi contestata.

    Il confronto c'è tutto e ci creda non del tutto gratuito.

    Dove stavano queste persone del X° Municipio (il X° è grande) di dove, quando noi a voce alta tra manifestazioni assemblee pubbliche mostravamo la nostra esasperazione richiedendo un Consiglio Municipale Aperto?

    Non solo, abbiamo raccolto migliaia di firme per il posizionamento dei cassonetti della non indifferenziata da mettere vicino a quelli della differenziata Blu e Bianchi.

    Mi creda, da molti politici osteggiata (avevano paura di ammettere la loro cagata avendo osannato la differenziata un anno prima) tutta la popolazione sà benissimo come è andata e da dove si doveva fare questo tipo di differenziata (Statuario, Capannelle, Quarto Miglio e cinecittà Est) forse lì avrebbe avuto successo.

    Tornando ai Consigli Municipali aperti.

    Il primo saltato, eppoi con la denominazione di primo Consiglio Municipale Aperto, si svolgeva il 19 aprile, quasi dopo nove mesi :( ed il secondo Consiglio fatto il 21 giugno, dove stavano quelli che facevano con Lei le riunioni e le assemblee per esternare con tutti i cittadini le loro inquietudini e vessazioni, sia da parte dell'AMA, Comune che Municipio.

    Dove siete stati tutto questo tempo ?

    Penso che qualcun'altro gli faccia capire bene l'impressione che Lei ha dato di girare la frittata.

    Tiziano di Viaflavio

    RispondiElimina
  5. A questa Rossella diamogli un pò di visibilità
    se lo merita.
    Se ne va a destra ed a manca come una espertona sull'immondizia eppoi se la prende pure quando viene smentita in largo e lungo con documenti alla mano.

    Piano piano cara Rossella.

    Parla di porta a porta, come se non sapesse
    ( mi faccio specie di quei nostri concittadini che lei dice di essere di queste parti non dicano nulla) che una volta messa in sperimentazione del porta a porta si toglierebbero dalle nostre strade non solo i cassonetti verdi ma tutti quanti, compresi quelli Blu e Bianchi aspettando di come andrà a finire :(

    Immagginatevelo...... basta a fare le cavie !

    Immaginate stabili con 130 famiglie (quì da noi è questa la media) con i loro bei cassonetti all'interno circa un centinaio minimo ...... i sorci faranno prima ad arrivare nelle nostre case con un tanfo insopportabile, a prescindere questo, e gli spazi?
    Chi li vorrà vicino alle loro finestre ?

    Ahh dimenticavo, se Lei è di Statuario dove tre nostri Stabili fanno il suo intero Territorio per abitanti allora stia sicura che lì potrebbe avere successo e non quì da noi.

    Sia ben chiaro, io ho firmato e sono per il posizionamento dei Cassonetti della non riciclabile Verdi, ma sicuramente ce li daranno Neri, perchè non molleremo, vicino a quelli della riciclabile Blu e Bianchi.

    AMA, stiamo aspettando eppure incazzati, fate in fretta.

    Alessio

    RispondiElimina
  6. E soprattutto crede che nel Suo "specialissimo" quartiere non si possa fare quello che è ormai obbligatorio fare per legge.

    Nel Suo!? Dire la conferma che tu il Don Bosco non sai nemmeno dove sta. Altrimenti diresti "nostro" e sapresti che i paragoni sulla densità di popolazione possono essere fatti con pochissime altre situazioni in tutta Europa.

    Sulle altre cazzate che scrivi (tanto per te sono un maleducato) ti rispondo stasera con calma, sempre che qualcun altro non mi preceda.
    Non siamo tutti dei buzzurri ignoranti e incivili, come sembri credere. Capito, tipa? ;)

    Ah, e il nostro quartiere è specialissimo, senza bisogno che ci fai ironia sopra.

