giovedì 29 dicembre 2011

Potati gli alberi alla Torretta


Ci sono voluti anni di richieste, ma finalmente gli amici del Centro Anziani La Torretta, poco prima di Natale, sono riusciti ad ottenere quella potatura degli alberi di cui avevano tanto bisogno.

Per ottenerla ci sono però volute le insistenze loro e dei nostri amici di Vie e Piazze storiche di Cinecittà (e soprattutto la dedizione dei loro presidenti, Pietro Aureli e Amleto Lanna), che non hanno fatto passare giorno senza tartassare gli uffici competenti e chi era sopra di loro.

E c'è anche voluta una promessa praticamente "estorta" al sindaco Alemanno durante la sua visita alla Torretta ad agosto e tutto l'interessamento del suo gabinetto per riuscirci. Come pure è stato provvidenziale anche un aiuto dell'AMA (sì, anche il loro, diamo all'AMA quel che è dell'AMA) per far sì che l'intervento del Servizio Giardini del comune di Roma fosse il più completo possibile...

La Torre del Quadraro com'era a settembre

Quegli alberi adesso sembrano fin troppo spogli, ma quella potatura era necessaria sia per l'eccesso di fogliame che per il rischio continuo di caduta dei rami. Infatti, non c'era solo il fastidio di dover togliere le foglie quotidianamente per la possibilità da parte di qualcuno di scivolarci sopra (siamo pur sempre in un centro anziani, e certi rischi vanno prevenuti). Quelle stesse foglie, durante il furioso temporale del 20 ottobre scorso, erano andate ad ostruire le caditoie davanti al centro in piazza dei Consoli causando l'allagamento completo del pian terreno.

Sicuramente la situazione adesso è migliore, e di questo il Centro Anziani La Torretta e l'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà vogliono ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per il raggiungimento del risultato avendo apprezzato il loro sostegno e aiuto.

Noi di Fortezza Bastiani, che da tempo seguiamo le vicissitudini di quel centro anziani, ci uniamo certo a loro in questi ringraziamenti. Ma da polemici quale siamo, ricordiamo ai signori del comune che adesso non devono pensare di aver fatto un qualche piacere speciale per cui pretendere eterna gratitudine. Quello che hanno fatto è stato soltanto il loro dovere, come dovrebbe essere sempre.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.