lunedì 30 aprile 2012

E' ancora emergenza rifiuti al Tuscolano Don Bosco


Era da un po' che non mostravamo quella che era la situazione rifiuti nel quartiere, ma le immagini sono ancora una volta eloquenti (cliccare qui per le foto a tutto schermo). E' bastata una breve passeggiata ieri pomeriggio fra le vie Claudio Asello, Lucio Mummio, Calpurnio Fiamma, Calpurnio Pisone e altre per accorgersi che nulla è cambiato e che i cumuli di rifiuti continuano a formarsi fuori dai cassonetti strapieni come sempre.

Nel consiglio municipale aperto del 27 marzo l'AMA, per bocca di un suo dirigente, aveva preso due impegni precisi: raddoppiare "entro maggio" il numero dei cassonetti neri per metterli dove adesso non ce n'è neanche uno e aprire un tavolo di confronto con gli amministratori del municipio e, importantissimo, con noi cittadini.

Di tutto questo non c'è traccia. E allora, o l'AMA sta venendo meno ai suoi stessi impegni oppure in municipio c'è qualcuno che non sta facendo il suo dovere chiedendo conto di questo ritardo o, peggio, addirittura boicottando il ritorno di quei cassonetti che risolverebbero almeno in parte l'emergenza causata dal misto duale.

Sarebbe davvero grave se scoprissimo che c'è chi cerca di far saltare quello che abbiamo faticosamente conquistato. E' per questo che continuiamo a far pressione, perché qualcuno dei nostri amministratori si degni di darci una risposta. Nel frattempo, ve ne sarete accorti dalla puzza in aumento quando si passa accanto ai cassonetti, comincia a far caldo.

mercoledì 25 aprile 2012

La resistenza continua


Un saluto a tutti i perbenisti di questo paese che ancora non si rendono conto del baratro verso cui stiamo andando, a parole critici verso i politici ladri, ma poi pronti ad indignarsi solo con chi prova a lottare sul serio contro questo che è sempre meno uno Stato di Diritto nato dalla resistenza contro il fascismo.

Buon 25 aprile a chi resiste!

lunedì 23 aprile 2012

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri


Lo sapevate che nel decimo municipio i consiglieri ricevono un rimborso viaggi senza dover presentare la minima documentazione?

Il discorso ovviamente vale solo per quelli che hanno la residenza fuori dal comune di Roma. Ma è qui che viene l'assurdo, perché davvero non si capisce per quali motivi gente che ha la residenza, vive e lavora a Siena o a Cassino (per non parlare dei tanti che vivono in altri municipi), si è fatta eleggere e pretende di amministrare il nostro municipio di cui ha dimostrato innumerevoli volte di non saperne un cazzo.

La denuncia l'ha fatta Abitarearoma. E su quell'articolo si fanno anche nomi e cifre:

Il consigliere del PD Marciano, per la residenza a Cassino, ha percepito euro 3.942,70 nel 2010 e e 21.160,92 nel 2011; il consigliere del PDL Antipasqua con residenza senese euro 17.717,57 nel 2010 e 21.160,92 nel 2012; la consigliera Cocciolo del PD con residenza a Ciampino più modestamente euro 817,40 nel 2010 e 836,20 nel 2011. Tutto ciò sulla base di una semplice dichiarazione in quanto, come affermato dal direttore del Municipio Francesco Febbraro, “non si ha l’obbligo di produrre ricevute, titoli di viaggio ecc.”.

Pensate, persino da Ciampino, che è attaccato al nostro municipio, la "brava" consigliera Cocciolo ha preteso lo stesso la sua paghetta...

giovedì 19 aprile 2012

Verso rifiuti zero, credere obbedire e combattere


Gli ecofascisti hanno deciso di festeggiare il Natale di Roma anche nel nostro quartiere. E lo faranno raccogliendo firme sulla loro delirante proposta proprio il 21 aprile in piazza San Giovanni Bosco.

Per l'occasione si sono inventati l'ennesima sigla, Diamoci da Fare. E dimostrando tutta la loro ipocrisia chiedono genericamente firme per la differenziata, quando invece nella loro proposta è ben specificato che quello che vogliono imporci è il porta a porta spinto iniziando dai...

"...principali e più popolosi quartieri e frazioni del territorio comunale"

Per far capire, è un po' come chiedere una firma per risolvere il problema del randagismo dei cani senza però dire ai firmatari che lo si farà tramite abbattimento. Firmereste anche in quel caso? Perché è esattamente questo il giochetto che fanno questi fanatici del pensiero unico (il loro). Risolvere il problema della spazzatura nelle strade spostandola nei cortili, nelle scale e negli androni dei nostri palazzi...

giovedì 12 aprile 2012

Verso rifiuti zero, ma paraculi tanti


Sembra proprio che in questo paese il pensiero logico sia stato abolito per decreto. Non si spiegano altrimenti alcune stupide prese di posizione di politici e dei loro sguatteri per imporre regole e regolette impossibili da seguire.

