venerdì 30 marzo 2012

Il mistero dei cartelli AMA oscurati


Sono durati poco i cartelli che l'AMA ha piazzato nel quartiere per segnalare i punti e gli orari dove recarsi per la consegna dell'umido, soltanto due mesi. Da qualche giorno sono stati tutti oscurati, a quanto pare dall'AMA stessa con quei preziosi sacchetti rosa della raccolta dell'umido (un vero spreco!) che gli addetti danno ai cittadini col contagocce e con del nastro bianco e rosso col marchio della municipalizzata.

Sul perché di questo oscuramento regna il mistero più fitto. Nel consiglio municipale di martedì scorso i dirigenti dell'AMA non ne hanno fatto cenno. Anche se qualcuno suppone che sia una conseguenza della visita del presidente dell'AMA nel nostro quartiere della scorsa settimana. Ma anche su questo non ci sono conferme.

Sui motivi che hanno portato al loro oscuramento non possiamo far altro che delle ipotesi. La prima, la più drastica, è che siano stati finalmente eliminati i camioncini. Noi saremmo i primi ad esserne felici, visto che sosteniamo da più un anno e mezzo che è il sistema misto duale che ci ha trasformati in una discarica. Ma anche alla luce delle ultime dichiarazioni da parte dell'AMA in consiglio municipale lo riteniamo poco probabile.

Foto scattata da Re D

La seconda ipotesi prende spunto sempre dalle dichiarazioni dei dirigenti AMA in consiglio, che parlavano di rivedere gli orari dei punti mobili. Ma anche questa ipotesi ha poche possibilità di essere quella giusta, perché non ha senso oscurare oggi gli attuali orari in attesa di quelli nuovi ancora tutti da decidere.

Una terza ipotesi parte proprio dal sopralluogo effettuato dal presidente Benvenuti e anche (ci vantiamo da soli) dalle nostre denunce su quelle piazzole messe attorno o dietro i cassonetti o sottraendo un numero abnorme di posti auto. Potrebbe essere così, ma rimangono ancora dei dubbi, perché i cartelli sono stati coperti in "tutti" i punti mobili, anche in quei pochi in cui le strisce erano state fatte in maniera regolare.

Rimane una quarta ipotesi, che a questo punto pare la più credibile, che il realtà il blitz fatto per piazzare quei cartelli nell'arco di una notte non sia stato autorizzato dagli organi preposti. E quindi quei cartelli dell'AMA sono abusivi e vanno rimossi.

Sarà così? Da quei peracottari ci sarebbe da aspettarselo. Nel frattempo qualcuno, a farli saltar via, ci sta già pensando...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.