martedì 27 dicembre 2011

Se Alemanno va a Parigi...

Via Lucio Mummio, ieri pomeriggio

La dichiarazione di Alemanno secondo cui Roma è più pulita di Parigi, fatta quando ormai si stavano incartando gli ultimi regali, è la chicca arrivata a rallegrare le feste natalizie. L'avevamo già commentata in tempo reale su facebook, ma vale la pena di tornarci anche sul blog per darle il giusto risalto. Questa la perla tirata fuori dal sindaco e pubblicata da Repubblica.

"Ho incontrato diversa gente che, tornata stupita da un viaggio nella capitale francese, mi ha detto che Roma è più pulita di Parigi. Non dobbiamo fermarci ad un atteggiamento provinciale pensando di essere sempre i peggiori".

Chissà dove abita questa "gente" che frequenta Alemanno. Certo non dalle parti di noi "provinciali", perché proprio non ci si crede che a Parigi stanno messi peggio di come stiamo noi. E non ci credono nemmeno i lettori di quel quotidiano che nei commenti, fra rabbia e ironia, hanno ben espresso il loro pensiero verso Alemanno...

Sulle note di Si tu vas à Paris di Charles Trenet quello che c'era ieri nelle strade del quartiere

Una pressoché unanimità nei giudizi che non lascia scampo.
Il sig. Alemanno, la mattina, faccia colazione con il caffelatte, e non con il vino!!!!!!! (agentestasi)

Non conosco Parigi e non posso giudicare il decoro di quella città. Sono nato e vivo a Roma e mai come ora, le strade della nostra città sono così indecenti. (franco50roma)

Forse perchè sotto casa sua gli spazzini ci vanno a pulire,si faccia un giretto verso S.Basilio e zone limitrofe... (toro56)

aledanno, che burlone che sei!! ma mi hai messo il buon umore...ahahahah sei proprio un burlone. CHE NE PENSI DI INCONTRARMI E DI FARE CON ME UN GIRO PER ROMA, POSSO DARE ANCHE TE CONSIGLI SERI COME QUELLI DA TEMPO DO GRATIS ALL'AMA...CHE NON RISPONDE MAI. (saveyourplanet)

Ma c'è anche chi è andato oltre l'invettiva e il sarcasmo offrendoci interessanti spunti di riflessione.

Al massimo Roma potrebbe essere "meno sporca di Parigi", ma non è molto verosimile neanche così. Il signor Alemanno dovrebbe poi spiegare come mai da molti quartieri sono spariti improvvisamente i cassonetti dell'indifferenziato, sostituiti da signorine (perchè son quasi tutte donne) con camioncino che passano solo a certi orari, sempre che passino, parcheggiano ora qui ora là costringendo a una caccia al tesoro e soprattutto non si sprecano neanche a toccare i sacchetti di immondizia: devi buttarli tu, facendo il lancio del peso nel camioncino più alto di te, non sia mai che le signorine si rovinino le unghie! Risultato? Tutti buttano di tutto vicino ai cassonetti di carta e plastica (anche lì un applauso a chi ha progettato il cassonetto plastica con l'apertura tonda dove non entra niente) per non tenersi l'immondizia puzzolente in casa più giorni.. la tassa rifiuti è anche aumentata... Il servizio è pessimo e Alemanno è fuori dal mondo! (Malina84)

Ed importante è anche questa testimonianza diretta da Parigi.

A Parigi 3 anni fa ho abitato per un mese nel XVII arr., come un comune cittadino non un turista in albergo. Ogni mattina spazzavano i marciapiedi: cicche di sigarette e qualunque rifiuto anche più piccolo, un bottone, una cartina, ecc., sulla strada passavano quasi ogni giorno con spazzatrici e annaffiatrici, a Roma l'ultima volta che le ho viste in azione ero bambino, 50 anni fa, tutto finisce nei tombini che NON SI OSTRUISCONO MAI in quanto hanno un sistema di pulizia e drenaggio ultra collaudato . La differenziata si fa già dal piano terra del palazzo, suonano, entrano e svuotano i 4 piccoli cassonetti alti e stretti molto maneggevoli e poco ingombranti (vetro, metallo, carta e uno x tutto il resto). C'è anche il museo delle fogne, ho pagato un ticket e comprato dei gadget. Lì fanno i soldi anche con le fogne, a Roma non si riesce neanche a tenerle libere, eppure la Cloaca Massima ed i sistemi fognari di smaltimento li ha inventati ( ed esportati ) Roma oltre 2000 anni fa. (piripippus)

Certo che dopo le sue dichiarazioni e soprattutto dopo le immagini che noi "provinciali" abbiamo mostrato per smentirle se Alemanno va a Parigi e lo riconoscono non credo che lo eleggono sindaco. No, proprio no...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.