    RispondiElimina
  7. Sei stata coraggiosa, sebbene si vede che abiti nel X° ma non dalle nostre parti.
    Avresti dovuto ascoltare, eppoi forse esordire,
    i tipi come te, cara, una volta, anzi le prime volte giravano per la zona cercando di metterci gli uni contro gli altri ...... hanno capito bene però qual'era l'antifona e i nostri concittadini li hanno smascherati una volta per tutte, politici locali e non, per la cazzata che avevano fatto, di appoggiare questa pseudo differenziata.

    Martina

    RispondiElimina
  8. Buonasera a tutti,

    ed ecco ancora una volta chi viene nel nostro Territorio dopo un lungo letargo cercando di darci lezioni come si dovrebbe fare una differenziata che risolverà i nostri problemi.

    Ma perchè non si parla che va sperimentata e dovremo fare un altra volta le cavie come lo abbiamo fatto quando ci hanno tolto i Cassonetti Verdi da vicino quelli Blu e Bianchi.

    E' si, perchè questa geniale soluzione e proposta prevede non solo il togliere i cassonetti verdi ma anche quelli Bianchi e Blu affibiandoci nei cortili, per la gioia di ratti, piccioni e scarafaggi, centinaia di bidoni.

    Insomma vi svegliate e non avete più valvole di sfogo per l'immondizia :(

    Aristamo daccapo a dodici se non daccapo a 100.

    Dico, ma perchè non la fanno fare dove ci sono villette e casine come a statuario, capannelle, quarto miglio (come era previsto), con pochi nuclei famigliari, dove là sarebbe vincente eppoi verificando i problemi e collimandoli fino a raggiungere qualcosa di partecipativo anche per noi.

    Robba da non credere !?

    Gregorio

    RispondiElimina
  9. Sera a tutti, ciao Drogo.
    Io non ho capito una cosa, questi o questa o quelli, parlano e scrivono di proposte, ma condivise con chi?

    Da dove sono usciti, io personalmente non li conosco e non li ho mai visti in questo anno di incazzature, proposte, dibattiti e confronti in Zona, cara Rossella presentaceli, che siamo curiosi di sapere chi sono questi nostri concittadini, che vanno contro i loro interessi, facilitando se così fosse il degrado sotto le loro abitazioni.

    Laura

    RispondiElimina
  10. Caro anonimo o Tiziano di Viaflavio o come ti chiami - è davvero tuo questo nome bizzarro? ricorderebbe un po' il ghino di tacco. Oppure VIA FLAVIO + stilicone e tiziano è il nome? ti sei messo persino il "di" minuscolo nobiliare! io abito in via livilla, angolo scribonio curione e ti confermo che la situazione igienica è preoccupante. Non so perchè a te non piaccia la raccolta porta a porta, che si fa con bidoncini di diverso colore all'ingresso dei portoni e non nei cortili o sui pianerottoli, come sembri pensare tu. Ad orari prstabiliti e con mezzi di raccolta agili abbastanza da muoversi nelle viuzze del quartiere. Non pensi alle migliaia di anziani del quartiere - tra l'altro i più attivi nella raccolta differenziata - che spesso e con ogni tempo devono raggiungere i punti di raccolta anche a centinaia di metri di distanza? o a chi lavora o studia ed ha orari non compatibili con le mollezze dell'AMA? Non sai che è il sistema della raccolta "porta a porta" che ha consentito a quartieri come Scampia a Napoli di avere una situazione rifiuti paragonabile a quella dei "comuni virtuosi" e nel marasma di Napoli? Portare le buste la sera nei bidoncini è così sconvolgente? Io sono stufo di trovare ai bordi delle strade zona Consoli tappeti di immondizia: non le vedevo più da oltre trent'anni e serviva la genialità di un sindaco fascista e dei suoi Thugs per ritrovarmi in questo immondezzaio.
    E visto che siamo in tema di pulizie, dai una ripulita al tuo italiano: roba si scrive con una sola "b" quando significa "cosa, cose"; robba è quelle che compri dal pusher. Ho visto che hai almeno un dizionario italiano, usalo.
    P.S. Mi chiamo Gino

    RispondiElimina
  11. Caro Gino di Montemonaco (provincia di Ascoli Piceno), il porta a porta non è i cassonetti fuori ai portoni. Chi te l'ha raccontata questa stronzata?

