giovedì 15 dicembre 2011

E' emergenza, adesso!

Via Marco Celio Rufo, ieri pomeriggio

Forse non ci siamo capiti... Quando il 28 novembre vi abbiamo rivolto un appello, a voi politici eletti nel nostro municipio, perché vi uniste a noi cittadini nel chiedere degli interventi urgenti all'AMA per risolvere il problema dell'immondizia nelle nostre strade non intendevamo che potevate prendervela comoda e magari occuparvene dopo le feste (ché col panettone e lo spumantino sullo stomaco non si ha voglia di occuparsi di certe sciocchezze). No, noi intendevamo, e intendiamo ancora, che c'era bisogno di fare qualcosa subito!

Non è più tollerabile trovare i cassonetti stracolmi perché non svuotati con la giusta frequenza, con la gente costretta a lasciare i suoi rifiuti per terra. E non è più tollerabile che chi è stato eletto proprio per rappresentare i cittadini faccia finta di nulla di fronte a questo disastro. Noi ci abbiamo provato a contattarvi. Da tre di voi abbiamo avuto anche l'assicurazione che ve se ne sareste occupati. Ma evidentemente le beghe interne, le divisioni e soprattutto il fatto che ben pochi di voi (per non dire quasi nessuno) vivono nel nostro quartiere e quindi non vivono il nostro disagio, vi hanno convinti a rimandare il tutto alle calende greche.

A questo punto, visto il vostro disinteresse, è legittimo chiedersi cosa ci stiate a fare in municipio e quali sono i reali interessi che rappresentate. Se non sono quelli di noi cittadini del quartiere, visti da voi come un fastidio, quali sono allora le vostre priorità...?

Foto scattate ieri, 14 dicembre, nelle strade del quartiere

Ah sì, dimenticavamo la proposta del presidente Medici di far costruire lo stadio della Roma in decima circoscrizione, fra gli stabilimenti di Cinecittà e la metro Anagnina. Una priorità che fa il paio con quella di Alemanno di salvare i catenacci di Moccia a ponte Milvio. Entrambe proposte, per come stanno messe oggi Roma e il decimo municipio, di cui non sentiamo il bisogno.

Noi però non ci arrendiamo. E come siamo riusciti a far parlare della nostra proposta di mozione unitaria su vari siti (Roma Today innanzitutto; ma presto anche altri giornali ne parleranno), continuiamo a insistere e a denunciare il vostro immobilismo sulla questione rifiuti che ogni giorno che passa diventà complicità. E siccome siete così vanitosi da cercarvi spesso in rete o dall'invitare altri a cercarvi vi nominiamo ancora, perché vi fischino le orecchie e perché finalmente vi ricordiate il motivo per cui siete stati eletti.

Al presidente Sandro Medici
Agli assessori Massimo De Simoni, Maria Mazzei, Pietro Latino, Massimo Perifano
Ai consiglieri di maggioranza e opposizione Erica Battaglia, Pasqualina Cocciolo, Roberto Colasanti, Carla Di Giacomo, Francesco Gugliotta, Daniele Marciano, Marco Poli, Rocco Stelitano, Ascenzo Villa; Cristiana Cortesi, Massimo La Bella; Pietro Tilia; Celestino Cedrone; Giuseppe Antipasqua, Francesco Barbati, Claudio Bianchi, Alessandro Bianchini, David Di Giacomo, Michele Folgori, Fulvio Giuliano, Umberto Matronola, Francesca Sguera; Fabrizio Matturro; Massimo De Pamphilis (elencati secondo l'ordine riportato sul sito del municipio)

è essenziale che l'AMA la smetta con le sue politiche coercitive contro il cittadino e:

- ritiri gli accertatori che ha sguinzagliato nel quartiere, perché non può essere addossata al cittadino la colpa del loro fallimento;

- elimini quelle disuguaglianze di trattamento fra strada e strada, fra civico e civico, provvedendo a rimettere almeno un cassonetto nero dell'indifferenziata per ogni condominio (che da noi significa un centinaio di famiglie e più);

- aumenti i passaggi degli autocompattatori, compresi quelli della carta e della plastica, in modo che non si vedano più in giro cassonetti strapieni, con i cittadini costretti a lasciare la loro immondizia per terra;

- non venga più rinnovato il permesso di sosta in via dell'Aeroporto per i mezzi AMA, in modo che si tolga finalmente da lì il punto di travaso dei camioncini messo proprio sotto le finestre della scuola media Cecilio Secondo, della materna Puccini e del Centro Anziani La Torretta.

La nostra pazienza sta finendo...

