lunedì 12 dicembre 2011

Ma che si sono fumati all'AMA?


Sì, adesso pure le canzonette usa l'AMA per sponsorizzare se stessa, e incidentalmente la differenziata (qui il video ufficiale AMA).

Non è dato sapere quanto è stato speso per quella canzone e per tutta la campagna pubblicitaria (nessun giornalista l'ha chiesto e anche sul loro sito non ci sono notizie). Ma del resto saranno fatti loro. Chi siamo noi cittadini per chiedere conto del perché vengono spesi i soldi di una municipalizzata che dovrebbe occuparsi di rifiuti in campagne pubblicitarie (chi si ricorda della Arcuri?) autoreferenziali?

E poi la canzone è simpatica, orecchiabile, a ritmo di reggae, finanche ossessiva nel suo ritornello. Lasciamo perdere le polemiche e facciamoci insegnare da questo Jacopo Ratini come va fatta la differenziata. Se l'AMA l'ha scelta come inno ufficiale vuol dire che trova corretti i messaggi che vi sono contenuti. Epperò...


Già, e però a noi del Tuscolano Don Bosco, come pure di Marconi, dell'Appio Tuscolano, del IV municipio e di tutte le zone in cui l'AMA è arrivata fino a casa a dirci come dovevamo farla e che, "per il nostro bene", ci ha sguinzagliato contro i suoi cari parenti con la pettorina arancione a minacciar multe, c'è qualcosa che non torna. Perché la canzone, per spiegare come si fa la differenziata, fa così:

Voglio diventare un cittadino... Eh? Sono diventato un cittadino Modello!
Ho imparato che i giornali e le riviste vanno nel cassonetto bianco, come del resto,
manifesti, volantini e depliant, cartoni di bevande come i tetra pak.
Bottiglie e buste in plastica ma non il ragù le dovrai buttare nel cassetto blu,
mentre tutto ciò che non puoi riciclare, nel cassonetto verde tu lo dovrai gettare.
In modo che i rifiuti non invadano le strade.

Capito? Niente camioncini, niente misto duale, meno che mai porta a porta. La differenziata, secondo l'autore della canzone e quindi secondo l'AMA che l'ha fatta propria, si fa con soli tre cassonetti: bianco, blu e verde (ora grigi o neri). Proprio come si faceva prima dell'arrivo del misto duale. Nemmeno presa in considerazione la nostra proposta di un quarto cassonetto per l'umido. Per l'AMA è inutile, e ce lo dice in reggae.

mentre tutto ciò che non puoi riciclare,
nel cassonetto verde tu lo dovrai gettare.
In modo che i rifiuti non invadano le strade.

Ho deciso che farò la raccolta differenziata
e per lo meno renderò più ecologica la mia giornata.

 E questa canzone è stata scelta come inno della differenziata? Non c'è dubbio, gira brutta roba dalle parti dell'AMA.

Ma nel frattempo queste invece sono le condizioni del quartiere a causa di quel sistema dei camioncini che ci hanno imposto. La foto poco sopra è stata scattata sabato in via Flavio Stilicone, particolarmente sporca in questi giorni. Mentre quella qui di seguito è stata scattata venerdì in viale Marco Fulvio Nobiliore.


Venerdì scorso c'era immondizia un po' dappertutto. Anche Gothic666 ci ha inviato una foto di via Statilio Ottato, pubblicata nel post di quel giorno. E se questo succedeva in un giorno feriale immaginatevi quello che poteva esserci sabato. E' bastata una breve camminata per via Flavio Stilicone, Calpurnio Fiamma, Tarquinio Collatino, sino a via Sesio Menas, al confine della circoscrizione, per scattare un bel po' di foto (cliccare sulla scritta Tour Immondizia per far partire lo slideshow, oppure ecco il link diretto per guardare le foto a tutto schermo).


E siccome al peggio non c'è mai fine, ecco invece come si presentavano le strade del nostro quartiere ieri pomeriggio, domenica. Questa volta la zona è quella bassa del quartiere, che comprende quelle vie Mazzoccolo e Del Giudice dove non è stato riposizionato NEMMENO un cassonetto nero, oltre a via Statilio Ottato, piazza Quinto Curzio, via Licinio Stolone e svariate altre (cliccare sempre sulla scritta Tour Immondizia per far partire, oppure ecco il link diretto per guardare le foto a tutto schermo).


Più di settanta foto, prese in punti diversi del quartiere, che mostrano come i cassonetti siano TUTTI al collasso e che all'AMA non basta una canzonetta per scaricarsi la coscienza e dire di aver risolto il problema.

Voglio diventare un cittadino modello... Eh!?

5 commenti:

  1. Demenziale e' dire poco, intendiamoci... non per l'artista, ma per quello che viene raccontato e per quello che viene rappresentato come immagini.
    Io sinceramente mi sento come il soggetto rappresentato dai minuti 03:20 ai minuti 03:22, con in piu' un groooooosssoooooo punto interrogativo sopra la testa... Ma, davvero, che si fumano questi?

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, bentornata! (sei la Laura di Marconi, vero?)

    E' divertente anche il finale del video ufficiale AMA (l'ho notato solo adesso) che mostra due innamorati con ramazza che si baciano a ponte Milvio davanti a migliaia di lucchetti. Forse per questo Alemanno non vuole rimuoverli, rovinerebbe la arguta campagna pubblicitaria dell'AMA ;)

    RispondiElimina
  3. Si, sono io. Il bello e' che ora io ci lavoro a Ponte Milvio (ci passo tutte le mattine) e non sai quante volte vedo operatori Ama che si imboscano sul ponte con la loro ramazza e bidoncino (ma non li usano) che si mettono li' perche', in mezzo al ponte, sono poco visibili dalle strade. E' gia' la terza volta che ne vedo, uno diverso ogni volta, ma sempre nello stesso punto (evidentemente si sono passati la tecnica...). I lucchetti fino a stamattina erano li', ma AleDanno non era ancora passato...

    Se vuoi farti un sorriso ancora ti consiglio il seguente video / parodia su Youtube per un altro problema inerente al misto duale...

    http://www.youtube.com/watch?v=nLeRuzL9BHU

    Enjoy!

    RispondiElimina
  4. Visto il video, indicativo della confusione che vige sulla questione differenziata.

    Al punto di piazza Mazzini, a Prati, citato nel video ci sono passato un sabato sera (ci ho anche scritto un post) e c'era un solo addetto che si era fatto raggiungere dalla ragazza e stava fra camioncino e alberi a pomiciare. Ma tanto non c'era nessuno a portare i rifiuti. Buon per lui... ;)

    RispondiElimina
  5. Ci trattano come fossimo dei dementi, con le canzoncine. Bè io gli rispondo con questa, molto più arguta e carina.
    http://www.youtube.com/watch?v=oi98DazNQRM

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.