lunedì 11 luglio 2011

Avanti il prossimo!


Adesso c'è la coda. Fino a un paio di mesi fa i partiti sulla questione differenziata sembravano le tre scimmiette del non vedo non sento non parlo e ora invece fanno a gara a rincorrere noi cittadini per ottenere la nostra approvazione.

L'ha fatto il PD, poi quelli di Action, soltanto venerdì scorso il PdL e ora, last but not least, tocca all'IdV, che ha affisso manifesti in tutto il quartiere annunciando un incontro nella sua sede per venerdì 15 luglio alle 17,30 proprio sul tema differenziata e scrivendo bello in grosso:

L'Italia dei Valori X municipio condurrà la sua battaglia al fianco dei cittadini fino a che le loro istanze non saranno ascoltate

Se fosse così ne saremmo felicissimi. Ma l'esperienza passata ci ha insegnato a diffidare di questi impegni solenni, poi contraddetti alla prova dei fatti. Quel partito e i suoi esponenti devono dirci chiaramente qual è la loro posizione, e preferibilmente senza le ambiguità solite che stanno accompagnando l'azione dei politici del nostro municipio da mesi a questa parte...


Per cui, per dare un significato all'impegno solenne stampato su quel manifesto, sarà meglio ricordare loro quello che sono le istanze, almeno le principali, che i cittadini avanzano:

- Il riposizionamento immediato di un numero sufficiente di cassonetti per i rifiuti indifferenziati (almeno uno per ogni civico) per far fronte all'emergenza caldo
- La sostituzione di tutti i cassonetti rotti e mal ridotti con quelli nuovi, come sta accadendo da altre parti della città
- La sospensione dell'attuale metodo dei camioncini in favore di un sistema davvero condiviso dai cittadini (per esempio i cassonetti per l'umido)

E per sovrappiù, proprio per evitare fastidiosi fraintendimenti come successo con altri partiti, i cittadini sanno bene anche quello che non vogliono: quell'inattuabile porta a porta che trasformerebbe il disastro in atto in qualcosa di molto peggiore.

Adesso che conoscete le nostre istanze siete pronti ad appoggiarle senza se, senza ma e senza fastidiose aggiunte che servono a dire tutto e il contrario di tutto? Aspettiamo risposte.

14 commenti:

  1. Ma l'IDV non sta nella maggioranza del Municipio? E la maggioranza del Municipio (Presidente Medici PD UDC e SEL) non hanno detto che vogliono il Porta a Porta? Allora questi da che parte stanno? Con noi o contro di noi? Insomma, e' finita l'ora dei manifesti e delle strumentalizzazioni, avete aspettato l'estate e la puzza per svegliarvi ma noi non dimentichiamo chi c'era l'anno scorso a Piazza San Giovanni Bosco a dirci che dovevamo fare la differenziata con i bidoncini!!!

    Paola

    RispondiElimina
  2. Ciao Paola, ho aspettato un po' a rispondere perché speravo che gli struzzi di turno (che sono al corrente di questo post) ci informassero se effettivamente condividono quanto stiamo portando avanti come cittadini e se quindi hanno abbandonato le velleità ecoavanguardiste della ditta Medici & soci.

    Probabilmente ho fatto una domanda troppo difficile. Mi sa che ci devono pensare sopra. Metti che poi a qualcuno dei loro alleati in municipio non piaccia la risposta?

    RispondiElimina
  3. Fa ridere il fatto che anche loro, attaccando questi manifesti sui muri, contribuiscono a rendere più sporco il nostro quartiere...

    RispondiElimina
  4. Fa ridere sì, ma non volevo infierire... ;)

    Del resto, gli altri partiti non è che abbiano fatto qualcosa di diverso. Anche quelli del PdL hanno abbondantemente contribuito per la loro quota degrado.

    Molto meglio i volantini attaccati con lo scotch (e non con la colla) accanto ai portoni per comunicare un'iniziativa. Almeno quelli, quando la data è passata, li puoi levare senza lasciare residui.

    RispondiElimina
  5. Se e' per questo il Municipio e' ancora ricoperto di manifesti per i referendum sull'acqua e periodicamente viene sporcato con manifesti di concerti vari e iniziative dei centri sociali.

