martedì 8 novembre 2011

Attenti alla Ta.Ri.!


Quelli che mi seguono sanno che sono una persona sensibile e attenta al problema rifiuti e a tutto quello che lo riguarda. Eppure anch'io solo all'arrivo della lettera dell'AMA con bollettino accluso per pagare il secondo semestre della tariffa rifiuti mi sono accorto di non aver pagato la prima rata di aprile. E non per mia volontà, dimenticanza o addirittura per protesta, ma perché semplicemente non mi è mai arrivata.

Questa del mancato invio, del resto, è cosa capitata a tanti anche in passato ed è purtroppo un brutto vezzo di questa amministrazione comunale. Ma quel che è peggio è che l'avviso del mancato pagamento di aprile è quasi invisibile nella lettera in questione. Anch'io me ne sono accorto soltanto a una seconda e attenta lettura e ritengo molto probabile che siano davvero tanti quelli a cui quell'avviso è sfuggito.

Scritto in piccolo, in nero come il resto della lettera, nemmeno in grassetto, messo di seguito a una generica indicazione sulla domiciliazione bancaria (nella foto è la parte che ho segnalato con delle frecce rosse) questo il testo:

Attenzione !!! Non risulta ancora pervenuto il pagamento dei documenti sotto indicati; se il pagamento è stato effettuato, il presente sollecito è da ritenersi nullo.

Davvero facile che una così infima indicazione possa sfuggire all'occhio di chi la riceve. Con il risultato di farlo diventare definitivamente moroso e quindi di esporlo a controlli e soprattutto a dover pagare more e interessi vari per uno sbaglio assolutamente non suo...

Peraltro, quel messaggio è anche molto ambiguo, perché dice di ignorare il sollecito se a VOI risulta il pagamento, anche se però a LORO non risulta che VOI abbiate pagato.

Ma a dimostrazione dell'alto livello comunicativo raggiunto dalla nostra municipalizzata, una volta che ci si è faticosamente accorti di quell'avviso, viene il problema successivo. Cioè come fare a pagare. Perché non è scritto da nessuna parte che cosa si deve fare per mettersi in regola e sanare la propria posizione. Ci si aspetterebbe una spiegazione, magari un numero di telefono dove reperire informazioni. Invece nulla! Si dà per scontato che il cittadino sappia già da solo come fare, cosa non affatto vera.

Nel mio caso, andando per logica, ho cercato su internet un numero verde dell'AMA. Il quale però, ennesima sorpresa, non dà risposte sulla questione Ta.Ri. e rimanda allo 060606 del comune di Roma. Solo a quel numero ho potuto parlare con un operatore (perfettamente informato del fatto che le lettere Ta.Ri. di aprile non erano state recapitate a tantissimi), che mi ha invitato a recarmi presso uno sportello della banca di Sondrio (informazione di pubblica utilità: la filiale più vicina a noi è all'Appio Claudio in via Claudio Canuleio 29, accanto all'ufficio postale) o a chiamarli per farmi mandare un nuovo bollettino.

Per fortuna non ho dovuto pagare sovrattasse (e ci mancherebbe pure!), ma resta l'amaro in bocca per l'ennesimo disservizio di una municipalizzata pagata da noi cittadini che ci vede solo come polli da spennare.

Intanto, nonostante la Ta.Ri. pagata, questo è quello che c'è nel nostro quartiere.

Piazza San Giovanni Bosco domenica scorsa

E voi? L'avete pagata la Ta.Ri. di aprile?

2 commenti:

  1. temo di avere pagato due volte..:-(

    RispondiElimina
  2. Come due volte!? Questa ce la devi proprio raccontare. Magari è utile saperlo a qualcun altro che potrebbe incorrere nel tuo stesso errore.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.