Nel caso specifico parliamo di rifiuti e di una proposta, su cui alcuni groppuscoli stanno raccogliendo firme, che vorrebbe imporre a tutta la città di Roma quel cosidetto porta a porta spinto, ormai religione irrinunciabile di ogni fanatico finto ecologista. E quando diciamo "imporre a tutta la città" intendiamo proprio tutta. Anzi, come loro stessi scrivono nella loro farneticante proposta di delibera popolare:

"Tale riconversione dovrà prevedere l’estensione della modalità di raccolta “Porta a Porta” spinta dei rifiuti urbani ed assimilati su tutto il territorio comunale ai fini del raggiungimento dei citati obiettivi, iniziando dai principali e più popolosi quartieri e frazioni del territorio comunale"

Cioè, a cominciare proprio da noi del Tuscolano (53.000 abitanti in 1,3 kmq). Questi signori di Fiumicino (perché è da lì che parte questa assurda proposta) vogliono imporre a noi di Roma il porta a porta come "unico" metodo. Roba che in confronto al loro "pensiero unico" Pol Pot in Cambogia sarebbe stato considerato un democratico...

martedì 10 aprile 2012

Caduta cartelli AMA


E' già il secondo cartello dei punti mobili dell'AMA che troviamo buttato per terra, anche se non ci è dato sapere quando e come sia successo.

Forse era stato messo male o qualche auto l'ha urtato durante una manovra o, peggio, è stata la vendetta di qualche automobilista che si è trovato una multa per non aver osservato gli orari di divieto di sosta che vi erano indicati e che però, come abbiamo dimostrato, erano... sbagliati!

In quest'ultimo caso c'è materia per un fondato ricorso, perché non è possibile che all'AMA si facciano gli orari come gli pare, li sbaglino e poi ci lucrino sopra facendo multe. Noi cittadini non siamo loro sudditi e sarà meglio che all'AMA lo capiscano, una volta e per tutte!

mercoledì 4 aprile 2012

Compagno Medici, compagno un caz


Ci risiamo, eccoci ancora a parlare di lui, del minisindaco del X municipio Sandro Medici e delle sue dichiarazioni nel corso di quel consiglio municipale aperto sul tema della differenziata (e del suo fallimento) al Tuscolano Don Bosco di una settimana fa. Perché superando ogni limite di decenza questa persona, che aspira al ruolo di amichevole contendente di Zingaretti nelle primarie per il sindaco di Roma, ha ribaltato ancora una volta la sua posizione tornando all'iniziale appoggio a quel sistema di differenziata chiamato misto duale deciso dalla giunta Alemanno che è servito solo ad assumere carrettate di parenti, amici e camerati (tanti camerati) all'AMA.

L'ha fatto, come suo solito, in maniera pelosa, avallando le decisioni dei dirigenti AMA intervenuti in quel consiglio, che hanno di fatto dichiarato di non voler rinunciare a quel sistema. Parlando di "sperimentazione in corso" Medici ha chiesto di dare ancora tempo all'AMA per verificare se le modifiche da loro proposte funzioneranno, per semmai dopo (quanto dopo?) ricambiare sistema.

Ma come dopo? E' più di un anno e mezzo che questo sistema ha ridotto il quartiere a una discarica e Medici ancora insiste nel difenderlo? Di quante prove ha ancora bisogno quel minisindaco che dovrebbe rappresentarci per capire che così non si può continuare? Dal presidente del X municipio di Roma, dichiaratamente di sinistra, vicino ai movimenti e portavoce delle istanze dei più marginali, prima fra tutte quella sul diritto alla casa, ci si sarebbe aspettato un comportamento diverso che dar retta alla nomenclatura comunale.

Ma questo è il minimo. Perché la parte più aberrante del suo discorso, in risposta a un cittadino che chiedeva chi avesse autorizzato il cambio di zona (da Quarto Miglio, Statuario Capannelle, Cinecittà Est dove era prevista inizialmente la differenziata, al sovrappopolato Tuscolano Don Bosco), ha avuto il coraggio di dire che anche loro (riferendosi all'intero consiglio) l'hanno chiesto, ma che non hanno mai avuto risposta...

lunedì 2 aprile 2012

Cartelli AMA oscurati, svelato l'arcano


Crediamo finalmente di aver capito il perché dell'improvviso oscuramento dei cartelli dei punti mobili della raccolta dell'umido al Tuscolano Don Bosco. Il motivo però non è fra quelli che avevamo supposto nel precedente post, ma è ancora più banale, anche se incredibile.

SU QUEI CARTELLI SONO STATI SBAGLIATI GLI ORARI!!!

Esattamente, avete capito bene. I cartelli sono comparsi a fine gennaio (attenti alle date) nelle nostre strade, ma gli orari che vi erano indicati per il conferimento dei rifiuti erano ancora riferiti a quelli del luglio 2010, quando cioè è cominciato lo sciagurato misto duale (con turni 5,30-7,00;7,00-9,00; 9,00-10,30), che sono poi stati modificati e le modifiche annunciate con volantini affissi davanti a ogni condominio a giugno 2011 (con turni 6,30-8,00; 8,00-10,00; 10,00-11,30).

Infatti basta fare un rapido confronto fra gli orari scritti sulle tabelle (prima di essere coperte) e quelli disponibili sul sito dell'AMA per rendersene conto...