    Ci si arriva anche per ragionamento, perché se fosse così non ci sarebbe alcun bisogno di togliere i cassonetti, che sono già "davanti" ai portoni. Per il porta a porta c'è bisogno che i cassonetti (e non i bidoncini che non basterebbero) siano "dentro" i palazzi.

    E per ridurci in questo stato c'è voluta sì la genialità di un sindaco fascista (come dici tu), ma c'è riuscito solo perché il tuo minisindaco si è calato le braghe.

    Adesso quindi non venite a farci lezioni, perché se stiamo nella monnezza è anche colpa vostra.

    RispondiElimina
  12. Caro Gino ,
    viaflavio è via Flavio Stilicone,era un riduttivo per dire in quale Via storica del quartiere abito come la tua.

    Senti mi sà che tu del Blog non hai letto nemmeno un post vero?

    Non tirare in ballo gli anziani che è la categoria che noi tutti abbiamo difeso dippiù insieme a quella svantaggiata.

    Credimi mentre gli altri facevano gli gnorri.

    Conosco la tua zona e grazie anche ai cittadini di quelle strade che abbiamo ottenuto qualche acssonetto anche da quelle parti ;-)

    Guarda il censimento che è stato fatto con il posizionamento dei cassonetti che ci avevano rapinato con la complicità di tutti i politici locali sotto le nostre abitazioni.

    Sei un pò ignorante ma non te ne fare una colpa riguardo il problema monnezza, anch'io lo ero.
    Quindi ti suggerisco rapidamente di dare una letta ai post di questo Blog e troverai tutte le risposte che vuoi.

    E se vuoi partecipare come persona attiva ai dibattiti frequenti ed alle richieste dei tuoi concittadini che sono un anno che stanno in lotta per il bene degli svantaggiati e degli anziani, senza tralasciare quelli che sono penalizzati con gli orari,oppure chi ha belli cazzi da pelare per pagare il mutuo lavorando giorno e notte con la propria moglie essendo questa Zona fortemente stata cartolarizzata e non potendo buttare la monnezza ad orari forzati ed imposti ;-)

    E' un anno che ne parliamo, eppure qualcuno della tua Via è venuto al primo Consiglio Municipale Aperto..... alcuni del Bar della Torretta.

    Cordiali saluti

    Tiziano di Viaflavio

    RispondiElimina
  13. Gino sei patetico.

    Anzi Professore !

    Insomma tu ti sei svegliato e non vuoi vedere più la monnezza hahahahhaaah
    è un anno che tutto accade e tu te ne sei accorto ora, benvenuto tra noi Gino, certo che te ce n'è voluto di tempo ;)

    Comunque i condomini che vogliono il porta a porta ben vengano.

    Si mettano un bel centinaio di bidoncini moltiplicati per quanto materiale debbono fare dentro i loro cortili e se lo gestiscano.

    Lo puoi anche promuovere tu al tuo palazzo questo tipo di differenziata e vi togliete tutti i secchioni che sono sulla vostra Via sia del differenziato che non del differenziato.
    Sei fortunato se abiti all'ultimo piano.

    Noi invece, suppongo la stragrande maggioranza vogliamo i secchioni neri della non riciclabile ex verdi, che ci sono all'EUR, ai Parioli e a tutte le Vie della Capitale persino a Quarticciolo, vicino a quelli Blu e Bianchi.

    E vogliamo che da altre parti si cominci a sperimentare quello che dici tu, dove non ci sono una media di 100/130 famiglie a stabile.

    Quindi da dove doveva partire, Statuario,Quarto Miglio e Capannelle.

    Poi ragionandola ancora un pò di cosa proporre....noi siammo un annetto che lo facciamo, vedremo come va.

    Noi le cavie non le vogliamo più fare caro Gino.

