lunedì 5 dicembre 2011

Una nuova gradita adesione


Oltre all'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà anche il Centro Anziani La Torretta di piazza dei Consoli ha deciso di unirsi alla nostra richiesta di una mozione unitaria in consiglio municipale che costringa l'AMA a prendere provvedimenti seri (non le solite buffonate) per affrontare il problema rifiuti nel nostro quartiere. Questo il loro comunicato:

Il direttivo del Centro Anziani La Torretta approva e sostiene la richiesta del blog Fortezza Bastiani e dell'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà ai rappresentanti eletti di una mozione unitaria in consiglio municipale che possa risolvere quella che ormai è una vera e propria emergenza rifiuti nel nostro quartiere.

Il direttivo concorda sulla necessità di aprire un tavolo di confronto con l'AMA che coinvolga anche i cittadini nelle scelte che riguardano il territorio e chiede che il consiglio approvi i quattro punti proposti, da presentare alla municipalizzata per risolvere, almeno nell'immediato, la grave situazione dei rifiuti nelle nostre strade...


Le richieste all'AMA:

- ritiri gli accertatori che ha sguinzagliato nel quartiere, perché non può essere addossata al cittadino la colpa del loro fallimento;

- elimini quelle disuguaglianze di trattamento fra strada e strada, fra civico e civico, provvedendo a rimettere almeno un cassonetto nero dell’indifferenziata per ogni condominio (che da noi significa un centinaio di famiglie e più);

- aumenti i passaggi degli autocompattatori, compresi quelli della carta e della plastica, in modo che non si vedano più in giro cassonetti strapieni, con i cittadini costretti a lasciare la loro immondizia per terra;

- non venga più rinnovato il permesso di sosta in via dell’Aeroporto per i mezzi AMA, in modo che si tolga finalmente da lì il punto di travaso dei camioncini messo proprio sotto le finestre della scuola media Cecilio Secondo, della materna e della elementare Puccini e del Centro Anziani La Torretta.

Già in passato, sia a livello individuale che ufficialmente come Centro Anziani, i nostri iscritti hanno denunciato la situazione che si è venuta a creare con l'arrivo del sistema misto duale. In particolare, le nostre denunce si sono concentrate su quel punto di travaso dell'immondiza in via dell'Aeroporto, messo proprio accanto alla rete di divisione della nostra storica torretta, con il suo carico di sgradevoli odori e rumori molesti, oltre che dell'immondizia che rimane sempre per terra una volta finite le operazioni di travaso e che viene spazzata in maniera sempre più approssimativa.

Un disagio, questo di quel punto di travaso, che oltre noi colpisce anche gli allievi e gli studenti del comprensorio scolastico che affaccia su via dell'Aeroporto e che comprende materna, elementare e media inferiore.

Fra le tante iniziative, cone Centro Anziani, abbiamo anche promosso una raccolta di firme proprio per rimuovere da lì quel punto di raccolta dell'immondizia, presentata al sindaco Alemanno nel corso dell'incontro dell'8 agosto scorso presso la Torretta. Il sindaco si era impegnato personalmente e pubblicamente in questo senso. Ma quell'impegno, a quattro mesi di distanza, non è stato ancora onorato.

Riteniamo che la situazione che si è creata, con le strade invase dalla spazzatura, non sia più tollerabile e chiediamo ai consiglieri eletti, al di là della loro diversa appartenenza politica, di sostenere le nostre richieste nei confronti dell'AMA per tornare a vivere in un quartiere pulito.

Una adesione importante, quella degli iscritti a quel centro, perché si tratta dei testimoni diretti di quella promessa del sindaco Alemanno di togliere da via dell'Aeroporto il punto di travaso dei camioncini. Si vede che dopo quattro mesi di attesa anche la loro pazienza si è esaurita.

E che la situazione rifiuti sia ormai fuori controllo è testimoniato dalle foto scattate soltanto ieri nel quartiere. La pioggia degli ultimi due giorni ha aggravato ancor di più la situazione. La foto in testa al post è stata scattata in via Claudio Asello, proprio alle spalle della storica torretta dei nostri amici del Centro Anziani, mentre nella seconda siamo dalla parte opposta della torretta, in piazza dei Consoli. E sempre rimanendo lì, ecco qual era la situazione ieri mattina dall'altro lato della piazza.


Particolarmente pieni, per non dire al collasso, i cassonetti della carta. Sia nei punti in cui non sono stati rimessi i cassonetti neri (dove quindi ci finisce di tutto), sia dove invece ci sono. L'ennesima dimostrazione che gli autocompattatori dell'AMA non passano con la giusta frequenza.


