venerdì 30 dicembre 2011

I permessi scaduti dei soliti peracottari...


Di chi parliamo? Ma sempre dei soliti esperti di pera cotta che hanno messo a gestire la nostra municipalizzata. Anche questa volta parliamo dell'AMA.

Se qualcuno torna indietro con la memoria di un paio di settimane si ricorderà che avevamo mostrato in un post come quel permesso che l'AMA appende ai cartelli di divieto di sosta in via dell'Aeroporto (per usare quel tratto di strada per il travaso dei camioncini della differenziata) era scaduto l'11 dicembre.

Forse anche a seguito della nostra denuncia del 14 dicembre quei permessi fotocopiati erano scomparsi, mentre invece erano rimasti i cartelli di divieto. L'AMA ha comunque continuato a travasare immondizia davanti alle scuole del quartiere e al centro anziani, come se nulla fosse.

Qualche automobilista però, non vedendo più né i permessi né i nastri che delimitavano quel tratto di strada, ha pensato bene che lì fosse di nuovo consentito il parcheggio. Ma questo ha creato qualche intoppo ai camioncini in manovra, per cui, qualche giorno dopo, gli addetti dell'AMA (o chi per loro) hanno provveduto a rimettere il nastro bianco e rosso e ad affiggere "nuovi" permessi...

giovedì 29 dicembre 2011

Potati gli alberi alla Torretta


Ci sono voluti anni di richieste, ma finalmente gli amici del Centro Anziani La Torretta, poco prima di Natale, sono riusciti ad ottenere quella potatura degli alberi di cui avevano tanto bisogno.

Per ottenerla ci sono però volute le insistenze loro e dei nostri amici di Vie e Piazze storiche di Cinecittà (e soprattutto la dedizione dei loro presidenti, Pietro Aureli e Amleto Lanna), che non hanno fatto passare giorno senza tartassare gli uffici competenti e chi era sopra di loro.

E c'è anche voluta una promessa praticamente "estorta" al sindaco Alemanno durante la sua visita alla Torretta ad agosto e tutto l'interessamento del suo gabinetto per riuscirci. Come pure è stato provvidenziale anche un aiuto dell'AMA (sì, anche il loro, diamo all'AMA quel che è dell'AMA) per far sì che l'intervento del Servizio Giardini del comune di Roma fosse il più completo possibile...

mercoledì 28 dicembre 2011

Più di mille...

Sono bastati solo dieci giorni, feste natalizie comprese, e il profilo facebook su cui vengono ripostate tutte le notizie di questo blog ha raggiunto e superato quota mille amici. Per la precisione in questo momento siamo a 1124, ma di minuto in minuto continuano ad aumentare le richieste di adesioni.

Un risultato importante, per non dire strabiliante, merito soprattutto di quel grande amico di Fortezza Bastiani che è Viaflavio Stilicone. Ancora più significativo se si pensa che la stragrande maggioranza di quei mille  e passa sono abitanti del Tuscolano Don Bosco. Quindi coinvolti a pieno nel disagio che stiamo vivendo a causa della fallimentare differenziata dell'AMA, e con cui ora si può iniziare a pensare a forme più dirette di protesta.

E la riprova che questo blog è seguitissimo è confermato anche da Roma Today che spesso e volentieri riprende i nostri post e le nostre foto per offrirle al suo pubblico, come pure da Repubblica che ha pubblicato nella sua edizione cartacea molte nostre denunce.

martedì 27 dicembre 2011

Se Alemanno va a Parigi...

Via Lucio Mummio, ieri pomeriggio

La dichiarazione di Alemanno secondo cui Roma è più pulita di Parigi, fatta quando ormai si stavano incartando gli ultimi regali, è la chicca arrivata a rallegrare le feste natalizie. L'avevamo già commentata in tempo reale su facebook, ma vale la pena di tornarci anche sul blog per darle il giusto risalto. Questa la perla tirata fuori dal sindaco e pubblicata da Repubblica.