8 commenti:

  1. mah non capisco perchè nelle foto il 95% dei cassonetti della differenziata sono vuoti e invece sono pieni solo quelli dei materiali non riciclabili!(e non dite che erano passati poco prima gli autocompattatori risposta troppo facile!) io vedo solo buste dell'indifferenziata x terra...siete sicuri che la colpa di tutta questo caos sia solo dell'AMA?? tra l'altro ho molti amici che abitano lì da voi e parlando mi hanno confermato + volte che vedono gente che butta spazzatura indifferenziata nei cassonetti neri... (e l'ho vista anche io dal vivo)...

    RispondiElimina
  2. Visto che per te è la risposta troppo facile, ti dico allora che il tuo 95% è una bugia che la dice lunga su come la pensi: la colpa è dei cittadini.

    Nelle passeggiate dei giorni scorsi si vedono i cassonetti bianchi al collasso, vai a rivederli. E anche ieri erano tantissimi i cassonetti blu pieni. Rivedi con più attenzione il filmato e ti accorgerai delle bottiglie infilate nelle strette aperture che indicano come quel cassonetto sia ormai pieno.

    Se poi ti riferisci a quei mucchi di immondizia davanti a cassonetti bianchi e blu che sembrano vuoti, pensa il paradosso, li hanno messi cittadini coscienziosi, ché nella loro strada non hanno nemmeno un cassonetto nero e non vogliono inquinare la raccolta della carta e della plastica buttando tutto lì dentro.

    Dici che c'è indifferenziata per terra? E cosa ti aspettavi che succedesse obbligando 53.000 persone a portare i rifiuti divisi a un posto e a un orario assegnato di una sola ora e mezza al giorno?

    Ce l'hanno fatta odiare la differenziata! E queste sono le conseguenze di quel tipo di sistema (buono solo per assumere carrettate di parenti, amici e amanti), immondizia ovunque.

    Ma tu continua a dire che la colpa è di noi cittadini. Magari un posto al comune nelle squadre del "decoro", con la tua spatolina d'ordinanza, te lo danno anche a te.

    RispondiElimina
  3. Ma questo manco è del quartiere e viene a farci la predica a noi? Niente niente fosse un parente di Alemagno oppure peggio uno dei consiglieri del municipio? Tanto si sa che fra quelli che ci rappresentano non ce n'è uno delle nostre parti.

    RispondiElimina
  4. E poi quando ci sarebbe la possibilità di consegnare l'umido agli addetti, questi ultimi sono assenti ingiustificati. Io esco di casa tra le 6.40 e le 6.45 per andare a lavorare. Spesso e volentieri, alle 6.30(orario inizio raccolta indicato dall'AMA) non c'è nessuno nel luogo stabilito per la raccolta. Che devo fare, mi porto il sacchetto puzzolente in metropolitana per buttarlo dove lavoro? La prossima volta mi prendo un'ora di permesso, mi apposto e faccio un video per mostrare a che ora arrivano i "lavoratori" AMA, dopo li denuncio.

    RispondiElimina
  5. scusa drogo, noto che non ne cavate un ragno dal buco, come si suol dire. siete su faceboock? non che io ci bazzichi, ma ho visto che Alemanno invece ci tiene.
    se siete un bel pò di gente a lamentarsi sul, anzi se si si sparge la voce ed i romani malcontenti del servizio AMA infoltiscono la schiera, può darsi che qualcosa cambi.
    dove contano le apparenze, la figura di merda, è un ottimo incentivo.

    RispondiElimina
  6. Non credo tu sia di Roma, altrimenti sapresti che non c'è giornale o sito di news capitolino che non riporti quotidianamente le lamentele e le denunce dei cittadini per la sporcizia in ogni dove: metro, quartieri di periferia, centro, monumenti, ecc.

    La "figura di merda" con i romani Alemanno ormai l'ha fatta. E il motivo per cui non recede non è per non perdere la faccia, ma perché in questi anni ha fatto assumere nei posti di dirigenza centinaia di incompetenti (i cosidetti suoi parenti di cui adesso non può più sbarazzarsi), che però sono incapaci di riparare a quei danni che hanno provocato loro stessi.

    Da parte nostra piccoli risultati li abbiamo ottenuti. Intanto l'aver rotto il muro del silenzio che era tenuto artificialmente su da questa amministrazione. A livello locale abbiamo ottenuto il ritorno di un certo risicato numero di cassonetti dell'indifferenziata, più altre piccole cose. E con l'iniziativa descritta in questo post cerchiamo ora di ottenere un consiglio municipale aperto ai cittadini che approvi in maniera unitaria (destra e sinistra) dei provvedimenti di urgenza contro l'AMA e contro quel sistema che ci ha ridotto in queste condizioni. Ci vorrà ancora del tempo, ma noi continuiamo a lottare.

    RispondiElimina
  7. molto interessante questa fortezza bastiani la frequenterò.... auguri... e come dicono cvelli... chi desiste dalla lottà è 1 gran fijo de na' fija de ilio!!!!!
    666 & 999

    RispondiElimina
  8. Grazie degli auguri e dei complimenti, 666 & 999. E benvenuto su Fortezza!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.