lunedì 2 aprile 2012

Cartelli AMA oscurati, svelato l'arcano


Crediamo finalmente di aver capito il perché dell'improvviso oscuramento dei cartelli dei punti mobili della raccolta dell'umido al Tuscolano Don Bosco. Il motivo però non è fra quelli che avevamo supposto nel precedente post, ma è ancora più banale, anche se incredibile.

SU QUEI CARTELLI SONO STATI SBAGLIATI GLI ORARI!!!

Esattamente, avete capito bene. I cartelli sono comparsi a fine gennaio (attenti alle date) nelle nostre strade, ma gli orari che vi erano indicati per il conferimento dei rifiuti erano ancora riferiti a quelli del luglio 2010, quando cioè è cominciato lo sciagurato misto duale (con turni 5,30-7,00;7,00-9,00; 9,00-10,30), che sono poi stati modificati e le modifiche annunciate con volantini affissi davanti a ogni condominio a giugno 2011 (con turni 6,30-8,00; 8,00-10,00; 10,00-11,30).

Infatti basta fare un rapido confronto fra gli orari scritti sulle tabelle (prima di essere coperte) e quelli disponibili sul sito dell'AMA per rendersene conto...

Qui siamo in viale dei Salesiani, sul cartello l'orario indicato per i giorni feriali è 9,00-10,30 (cliccare sulle foto per ingrandire), mentre sul suo sito (come pure nel depliant distribuito a giugno scorso ai cittadini) viene indicato l'orario 10,00-11,30.


Stesso discorso in piazza San Giovanni Bosco dove la mappa online dell'AMA riporta il turno 8,00-10,00 mentre sul cartello c'è l'indicazione 7,00-9,00.


Ma la situazione è identica ovunque. Adesso si spiegano le lamentele dei tanti che si recavano all'orario indicato con i loro rifiuti da differenziare e si lamentavano di non trovare i camioncini. I cittadini seguivano gli orari sui cartelli esposti, i camioncini invece rispettavano l'orario modificato a giugno scorso.

Una confusione che è durata per la bellezza di quasi due mesi prima che qualcuno se ne accorgesse e facesse qualcosa, che nel caso specifico è consistito non nel correggere gli orari su quei cartelli, ma nel coprirli (stanno così da una decina di giorni) con dei sacchi della spazzatura.

E a questo punto si pone un grosso problema, perché il termine di peracottari per quelli dell'AMA, che a fronte di certi comportamenti da queste parti abbiamo utilizzato più volte, è diventato assolutamente assolutamente inadeguato per descriverli. Toccherà trovare qualche nuova definizione più pertinente. Qualcuno ha suggerimenti...?

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.