"Ho incontrato diversa gente che, tornata stupita da un viaggio nella capitale francese, mi ha detto che Roma è più pulita di Parigi. Non dobbiamo fermarci ad un atteggiamento provinciale pensando di essere sempre i peggiori".

Chissà dove abita questa "gente" che frequenta Alemanno. Certo non dalle parti di noi "provinciali", perché proprio non ci si crede che a Parigi stanno messi peggio di come stiamo noi. E non ci credono nemmeno i lettori di quel quotidiano che nei commenti, fra rabbia e ironia, hanno ben espresso il loro pensiero verso Alemanno...

sabato 24 dicembre 2011

Auguri a tutti tranne che a...


Beh, non è difficile da capire chi è che i nostri auguri proprio non se li merita. E' quella municipalizzata che dovrebbe avere come missione fondante il tenere la città pulita e invece, per fare i fatti dei propri parenti, ha trasformato il quartiere in una discarica.

Nel video, con allegra musichetta in tema natalizio, la situazione disastrosa di ieri (giorno feriale) in via Flavio Stilicone, via Emilio Lepido, via Calpurnio Fiamma e tante altre. Dopo aver visto queste immagini capite perché quelli dell'AMA gli auguri da noi possono scordarseli?

Invece, fra i tanti amici di Fortezza Bastiani facciamocelo un augurio, uno di quelli sentiti, a cui teniamo tanto e perché si realizzi ci siamo dati da fare e continueremo a farlo: l'augurio di tornare a vivere in un quartiere pulito. Buon Natale!

venerdì 23 dicembre 2011

L'AMA ce l'ha con me, e con tanti altri...


No, vabbè, adesso all'AMA hanno proprio rotto! A me, ma anche a tanti del mio palazzo e credo a questo punto a mezza Roma, è appena arrivata una loro raccomandata dove si pretende il pagamento di quel primo semestre della Ta.Ri. il cui bollettino LORO non hanno mai spedito e che comunque io avevo provveduto, per conto mio, già a fine ottobre a pagare presso la banca di Sondrio.

Ci avevo fatto anche un post sopra, Attenti alla Ta.Ri., per avvisare tutti di quell'avviso di mancato pagamento del primo semestre, semi nascosto fra le righe della lettera che riguardava il secondo semestre. Pensavo che comunque essendome accorto in tempo di aver evitato ulteriori fastidi. E invece...

Invece niente, perché se andate a vedere nella foto che data porta la lettera che mi è arrivata per raccomandata ieri 22 dicembre noterete che c'è scritto 11/10/2011, cioè è stata elaborata prima che mi arrivasse l'avviso di cui sopra e sulla base del quale ero andato a pagare. Ci hanno messo quasi due mesi e mezzo per spedire una raccomandata. D'accordo che le poste sono lente, ma questa volta mi sa che la colpa non è la loro...

giovedì 22 dicembre 2011

Gli elenchi telefonici e la differenziata


Questa volta devo chiedere scusa all'AMA... No, non sono impazzito e continuo a pensarla allo stesso modo sul fatto che la responsabilità di aver ridotto il nostro quartiere in una discarica è tutta della nostra amata municipalizzata. Ma negli ultimi giorni alle solite accuse ho aggiunto anche quella per i cassonetti della carta sempre pieni e non svuotati con la giusta frequenza. E non era proprio tutta colpa loro.

In realtà è successo che nelle ultime settimane sono stati consegnati i nuovi elenchi telefonici, pagine bianche e pagine gialle, e i vecchi elenchi sono così finiti al secchio. Una volta venivano ritirati da quegli stessi addetti che li consegnavano, ma ormai nessuno apre più la porta agli sconosciuti, loro non ripassano e gli amministratori, quasi tutti, vietano di lasciare i vecchi elenchi negli androni invitando a gettarli nei cassonetti bianchi...

mercoledì 21 dicembre 2011

L'AMA e gli zingari

Via Lucio Mummio, lunedì scorso

Nel secondo incontro dell'AMA con la cittadinanza del settembre 2010 per spiegare quel sistema duale che da lì a poco avrebbe trasformato il nostro quartiere in una discarica a cielo aperto, una donnetta domandò se con questo nuovo sistema, cioè con la rimozione dei cassonetti verdi, si sarebbe "risolto" anche il problema zingari (inteso liberarsi del fastidio di quelli che recuperano dai cassonetti ciò che noi buttiamo di ancora utile).