    Gregorio

    PS: ho scritto bene in italiano, sai ho la terza media e mi sono sempre fatto il culo sia sul lavoro che per la strada.

    RispondiElimina
  14. Caro Gino,
    chiedilo al Municpio perchè hanno appoggiato questa scellerata differenziata.

    E'un anno che lo stiamo dicendo.

    Ciao Gino, se stai a piazza dei consoli io frequento la sala corse e credimi è un anno che ci stiamo dando da fare per cercare una ipotetica soluzione.

    Quì trovi tutti gli abitanti naviganti della nostra Zona Storica che ne hanno le palle piene e che sono gli unici che si sono battuti senza fare sconti a nessuno ne di destra e ne di sinistra.

    Ciao

    Maurizio

    RispondiElimina
  15. Gino è bello discutere ma te la potevi risparmiare questa battuta :

    E visto che siamo in tema di pulizie, dai una ripulita al tuo italiano: roba si scrive con una sola "b" quando significa "cosa, cose"; robba è quelle che compri dal pusher. Ho visto che hai almeno un dizionario italiano, usalo.
    P.S. Mi chiamo Gino

    Ora a Gino gli diamo (si scrive così) il gessetto così scrive i cattivi e i somari alla lavagna.
    Lui è tanto intelligente e non sbaglia mai una parola in italiano.
    Bhè il Gino è fortunato ha studiato e parla come mangia....un gran signore davvero.

    Bravo Gino

    Fabrizio

    PS: io qualche volta vado a farmi una giocata a piazza dei consoli e passo al Bar della Torretta, lì ci sono amici concittadini che hanno vissuto un anno con noi nella lotta per abbattere questo scempio di differenziata, calata dall'alto e accettata, ahinoi da tutto il nostro consiglio municipale (maggiornaza e opposizione inclusa).

    Dai un okkiata al Blog per intero, vedrai informazioni che noi abbiamo condiviso pian pianino mettendo la politica fuori dai coglioni ed in primo piano solo il bene comune di noi che abitiamo quì, cercando di togliere in primo luogo il degrado da sotto le nostre abitazioni.

    A casa mia Gino si parla romano e roba si dice robba, non cambia nulla, fossero questi i problemi di ognuno di noi caro Gino

    Ciao

    RispondiElimina
  16. Caro Gino,
    quì sembra che ti piace solo a te l'ordine dall'alto senza nemmeno sperimentarlo del porta a porta.

    Lo sai cosa significa ?

    Non lo sai Gino !

    Innanzi tutto ci tolgono immediatamente tutti i secchioni che ci sono rimasti da quei pochi verdi che abbimo fatto tanto per farli posizionare a quelli bianchi e blu.

    Eppoi cosa dovremo fare ?

    Un'altra volta le cavie ?

    Naaaaaaa

    Per l'AMA, posizionate per il momento svelti e veloci i nuovi secchioni Neri ex Verdi durante l'estate, vicino a quelli della differenziata Bianchi e Blu eppoi chi vuole fare come Gino, a scatola chiusa, padronissimo di farlo, mettersi tutti i bidoncini che vuole (che sono parecchi) nel cortile. Se stavo in una villetta ero il primo a sperimentarla.

    Mi è bastato sperimentare questa che tutti hanno fortemente voluto AMA, Comune e Municipio.

    Per un anno senza inkulandoci di pezza.

    Alfredo di Viaflavio

    RispondiElimina
  17. Caro Gino,
    ma perchè puntualizzi su Tiziano che è di Viaflavio, che dice robba invece di roba ..... ma che te frega.
    Pensa a dire la tua, facendoci capire veramente quello che vuoi dire, perchè io nun ciò capito na mazza.
    Spero che anche tu, mai visto nel Blog e nemmeno in discussioni varie di come approcciare questa scellerata differenziata nella Zona dica la tua, in maniera soft, non attaccando con queste stronzate i tuoi stessi concittadini che stanno vivendo questa infame differenziata calata dall'alto.
    Ricordati che quì e solo quì in questo Blog e qualche profilo di facebook si è evidenziata la cagata che hanno fatto gli amministratori sia essi capitolini che locali......era stata celata e nascosta molto bene.
    Da parte del Comune come da parte del Municipio.
    Ma poi ci siamo svegliati e ancora stiamo vigilando cercando di trovare un fronte comune.

