giovedì 9 gennaio 2014

Strisce blu in arrivo?


Sarà forse stato lo sbaglio di chi ha rifatto la segnaletica in quel punto, la pessima furbata di qualcuno che vuole farsi la zona di posteggio riservata, oppure quella striscia blu in viale San Giovanni Bosco è la prima avvisaglia dell'estensione di quel sistema di posteggio a pagamento anche al nostro quartiere?

Per ora è l'unica striscia blu notata in giro, appena accennata, e non ci sono cartelli che la accompagnano. Si spera, perciò, che si tratti solo di un errore. Perché poi, diciamocela tutta, le strisce blu dove sono state applicate hanno significato solo un costo per i cittadini e un guadagno per chi ha avuto l'appalto dal comune per gestirle. Oltre alle fregature sempre in agguato, tipo le graffette alle macchinette per bloccare il resto.


Davvero le strisce blu non avrebbero senso in una zona come la nostra, cosidetta dormitorio. Non siamo a Prati o in Centro. E chi frequenta il quartiere in buona parte ci vive anche. Compresi i tanti in situazioni limite, che vanno dalle case occupate agli affitti a nero pagati a proprietari senza scrupoli. Gli unici che verrebbero danneggiati dall'introduzione di questo sistema.

Se poi l'obiettivo (facciamo una pura ipotesi) del sindaco in bicicletta è quello di estendere il più possibile le strisce blu in modo da scoraggiare l'uso dell'auto privata a favore di metro e mezzi pubblici in ossequio a un suo personale concetto di devoluzione, è meglio che gli si ricordi che finché i trasporti pubblici romani saranno insufficienti, lerci, mai puntuali, affollati, soggetti a guasti e quant'altro, questo non sarà di certo fattibile, a meno di non voler provocare il solito mariantonettiano disastro.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.