Ridacchiando e annuendo insieme ai suoi compari compiaciuti (compreso quell'assessore di centro sinistra, Massimo Perifano, del nostro municipio), un dirigente dell'AMA glielo confermò vantandosi (e mentendo, aggiungiamo noi) che nei quartieri dove era arrivato quel sistema gli zingari erano scomparsi.

A distanza di quattrordici mesi abbiamo la risposta alla domanda di quella donnetta: con il sistema misto duale dell'AMA gli zingari (sempre intesi come quelli che cercano fra i rifiuti qualcosa da recuperare e riutilizzare) sono aumentati. Se prima ce n'erano un paio, ben conosciuti con la loro bicicletta e asta di metallo per rovistare nei cassonetti, adesso si sono moltiplicati e oltre ai carrellini e alle bici hanno anche camion e furgoni...

lunedì 19 dicembre 2011

Noi vogliamo tanto bene agli accertatori AMA...


E' da qualche giorno che non si vedono più nel quartiere quegli accertatori che l'AMA ci aveva mandato per educarci alla sua personalissima differenziata a suon di multe. Adesso pare che si siano spostati a Montesacro, IV municipio, dove rimarranno per un paio di settimane.

Sia chiaro, noi di questi cosiddetti parenti di Alemanno non sentiamo affatto la mancanza. E loro, ci scommettiamo, non sentono la mancanza del nostro caldo abbraccio, che quando passavano li si seguiva con degli sguardi carichi d'affetto che dicevano tutto.

Ovviamente la loro opera coercitiva non è servita a nulla. Il quartiere è rimasto sporco come prima. Anzi, il loro presidiare alcuni punti in permanenza, come in via Lucio Mummio, ha indispettito anche chi la differenziata provava a farla nonostante tutte le difficoltà e che ha mal digerito il tentativo dell'AMA di addossargli colpe dovute esclusivamente al mancato svuotamento dei cassonetti.

Ma una traccia del loro passaggio al Tuscolano sui cosiddetti media ufficiali c'è. Un articolo in cui i signori si vantano di averci castigati, a noi cattivi cittadini, con la bellezza di ben sette multe al giorno...

domenica 18 dicembre 2011

Fortezza Bastiani sempre più Social

Si dice così, che si è social quando si fa parte di gruppi e comunità che condividono interessi, passioni o legami familiari. Un blog già lo è di per sé, e Fortezza Bastiani può contare su tanti amici che lo seguono. 

Proprio per loro, per aiutarli a far girare il più possibile le foto e le notizie che pubblichiamo, abbiamo aperto nuovi canali, tutti collegati tra loro. Ed ecco pronti un profilo Facebook, uno su Google+, oltre a un account su Twitter e a un canale su Youtube. In più, ora è anche possibile cliccare sul "Mi piace" di Facebook direttamente dai post (guardare in coda al post, appena sotto ai tasti di condivisione).

Siamo ancora agli inizi, con tutti i problemi che conseguono nel doversi impratichire con comandi su piattaforme diverse. Sicuramente ci sarà qualche problema, ma con un po' di pazienza presto riusciremo a raggiungere una platea più vasta e a far conoscere a più persone quella che è la reale situazione nel nostro quartiere e cosa stiamo facendo per opporci allo sfacelo che l'AMA ha causato con il suo cosiddetto sistema misto duale...

venerdì 16 dicembre 2011

Come differenziare una biopattumiera


La riconoscete? E' la biopattumiera aerata (nient'altro che un pezzo di plastica grigio topo traforato, nonostante il nome pretenzioso) che l'AMA ci ha "regalato" all'inizio della differenziata insieme a quei sacchetti di carta per l'umido, garantiti antisfondamento e che invece si sfondavano una bellezza.