    Buonaserata

    Matteo

    RispondiElimina
  18. ciao a tutti, ciao Tizzià (con due Z)

    Gino non viaggiamo a trucco noi di queste parti e ci fa piacere che uno dotto come te voglia partecipare ad un confronto serio.
    Con la speranza che anche tu hai del tempo libero da mettere nella causa, una storia questa che ci ha portati diritti ad avere sotto le nostre abitazioni compresa la tua il degrado che noi avevamo già preannuciato un anno fa.

    anch'io sto a Viaflavio non tutto il giorno, sebbene sia un disoccupato cronico e questa storia mi ha davvero preso, sapessi quante ne ho viste sulla monnezza.
    Sono tutte ben documentate in questo blog dagli una sbirciata.
    Prima di partire in quarta !
    Ciao Gì

    Fabione

    RispondiElimina
  19. Ciao drogo, ciao Gregorio, ciao Laura, ciao Tiziano,ciao Gotich666, ciao Michele, Ciao Rossella,Ciao Alessio, ciao Martina e ciao Gino.

    Gino, da come hai esordito devi essere una persona molto colta, tanto da richiamare con paraboliche frasi il Tiziano con sarcasmo e ironia bigotta, quindi una mosca bianca di questa Zona dovresti essere.
    Mi congratulo con te !
    L'importante che tu ne sia fiero.
    Detto questo, mi fa molto piacere che ogni giorno entri nel Blog gente vera, anche se non dotta come te, per arricchire le nostre file alfine di vincere una battaglia coesa e condivisibile su tutti i fronti.

    Vedo che solo drogo ti ha fatto una risposta/ domanda plausibile, diretta e concisa :

    drogo a Gino,

    il porta a porta non è i cassonetti fuori ai portoni. Chi te l'ha raccontata questa stronzata?

    Sarei curioso di sapere la tua risposta, certamente chiara e non saccente.

    Grazie Gino

    a presto

    Io mi firmo dal 1989 così :-(

    Viaflavio Stilicone
    anche profilo facebook

    RispondiElimina
  20. Caro Gino non c'è soltanto Piazza dei Consoli ma persino la Piazza ettutte le altre ancora, comprese le Vie in questo stato di abbandono e di degrado.

    Anche se un pò di miglioramento (pochissimo) c'è stato, in virtù proprio del nosto coinvolgimento a spada tratta contro questa kazzo di differenziata.

    Pensa come possiamo stare noi tutti (compresi te) che stiamo subendo da un anno questa sperimentale se dal giorno alla notte ne dovremo subire un altra senza pirma premunirci e valutarla molto attentamente.

    Saluti

    Franco

    RispondiElimina
  21. A Drogo..... stamo sotto censura ?

    RispondiElimina
  22. Scusate tutti, ma stava partendo un fastidioso flame e io non potevo essere davanti al computer a controllarne gli eccessi. Adesso è tutto come prima. Scusate ancora...

    RispondiElimina
  23. Rossella buonasera,

    ti faccio i complimenti perchè ti sei fatta sentiree dimostri di metterci la faccia.

    Devo dire che quanto hai detto, non può soddisfare, ed è tutto il contrario di tutto, dalle dichiarazioni che stai facendo da qualche giorno circa nella rete, raccontando la nostra situazione che viviamo da circa un anno con tanta superficialità senza condivederne nulla affatto.

    Ti sei fatta paladina di qualcosa che nemmeno sai cos'è, perchè non solo non la vivi ma nemmeno l'hai vissuta come noi.

