giovedì 10 gennaio 2013

Solidarietà al blog Cartellopoli


Carcere per chi commette gli abusi? No, il carcere è per chi gli abusi li denuncia! 

Di che parliamo? Di una condanna a nove mesi di carcere al fondatore del sito cartellopoli.net, che da anni si batte contro la mafia dei cartelloni a Roma (al link indicato trovate tutta la ricostruzione dei fatti). E oltre al carcere il giudice ha condannato il curatore di quel blog anche a pagare un risarcimento di 20.000 alla ditta di cartellonistica che ha fatto la denuncia. Il reato commesso? Istigazione a delinquere.

Perché qualcuno, anonimamente, sul blog aveva pubblicato delle immagini relative a degli impianti danneggiati che dunque il blog mostrava dopo l'avvenuto danneggiamento -registrandolo- e non prima -istigandolo-...

La denuncia è partita da una delle ditte che gestiscono i famigerati impianti pubblicitari che invadono le nostre strade, che a suo tempo aveva chiesto il sequestro del sito ritenendosi danneggiata e ottenendolo. 

Per riuscire a farlo riaprire il suo coordinatore aveva fatto ricorso. Ma per farlo aveva dovuto esporsi in prima persona, col risultato di beccarsi un'ulteriore denuncia personale, a cui (nonostante lo stesso PM che aveva chiesto il rinvio a giudizio avesse formulato richiesta di assoluzione con formula piena per inesistenza di prove) il giudice ha fatto seguire la condanna a nove mesi.

Chi denuncia è condannato, chi abusa è premiato. E' questa oggi l'Ita(g)lia.

E allora a questo punto ho una preghiera per tutti voi lettori di Fortezza Bastiani. Siccome anche questo blog ogni tanto pesta i calli ad abusivi, enti, politici e incivili vari, se per caso vi arriva qualcuno chiedendo se sapete chi lo gestisce e dove abita e quali sono le sue generalità. Occhio, noi non ci siamo mai visti...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.