Un altro cittadino, in via Pasquale Del Giudice, ha deciso che non sapeva più che farne e ha provato a differenziarla nel cassonetto blu della plastica. Ma vuoi per le aperture di quel cassonetto che sono risicatissime, vuoi anche perché il cassonetto in questione era bello pieno, ha dovuto per forza di cose lasciarla lì per terra, insieme all'immondizia di tutta la strada.

giovedì 15 dicembre 2011

E' emergenza, adesso!

Via Marco Celio Rufo, ieri pomeriggio

Forse non ci siamo capiti... Quando il 28 novembre vi abbiamo rivolto un appello, a voi politici eletti nel nostro municipio, perché vi uniste a noi cittadini nel chiedere degli interventi urgenti all'AMA per risolvere il problema dell'immondizia nelle nostre strade non intendevamo che potevate prendervela comoda e magari occuparvene dopo le feste (ché col panettone e lo spumantino sullo stomaco non si ha voglia di occuparsi di certe sciocchezze). No, noi intendevamo, e intendiamo ancora, che c'era bisogno di fare qualcosa subito!

Non è più tollerabile trovare i cassonetti stracolmi perché non svuotati con la giusta frequenza, con la gente costretta a lasciare i suoi rifiuti per terra. E non è più tollerabile che chi è stato eletto proprio per rappresentare i cittadini faccia finta di nulla di fronte a questo disastro. Noi ci abbiamo provato a contattarvi. Da tre di voi abbiamo avuto anche l'assicurazione che ve se ne sareste occupati. Ma evidentemente le beghe interne, le divisioni e soprattutto il fatto che ben pochi di voi (per non dire quasi nessuno) vivono nel nostro quartiere e quindi non vivono il nostro disagio, vi hanno convinti a rimandare il tutto alle calende greche.

A questo punto, visto il vostro disinteresse, è legittimo chiedersi cosa ci stiate a fare in municipio e quali sono i reali interessi che rappresentate. Se non sono quelli di noi cittadini del quartiere, visti da voi come un fastidio, quali sono allora le vostre priorità...?

mercoledì 14 dicembre 2011

Permesso scaduto in piazza dei Consoli


Una volta ancora l'AMA dimostra tutta l'approssimazione di cui è capace nella gestione della differenziata. Questa volta parliamo di quel contestatissimo punto di travaso dell'immondizia in via dell'Aeroporto all'angolo con piazza dei Consoli, in cui vige un divieto di sosta dalle 5 alle 12 per lasciar posto ai compattatori e che però... è scaduto l'11 dicembre.

Nonostante questo, i cartelli di divieto in quel punto continuano ad esserci come sempre. E anche ieri mattina c'era la solita fila di rumorosissimi e puzzolentissimi camioncini ad allietare gli studenti delle scuole che vi si affacciano, oltre agli iscritti al centro anziani lì accanto.

Era già successo in passato, e in quel caso sono passati giorni prima di vedere affisso un nuovo permesso. Anche questa volta probabilmente succederà la stessa cosa (almeno così ci riferisce un uccellino molto informato). Ma nell'attesa, perché nessun automobilista potesse pensare di poter parcheggiare in quel punto, una provvidenziale (per l'AMA) "manina anonima" ha fatto sparire il vecchio permesso scaduto che vedete in foto e che abbiamo fatto appena in tempo a fotografare.

Bel modo di gestire una municipalizzata! Programmazione zero, errori su errori, e sempre qualcuno pronto a coprire l'incompetenza generale mettendo precarie pezze qua e là. Non vi stupite se li chiamiamo peracottari, è la parola più adatta a definirli.

lunedì 12 dicembre 2011

Ma che si sono fumati all'AMA?


Sì, adesso pure le canzonette usa l'AMA per sponsorizzare se stessa, e incidentalmente la differenziata (qui il video ufficiale AMA).

Non è dato sapere quanto è stato speso per quella canzone e per tutta la campagna pubblicitaria (nessun giornalista l'ha chiesto e anche sul loro sito non ci sono notizie). Ma del resto saranno fatti loro. Chi siamo noi cittadini per chiedere conto del perché vengono spesi i soldi di una municipalizzata che dovrebbe occuparsi di rifiuti in campagne pubblicitarie (chi si ricorda della Arcuri?) autoreferenziali?