    Cordialmente

    Viaflavio Stilicone

    RispondiElimina
  24. Drogo buonasera, mi stavo perdendo un post con i fiocchi.
    Caspiterina, ho letto il tuo commento Gino, davvero notevole e suggestivo.
    Scommetto che nemmeno ci hai dormito :)
    Scherzo!
    Fa piacere sempre di una new entry nel blog.
    Ciao e buona permanenza, per compartire nuove esperienze e dibattiti.

    VP

    RispondiElimina
  25. Per favore Gegorio nun dì più robba che quella se pija dai pusher,anzi, nun lo dite più tutti che Gino così è contento hahahahahahah.

    Che robba, co sto dramma che ci accomuna uno pensa a ste stronzate.

    Grande Gino.

    Ciaooooooooo

    Lello de Don Bosco hahahahahahah che robba !

    RispondiElimina
  26. Sembra un modo di dire "non venite a darci lezioni", ma quando si ha ha che fare con certa gente, che pretende davvero di insegnarci sempre qualcosa (come vivere, come parlare e finanche come scrivere) allora il significato diventa letterario e la nostra insofferenza cresce a dismisura.

    All'insegnante Gino abbiamo dato tutti assieme le risposte che meritava la sua supponenza, ma rimane ancora in sospeso l'ignota miss Rosella (detto col tono di Mamy in Via col vento).

    Cara miss Rosella, che ti firmi SEL, ma che poi dici che non parli a nome di SEL (adesso fondo un gruppo giovani del PDL contro Berlusconi e il bunga bunga; vediamo se qualcuno del PDL mi dice qualcosa), passi per una che almeno alle quattro operazioni c'è arrivata. Infatti nell'articoletto che hai spammato in giro cercando di far credere di rappresentare chissà chi fai questo esempio:

    "Anche immaginando un flusso di cittadini ben distribuito nell'arco della giornata, con tre operatori per punto di raccolta e 3' per il controllo dei contenitori, ci vorrebbero 7 ore e mezzo a completare la raccolta di ogni punto..."

    Tre minuti a sacchetto!? Ma che ti credi avvenga ai camioncini per metterci così tanto? Ennesima dimostrazione che tu non vivi nel quartiere e che una di queste postazioni mobili non l'hai mai vista nemmeno da lontano, altrimenti sapresti anche che gli addetti sono in genere due, ma spesso uno solo.

    Ma visto che ti piacciono i calcoli ti chiedo di farne uno un po' più complesso proprio per verificare la fattibilità del tuo idolatrato porta a porta.

    Intanto, tu lo sai quant'è la produzione procapite media giornaliera di rifiuti (non in Italia, ma nel Lazio)? E divisa per le quattro diverse tipologie di rifiuto che si differenziano attualmente? E conosci il rapporto peso/volume "non compresso" di questi rifiuti (ovviamente diverso per ogni tipologia)?

    Quando li avrai scoperti prova a calcolare quanto spazio fisico servirebbe per tutti i rifiuti di una palazzina tipo del nostro quartiere (all'incirca una sessantina di appartamenti). Poi smuovi il tuo culo flaccido (citazione minettiana), vai in una di queste palazzine e metro alla mano dimmi sotto o affianco alla finestra di quale cittadino (e soprattutto dillo anche a lui) vuoi piazzare la monnezza dell'intero palazzo.

    Fatti i calcoli? Ancora no? Forse troppo difficili? Oppure la risposta non è quella che ti aspettavi nei tuoi sogni da salvatrice delle povere anime di noi ignoranti del Don Bosco?

    RispondiElimina
  27. Caro Gino, te ne stavi nella provincia di Ascoli a navigare e subito ti sei inserito su questo Blog, atteggiandoti a Professore.

    Ora dico, ma qualcuno ti ha chiamato in quel paesino ascolano ieri o seguivi il blog già da diverso tempo e te ne sei ricordato da qualche giorno che viviamo in una discarica a cielo aperto (noi ancora siamo quì) a proposito lì come va con l'immondizia, a Montemonaco ?

    Se ci sei in vacanza sfruttati le vacanze
    estive e se ci sei per lavoro buon lavoro ed un arrivederci dalle nostre parti a presto.

    Ciao

    Michele

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.