Ma non è che quelli della plastica siano poi più vuoti...


In via Lucio Mummio la desolante dimostrazione dell'inutilità degli accertatori AMA, che quella strada hanno presidiato per un'intera settimana dando degli incivili ai suoi abitanti, che di certo non hanno gradito...


Ieri mattina pioveva, e le pozzanghere in alcuni punti lungo i marciapiede sono anche il risultato dell'immondizia sparsa che finisce nelle caditoie ostruendole. La speranza è che non arrivi un altro nubifragio come a ottobre. Fra foglie e rifiuti non raccolti sarebbero molti i punti a rischio allagamento...


Con i cassonetti della carta strapieni la gente, anche quella che fa la differenziata correttamente, è stata costretta a lasciare tutto per terra. La pioggia caduta ha fatto il resto, trasformando il tutto in una zuppa di carta e cartone...


Quando vediamo un cassonetto nero vuoto e tutta l'immondizia per terra (vale la pena di chiarirlo per l'ennesima volta), non significa che la gente non ha voluto nemmeno fare la fatica di premere il pedale, ma che il compattatore è passato poco prima a svuotare il cassonetto pieno e il di più è rimasto per terra, come in via Calpurnio Pisone...


Dove invece il compattatore non è ancora passato, come in via Papiria e via Calpurnio Fiamma, questa è la scena...


Questo il solito scenario in via Tarquinio Collatino...


E anche in via Flavio Stilicone ieri erano tanti i punti in cui c'era immondizia accumulata...


Venti foto di venti punti diversi del quartiere. E si potrebbe continuare a lungo, perché ovunque c'è la stessa situazione di degrado. Una vera e propria emergenza di fronte alla quale c'è bisogno che i nostri rappresentanti in municipio si schierino con chiarezza e decisione dalla parte di noi cittadini per costringere l'AMA a fare quello per cui è pagata: tenere il quartiere pulito.

4 commenti:

  1. ma perchè non proporre di mettere i cassonetti dell'umido?? mi sembra che questo sistema dei camioncini sia fallito...alla fine impongono di consegnare i rifiuti all'ora che dicono loro, che può essere alle sei di mattina, quando vorresti dormire, oppure alla dieci, quando magari sei già al lavoro (nel vostro quartiere)...o che ne so io che sto al III municipio devo fare 150-200 mt di strada in + la mattina per raggiungere il camioncino magari se ho fretta è scocciante farli..oppure se voglio buttare l'umido il pomeriggio devo aspettare la sera x buttarlo??e se io nn avessi un balcone dove metterlo e lo devo tenere per forza dentro casa...non è molto piacevole! secondo me sarebbe una buona soluzione cioè mettere un cassonetto x l'umido 1 x indifferenziato 1 carta e 1 plastica/vetro (e ovviamente svuotarli con regolarità)...così sarebbe anche giusto fare le multe a chi non fa la raccolta differenziata!! il vero porta a porta a roma non si potrà mai fare troppo difficile!!

    RispondiElimina
  2. Su questo blog è da un pezzo che proponiamo proprio i cassonetti dell'umido come soluzione per fare una differenziata sostenibile.

    In questo momento però, questo il senso della mozione che proponiamo al municipio, ci stiamo concentrando sull'emergenza rifiuti nelle nostre strade.

    Una volta ripulito il quartiere ci si potrà mettere a tavolino per discutere con l'AMA quale è il modo migliore per fare la differenziata, e noi ci certo sosterremo la scelta dei cassonetti dell'umido.

    Il problema vero è che l'AMA ha buttato al c..., diciamo in discarica, 26 milioni di euro per imporci questo assurdo sistema dei camioncini e adesso non vuole perderci la faccia ammettendo che ha fallito.

    RispondiElimina
  3. spero che comunque i dirigenti dell'AMA leggano questo blog e prendano anche in considerazione le proposte di noi cittadini!!

    RispondiElimina
  4. Ci leggono, ci leggono... Eccome se ci leggono!

    Noi ci stiamo provando. Sono sempre di più, qui al Tuscolano come negli altri quartieri raggiunti da questo assurdo sistema misto duale, i cittadini che vogliono che si rinunci a questa modalità di raccolta.

    Se riuscissimo ad unire le nostre voci l'AMA e il sindaco Alemanno non potrebbero più far finta di nulla, come fanno da un anno a questa parte. Continuamo a denunciare la situazione, a mandare foto ai giornali, alle tv, rompiamo le scatole ai politici, e qualche risultato arriverà di certo.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.