E poi la canzone è simpatica, orecchiabile, a ritmo di reggae, finanche ossessiva nel suo ritornello. Lasciamo perdere le polemiche e facciamoci insegnare da questo Jacopo Ratini come va fatta la differenziata. Se l'AMA l'ha scelta come inno ufficiale vuol dire che trova corretti i messaggi che vi sono contenuti. Epperò...

domenica 11 dicembre 2011

I bidoncini smarriti


Comunicazione di servizio per l'addetto AMA (tanto lo sappiamo che ci leggono) che era di turno oggi dalle 10,30 alle 12,00 in via Enrico Mazzoccolo. Se non trova più attaccati al suo camioncino i bidoni per la raccolta dell'umido non è perché gli si sono staccati per strada o addirittura rubati. Se li è solo dimenticati nel punto in cui stazionava ed è lì che li ritroverà domani mattina, belli carichi carichi.

La prossima volta però meno ipod, mi raccomando.

giovedì 8 dicembre 2011

L'AMA e i giorni feriali


Bella scena, vero? Bella per modo di dire, ma il doppio mucchione di via Tarquinio Collatino nella foto scattata ieri pomeriggio merita una menzione d'onore. Non tanto per la quantità d'immondizia per terra, ormai quota standard in quella via, quanto per il fatto che non c'è cassonetto (blu, bianco o nero), che non sia strapieno. Segno che in quella strada non sono passati compattatori di nessun tipo.

Molti si sono lamentati che l'AMA passa di meno nei weekend a raccogliere i rifiuti che nei giorni feriali. Si vede che alla municipalizzata hanno dato loro ascolto, uniformando il servizio. Ma come prevedibile conoscendo i soggetti, lo hanno fatto al ribasso, togliendo compattatori invece di metterne altri. Infatti questa era la disastrosa situazione di ieri 7 dicembre, giorno feriale, nel nostro quartiere (qui il link diretto se non riuscite a vedere le foto o per vederle a schermo intero).


Poi magari questo è successo perché all'AMA considerano anche il 7 dicembre come giorno festivo (a Milano infatti è Sant'Ambrogio). E' ormai da un bel pezzo che nella nostra municipalizzata, per i suoi dirigenti, per i suoi referenti politici e per i tanti miracolati amici e parenti di questo e di quello, ogni giorno è una grande festa. Mentre invece per noi cittadini...

Update: ecco la foto scattata oggi 9 dicembre verso le 15,00 da Gothic666 (uno dei primissimi lettori di questo blog e cittadino del quartiere come noi) in via Statilio Ottato . A dimostrazione che l'emergenza rifiuti è ormai quotidiana.

martedì 6 dicembre 2011

Si parla di noi, sempre di più...


Doppio ringraziamento, oggi, a quelli che hanno deciso di darci visibilità. A cominciare da Repubblica che nell'edizione in edicola domenica 4 dicembre ha pubblicato una breve sintesi (qui il pdf e qui la versione solo testo) della spiacevole discussione fra una signora e gli addetti AMA del punto di travaso di via dell'Areoporto di cui vi avevamo parlato più dettagliatamente in questo post e che avevamo segnalato anche su Repubblica online.


Il secondo ringraziamento va a chi ci segue da tanto tempo, a Roma Today che riprende spesso e volentieri i nostri post offrendoli ad una platea certamente più vasta di quella che possiamo raggiungere noi con un semplice blog. Anche questa volta, puntuale come sempre, Marco Guercino ha ripreso le foto scattate domenica scorsa nelle nostre strade e dato conto dell'adesione del Centro Anziani La Torretta e dell'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà alla richiesta di una mozione unitaria ai consiglieri del municipio perché l'AMA affronti finalmente con serietà il problema rifiuti nel nostro quartiere.

