martedì 7 febbraio 2012

Cassonetti che galleggiano... sulla monnezza


Doppio post oggi che parte dalla segnalazione di Roberta che in un commento ci metteva al corrente di un autista di un autocompattatore che "ha avuto l'intelligenza di riposizionare i cassonetti SOPRA il cumulo di sacchetti che vi erano intorno" in via Flavio Stilicone.

E infatti anche in questo caso la foto spiega meglio di tante parole quanto successo, con quei cassonetti in bilico precario su una montagna di sacchetti. E se già quello che vedete dalla strada è impressionante dal lato marciapiede è anche peggiore...


Ma c'è di più, perché ieri pomeriggio l'operazione in grande stile dell'AMA, di cui vi abbiamo riferito nell'altro post di oggi, aveva saltato quel tratto di strada (pare per le proteste di tanti inviperiti automobilisti imbottigliati dietro i compattatori) per concentrarsi nel suo proseguimento, oltre l'incrocio con Calpurnio Fiamma. E quindi quel mucchione rischiava di ingrossarsi ulteriormente.


C'è voluta una telefonata del presidente dell'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà, Amleto Lanna, al responsabile AMA di zona per convincerlo a far tornare indietro i suoi addetti a ripulire quel tratto di strada. E lui, dobbiamo riconoscerglielo, ha subito acconsentito. Rimane il fatto che, come al solito, a questi tocca spiegargli per filo e per segno quello che devono fare, perché da soli non ci arrivano. 

Come che sia, alla fine ce l'hanno fatta e anche quella montagna di rifiuti è stata rimossa, fino alla prossima...

2 commenti:

  1. ora ci domandiamo...toccherà ogni volta a noi cittadini che paghiamo abbondantemente la tassa sui rifiuti a tirare le orecchie a chi dovrebbe fare il proprrio lavoro con un pizzico di responsabilità in più? ci ritroviamo ancora a ringraziare il presidente dell'Associazione Vie e Piazze Storiche di Cinecittà, Fortezza bastiani e Roma Today per quello che ci spetta di diritto! mi domando ancora...ma dove sono gli ispettori che controllavano le nostre mamme e nonne mentre buttavano la mondezza battendo le mani quando indovinavano il cassonetto giusto? non sarebbe il caso che controllassero i loro lavoratori ed il loro operato?
    roberta

    RispondiElimina
  2. Ottima osservazione, Roberta: "dove sono gli ispettori che controllavano le nostre mamme e nonne mentre buttavano la mondezza battendo le mani quando indovinavano il cassonetto giusto?"

    Quell'odioso battendo le mani: "ma brava la nonnina!". Trattando loro e noi tutti da deficienti da educare come cagnolini a cui va messo il muso nella propria cacca quando la fanno nel posto sbagliato. Si credono superiori i signori, tocca farli tornare a livello stradale...

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.