giovedì 6 gennaio 2011

Il campione dell'AMA, nuove prodezze...


Un cassonetto rovesciato e girato a 180°, un altro messo in maniera tale che ci si chiede come ci sia riuscito (e di sicuro ci si chiede come farà il prossimo autocompattatore ad agganciarlo). 

Non c'è che dire, in via Lucio Mummio il campione delle patenti napoletane, in meno di cinquanta metri, ha dato il meglio di sé...

E se poi si svolta l'angolo, in via Tarquinio Collatino, possiamo trovare un'ulteriore probabile traccia del suo passaggio, con quei tre cassonetti messi sfalsati che più sfalsati non si può nonostante tutto lo spazio a disposizione.


Però una cosa in sua difesa va detta. Sta sicuramente migliorando. Questa volta ne ha rovesciato solo uno...

3 commenti:

  1. Così facendo altro che posti macchina in più...
    Comunque, parli al singolare, quindi tu sai chi è il fenomeno? Al contrario, sarebbe meglio parlare al plurale(secondo me)

    RispondiElimina
  2. No, non lo conosco. Diciamo che in questo caso che l'autore di queste prodezze sia stato uno solo è legittimo pensarlo, visto che quei blocchi di cassonetti sono uno dietro l'altro sullo stesso percorso obbligato dai sensi unici.

    E poi forse, per la salvaguardia di auto e motorini parcheggiati accanto e soprattutto per l'incolumità della gente che potrebbe trovarsi a passare proprio mentre il cassonetto si sgancia dalle pinze dell'autocompattatore, io SPERO che questo campione sia un esemplare unico. Ma mi sa che hai ragione tu e che io sono troppo ottimista...

    RispondiElimina
  3. Molte volte mi sono trovato a passare proprio mentre i cassonetti erano sospesi, agganciati all'autocompattatore. Eviterò in futuro, anche se sarò costretto a cambiare lato della strada.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.