Adesso tocca ai nostri rappresentanti in municipio fare la loro parte. Noi aspettiamo risposte.

lunedì 5 dicembre 2011

Una nuova gradita adesione


Oltre all'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà anche il Centro Anziani La Torretta di piazza dei Consoli ha deciso di unirsi alla nostra richiesta di una mozione unitaria in consiglio municipale che costringa l'AMA a prendere provvedimenti seri (non le solite buffonate) per affrontare il problema rifiuti nel nostro quartiere. Questo il loro comunicato:

Il direttivo del Centro Anziani La Torretta approva e sostiene la richiesta del blog Fortezza Bastiani e dell'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà ai rappresentanti eletti di una mozione unitaria in consiglio municipale che possa risolvere quella che ormai è una vera e propria emergenza rifiuti nel nostro quartiere.

Il direttivo concorda sulla necessità di aprire un tavolo di confronto con l'AMA che coinvolga anche i cittadini nelle scelte che riguardano il territorio e chiede che il consiglio approvi i quattro punti proposti, da presentare alla municipalizzata per risolvere, almeno nell'immediato, la grave situazione dei rifiuti nelle nostre strade...

venerdì 2 dicembre 2011

Come non detto...


Ci eravamo illusi, avevamo sperato che finalmente quel punto di travaso dell'immondizia in via dell'Aeroporto, piazzato fra le scuole e il centro anziani del quartiere, fosse stato finalmente trasferito altrove. Tre giorni è durato questo bel sogno, ma purtroppo, da stamattina, i compattatori sono tornati nuovamente in quel punto con il loro carico di miasmi e rumori molesti.

A quanto pare (sempre raccogliendo voci perché non c'è stata nessuna comunicazione ufficiale al riguardo) alcuni automobilisti, non vedendo più i cartelli di divieto né la solita fettuccia che delimitava la zona di manovra dei mezzi AMA, avevano ripreso l'abitudine a parcheggiare in quel punto, ostacolando di fatto le operazioni dell'AMA.

Pare anche che i vigili chiamati per multare quegli automobilisti si siano rifiutati in quanto la segnaletica, come mostrato anche dalle nostre foto, era inesistente e i permessi illegibili. Per questo motivo, sempre pare, il servizio di travaso è stato sospeso sino ad ieri, data in cui è stato, purtroppo, effettuato il ripristino di tutti i divieti. E questo è tornato il solito scenario di quella via: una lunga fila di camioncini in attesa di travasare immondizia.


Ma la tensione fra i cittadini resta alta. Proprio mentre eravamo lì per documentare quello sgradito ritorno, si sono sentite all'improvviso alte le grida di una signora che inveiva contro gli addetti dell'AMA...

giovedì 1 dicembre 2011

Le nostre richieste pubblicate oggi anche da Roma Today


Roma Today continua a darci visibilità riprendendo la nostra richiesta di una mozione unitaria in municipio che superando le divisioni partitiche possa farci uscire dall'emergenza immondizia. Un segnale sull'attenzione al tema differenziata e rifiuti da parte del suo pubblico di lettori e uno sprone per noi a continuare a portare avanti la richiesta. Ribadiamo i quattro punti della nostra proposta su quello che si chiede nell'immediato all'AMA:

- ritiri gli accertatori che ha sguinzagliato nel quartiere, perché non può essere addossata al cittadino la colpa del loro fallimento;

- elimini quelle disuguaglianze di trattamento fra strada e strada, fra civico e civico, provvedendo a rimettere almeno un cassonetto nero dell’indifferenziata per ogni condominio (che da noi significa un centinaio di famiglie e più);

- aumenti i passaggi degli autocompattatori, compresi quelli della carta e della plastica, in modo che non si vedano più in giro cassonetti strapieni, con i cittadini costretti a lasciare la loro immondizia per terra;

- non venga più rinnovato il permesso di sosta in via dell’Aeroporto per i mezzi AMA, in modo che si tolga finalmente da lì il punto di travaso dei camioncini messo proprio sotto le finestre della scuola media Cecilio Secondo, della materna e della elementare Puccini e del Centro Anziani La Torretta.