    Greg

    RispondiElimina
  6. @Greg
    Ma certo, lo vediamo tutti i giorni e non ci fa piacere. Io però volevo far notare che dei politici, dicono che gli sta a cuore il nostro problema, fanno un manifesto con scritto X MUNICIPIO MAI COSI' SPORCO e poi lo attaccano abusivamente su tutti i muri del quartiere. Il classico predicare bene e razzolare male. Già da questo si vede quanto sta a cuore a questi politici il NOSTRO quartiere, che sta diventando terra di conquista per venire ad accalappiare qualche votarello, speculando e prendendo in giro i cittadini. Gli faccio una proposta, fra 2 giorni, come li hanno attaccati, perchè non vanno a toglierli?

    RispondiElimina
  7. Direi che quella di abusare dei manifesti è purtroppo una cattiva abitudine che hanno in molti, senza bisogno di dare patenti di più sporcaccione a questo o a quell'altro.

    Gothic, a me basterebbe una presa di coscienza da parte loro e l'impegno ad usare altre forme meno invasive per pubblicizzare le loro iniziative.

    Però sono d'accordo con te che è davvero paradossale denunciare un degrado aggiungendone dell'altro.

    RispondiElimina
  8. Io se fossi in voi glieli staccherei, come fanno tanti altri cittadini che si stanno organizzando per combattere il degrado delle affissioni abusive!

    RispondiElimina
  9. Perché non lo facciamo? Forse perché pensiamo che sia più importante riuscire a convincere quei partiti e associazioni che una maggiore attenzione nel proprio modo di comunicare è più premiante di manifesti affissi in ogni dove.

    O forse, per i più legalitari fra noi, perché pensiamo che altri siano preposti, pagati e preparati al compito di sorvegliare e punire questo genere di trasgressioni. E che quindi i primi con cui prendersela sono proprio quelli che non fanno rispettare quelle leggi o che le leggi cambiano per cancellare multe. E nessuno di noi desidera sostituirsi ad essi.

    O forse ancora perché il film Il giustiziere della notte non ci è mai piaciuto e non sentiamo il bisogno di compensare alcuna inferiorità con azioni in puro stile manipolo fascista che possono servire giusto a far sentire ganzo per cinque minuti qualche ragazzino represso.

    La stragrande maggioranza dei cittadini del Tuscolano pensa che sia stata una gran porcata toglierci i cassonetti. Secondo la tua logica, del far da sé, noi cittadini avremmo dovuto fare azioni in prima persona: tipo dare fuoco all'immondizia, ai camioncini e pure a tutti gli addetti AMA.

    Non l'abbiamo fatto, e nonostante il modo in cui siamo stati trattati abbiamo cercato e continuiamo a cercare un dialogo con le istituzioni. Pensa che fessi che siamo...

    RispondiElimina
  10. http://www.paesesera.it/Societa/Municipi-il-Pd-dichiara-guerra-al-degrado

    http://www.libero-news.it/news/759676/Roma--Visconti-e-De-Priamo--con-cittadini-per-combattere-degrado.html

    (dialogo con le istituzioni)

    RispondiElimina
  11. E ti pareva che Drogo scriveva azioni in puro manipolo fascista. Leggiti Arcipelago Gulag di A. Solzenicyn e vedrai che le azioni in puro manipolo comunista erano analoghe e peggiori. Ad ogni modo per chi legge l'IDV e' nella maggioranza che governa il Municipio o no? E se e' sporco sara' pure colpa loro che lo governano o no? Ed allora con chi se la prendono??? Rivogliamo i cassonetti.

    Serena

    RispondiElimina
  12. Serena, credi forse che io difenda un qualche totalitarismo? O forse lo stai facendo tu? Se hai simpatia per quel modo di pensare gira al largo, perché hai sbagliato posto.

    Il fascismo è la nostra storia (questa sconosciuta) e a questa mi riferisco. In particolare alle passeggiate pro decoro fatte negli anni '20 da squadracce fasciste che scendevano in piazza per sostituirsi ai netturbini in sciopero e che finivano con le camere del lavoro bruciate.

    La logica alla base è la stessa. E all'inizio anche quei fascisti erano solo quattro sfigati.

    RispondiElimina
  13. Les, molto divertente. Quello che tu chiami dialogare con le istituzioni, pietendo l'attenzione di quegli stessi politici artefici del degrado contro il quale "dite" di battervi perché vi possiate fregiare di un gagliardetto e una divisa e beccarvi un po' di soldi a pioggia (un milione di euro che uscirebbero dalle tasche di tutti noi), io lo chiamo leccare il culo.

    RispondiElimina
  14. g.drogo
    Ti quoto in pieno ! Leccare il culo serve a poco e poi ci sono una serie di conseguenze come ad esempio fare finta di niente su situazioni "antipatiche" vedi parentopoli .

    sturmtruppen

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.