martedì 27 marzo 2012

E' andata bene, sempre che...


E' finito da pochissime ore il consiglio municipale aperto sul tema della differenziata. Buona la partecipazione dei cittadini e soprattutto la giusta tensione che hanno saputo mettere di fronte ad evidenti baggianate che venivano da alcuni consiglieri evidentemente poco informati, presupponenti, e soprattutto non abitanti nel nostro quartiere.

Ma vale la pena di dare subito conto delle notizie positive venute dall'AMA tramite un suo dirigente. Innanzitutto l'atteggiamento è stato questa volta più remissivo. Niente a che vedere con la protervia di un altro dirigente della municipalizzata nei consigli municipali di un anno fa. Ha ammesso che sicuramente la raccolta non va, anche se il fondo al discorso è che all'AMA non hanno nessuna intenzione di rinunciare allo sciagurato sistema duale che ci ha ridotti a una discarica, ma solo metterci qualche toppa.

Però alcune di queste toppe sono quello che chiedevamo anche noi. Le prendiamo quindi con piacere. A partire dalla toppa più importante. L'annuncio che entro (o fine?) maggio verranno riposizionati all'incirca 80 cassonetti neri per l'indifferenziata. Un'ottima notizia, se la distribuzione sul territorio verrà fatta con criterio. E l'AMA finora non ne ha dimostrato molto.

L'altra notizia importante è che oltre ai passaggi mattutini e serali dei compattatori verrà inserito un terzo passaggio al pomeriggio. Si dovrebbero evitare quindi le scene di cassonetti strapieni, compresi quelli della carta e del multimateriale, a cui siamo abituati.

La terza notizia, non detta esplicitamente in consiglio, ma riportata dal consigliere La Bella, è che l'AMA rinuncia ufficialmente al punto di travaso dei camioncini in via dell'Aeroporto che tanti fastidi ha dato per un anno e mezzo al centro anziani La Torretta e alle scuole elementare e media Cecilio Secondo...


Insomma, tutte nostre rivendicazioni per le quali abbiamo lottato a lungo e che vengono, almeno sulla carta, accolte. Rimane il problema di fondo. Se non si rinuncia al misto duale non si risolveranno mai tutti i problemi. Perché in un quartiere così densamente popolato come il nostro esisteranno sempre migliaia di persone che non potranno assoggettarsi ai turni dell'AMA, con la conseguenza di migliaia di sacchetti di immondizia che dovranno essere smaltiti in altra maniera.

Il dirigente dell'AMA ha poi parlato di disponibilità a collaborare con le commissioni del municipio. E' stato invece più generico sulla partecipazione delle associazioni dei cittadini parlando di un generico ascolto. Ha poi detto che rivedranno gli orari dei camioncini e che prevederanno anche altri quattro o cinque punti di raccolta dell'umido al pomeriggio. Ma questo ci interessa poco.

Toccherà vedere se nelle prossime settimane dalle parole si passerà ai fatti e se questi fatti significano soltanto un prendere tempo, senza rinunciare al disastroso metodo costato a noi il degrado più assoluto, oppure un tentativo di fare marcia indietro, ma cercando di non perdere la faccia e giustificare i 26 milioni di euro che sono serviti per mettere su questo tipo di differenziata buona solo per assumere tutti i loro parenti.

Ah, poi hanno parlato anche i consiglieri, ha parlato il presidente Medici e almeno per alcune cose dette siamo tornati a quella barzelletta di consiglio che ricordavamo. Ma di questo parleremo in un prossimo post.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.