martedì 16 luglio 2013

Una piazza, una festa e una promessa


Tante volte su questo blog abbiamo denunciato il degrado, i danneggiamenti e gli abusi compiuti dagli organizzatori di iniziative, politiche e non, sulla nostra piazza. 

Sia chiaro, ci piacciono i concerti, le mostre, e tutte quelle iniziative che rendono viva piazza San Giovanni Bosco, ma vorremmo che ci fosse un maggior rispetto per quello che è un bene comune. Questa volta proviamo a chiedere in anticipo un impegno in tal senso agli organizzatori della prossima iniziativa, sabato 20 luglio, sapendo che da loro già una volta siamo riusciti ad ottenerlo. Ecco una breve intervista.

Il prossimo sabato, 20 luglio, sarete in piazza San Giovanni Bosco come circolo PRC "Luigi Longo" con quella che avete chiamato Festa Rossa. Un ritorno gradito dopo il buon ricordo lasciato dalla precedente edizione, a ottobre scorso. Come si articolerà questa volta la festa?

La Festa Rossa si svolgerà in una sola serata con alle 18,00 un momento politico: "microfono aperto alle realtà lavorative del nostro quartiere e della città". Poi ci sarà un punto ristoro e a sera uno spettacolo musicale di canzoni romanesche. Come vedi sarà una festa modesta, adattata ai nostri scarsi mezzi economici, ma per noi importante per ribadire la nostra volontà di essere presenti nel territorio

In che modo questa iniziativa è legata al nostro territorio, qual è lo spazio all'interno della vostra festa dedicato ai problemi dei cittadini del quartiere?

Avendo un solo giorno abbiamo deciso di parlare della cosa che ci contraddistingue, la centralità del lavoro che nel nostro territorio come ovunque riveste un importanza primaria.

Come saranno organizzati in piazza San Giovanni Bosco gli spazi della festa? Ci saranno spazi delimitati e chiusi stile villaggio a cui accedere o adotterete la logica dello spazio aperto da attraversare liberamente?

Spazi aperti da attraversare liberamente.

La piazza, specie in queste calde sere d'estate, è frequentatissima da famiglie, da tanti bambini e dai loro giochi e da tantissimi anziani. La festa porterà limitazioni (anche minime) ai loro movimenti e attività?

Tranne uno spicchio la piazza sarà completamente agibile. L'occupazione sarà minima. Occuperemo il pezzo dello scorso anno in maniera ridotta con gazebo e non con capannoni. Ci sarà un piccolo palco dove si esibirà il gruppo dello scorso anno per le canzoni romane.

Sono anni, come blog, che denunciamo l'abuso di molti organizzatori di iniziative, che non si fanno scrupolo di far entrare sul fragile lastricato della piazza auto e mezzi pesanti per il carico e lo scarico delle attrezzature, ma anche per usarla come parcheggio personale. E spesso, al termine di queste iniziative, quello che rimane a noi cittadini sono la sporcizia e i danni alla pavimentazione. Ve la sentite di prendervi un impegno davanti alla cittadinanza per evitare questi comportamenti?

Cercheremo in tutti i modi di non arrecare alcun danno alla piazza e puliremo la notte quando smontiamo le strutture. Faremo del nostro meglio per difendere la piazza, che è anche la nostra piazza.

E noi vigileremo che ciò avvenga, come già avvenuto l'anno scorso. Oltre a goderci, da cittadini, quella che sarà sicuramente una bellissima festa.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.