martedì 3 gennaio 2012

Da Roma Today: "L'emergenza rifiuti spiegata da Lanna"


Nemmeno il tempo di archiviare l'articolo di Repubblica che parlava esplicitamente di "caos differenziata" riprendendo le dichiarazioni del presidente dell'associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà che dobbiamo tornarci su dando conto di una sua lunga intervista a Roma Today sullo stesso tema.

Nell'intervista, oltre a un veloce excursus storico su come ci è piombata addossa la sventura del sistema misto duale, si indicano le cause del perché un tale sistema nel nostro particolarissimo quartiere non poteva funzionare.

Va considerata anche l'età media piuttosto elevata degli abitanti del quartiere, tanti non del tutto autosufficienti che quindi devono aspettare al pomeriggio l'aiuto di figli, nipoti o badanti per liberarsi dei propri rifiuti. C'è poi la conformazione stessa del quartiere e la sua anima popolare, con appartamenti da 50/60 metri quadri abitati da famiglie intere che certo non hanno lo spazio per quattro contenitori diversi per fare la differenziata. Gli orari risicatissimi, un'ora e mezza e soltanto la mattina (quando magari si è già al lavoro) per poter consegnare i propri rifiuti hanno fatto il resto...

(nota per il redattore: l'estensione esatta è di 1,3 km² che corrispondono a 1.690.000 m²; errore classico, ma che credo sia scappato a me in qualche post)

Importante anche quello che è stato fatto dall'associazione e dai cittadini per protestare contro questa modalità di differenziata imposta dall'AMA.

E' stata fatta una raccolta di firme che in pochi giorni ha raggiunto quasi tremila adesioni. Queste proteste sono state portate in consiglio municipale e se ne è parlato anche sui giornali. A fine Marzo, crediamo anche grazie alle nostre proteste, l'Ama ha rimesso in alcune strade del quartiere, senza però rinunciare al sistema misto duale, 40 cassonetti neri per l'indifferenziata, che sono diventati circa 90 solo dopo l'estate con l'arrivo dei cassonetti nuovi.

Il realtà i cassonetti tornati al loro posto sono una settantina soltanto, quindi ancor meno. Ma oltre alla denuncia e alla protesta nell'intervista c'è anche la proposta su cosa si può fare per risolvere il problema rifiuti e senza rinunciare, è importante ribadirlo, alla differenziata.

Una delle soluzioni possibili che proponiamo, che è già applicata in altre città italiane ed europee proprio per le zone più densamente popolate com'è la nostra, è il cassonetto per l'umido da affiancare agli altri tre già esistenti: una soluzione che se gestita bene potrebbe convincere tanti a dare il proprio contributo per la difesa dell'ambiente. A patto però che l'AMA si impegni a svuotarli con la giusta frequenza e che siano accompagnati da campagne nelle scuole, nelle associazioni, nei tanti centri anziani del quartiere per una reale educazione e partecipazione al riciclo da parte dei cittadini.

L'intervista tocca tanti temi e si rimanda a Roma Today per una sua lettura integrale. Ovviamente quanto scritto in questo articolo è anche frutto della stretta collaborazione fra questo blog e l'associazione Vie e Piazze Storiche e quindi (e non poteva essere altrimenti) trova la nostra più completa adesione.

2 commenti:

  1. scusate ma l'AMA li legge i giornali?? pure l'articolo su repubblica ho letto ma loro niente continuano con questo sistema duale balordo imposto!! ma poi mi chiedo:non pensano che sia sprecato tenere gli addetti ai camioncini senza far niente?? hanno tanti soldi da spendere? io che sto al III municipio vedo tutte le sere (se esco con il cane oppure che ne so torno a casa a sera inoltrata) che i camioncini della notte sono assolutamente deserti nn ci va nessuno ci sono pochissimi sacchetti (o forse non ci sono per niente??) per non parlare (immagino) poi di quelli del XVII municipio che è una zona con molti uffici!!!

    RispondiElimina
  2. Il problema, caro anonimo amico, è che se all'AMA pensassero davvero dovrebbero ammette che questa differenziata l'hanno fatta solo per assumere i parenti di questo e di quello. Quindi preferiscono far finta che tutto vada bene e addirittura che questo sistema va esteso a tutta Roma. Mala tempora currunt...

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.